La città e il porto in lutto per la scomparsa di Paolo Morsiani

di 

1 settembre 2019

luttoPESARO – Qualcuno, stamattina, al diffondersi della triste notizia, non riusciva a capacitarsi per l’improvvisa scomparsa di Paolo Morsiani, personaggio di una Pesaro che fu, di una città legata al mare, al porto. Il geometra Paolo Morsiani, prima studio in centro, poi in Calata Caio Duilio, era un gentiluomo che godeva del rispetto e della stima di chi lo conosceva per motivi di lavoro o di diletto. Un lupo di mare, un grande appassionato degli sport legati a questo meraviglioso elemento, fossero il canottaggio (è stato esponente storico del Circolo canottieri) o l’amatissima vela. Era lo storico skipper di Pisaurum, una barca che ha fatto la storia delle regate veliche. Con l’amico e socio, il commercialista Antonio Basile, Paolo Morsiani, che amava navigare anche nelle acque dell’allora Jugoslavia, oggi Croazia, si distinse durante gli eventi bellici che martoriarono i paesi d’oltre Adriatico, portando aiuti alle popolazioni delle piccole isole.

Era stato anche consigliere comunale di Forza Italia, ma alzi la mano chi lo ricorda fazioso e poco disposto ad ascoltare le idee altrui.

Storico presidente dell’Assonautica, premiato quale Amico del Mare nel 2011, fino a pochi giorni fa s’intratteneva nella veranda del Club Nautico a raccontare agli amici stagioni indimenticabili, episodi che solo lui e pochi altri hanno vissuto “governando le onde”.

All’amico Renato, che, dopo essersi distinto anche da giocatore di football americano in forza agli Angels, prosegue, da ingegnere e skipper, la tradizione di famiglia progettando e navigando, l’abbraccio affettuoso della redazione di pu24.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>