Camilla Fabbri (Pd): “Amareggiata, ma non incredula per la scelta di Renzi”

di 

18 settembre 2019

Camilla Fabbri (Foto Luca Toni)

Camilla Fabbri (Foto Luca Toni)

PESARO – “Confesso che provo amarezza ma non incredulita'”. Cosi’ l’ex senatrice marchigiana Camilla Fabbri (Pd), ora nello staff del presidente della Regione Luca Ceriscioli, commenta alla Dire la decisione dell’ex premier Matteo Renzi di abbandonare il Pd e fondare il suo partito Italia viva.

“Le questioni politiche che mi hanno allontanato dall’ex segretario, mai pregiudiziaili, parlo appunto di questioni politiche ed in nessun caso personali, hanno ragioni antiche- spiega Fabbri-. La modalita’ di direzione del partito, la capacita’ di sentire di essere parte di una comunita’, l’assenza di legame con i ceti meno abbienti, il concetto di democrazia interna, l’arroganza del confronto, l’idea che la tattica e la furbizia prevalessero sulla politica, il rispetto che si deve a quei tanti militanti ed appassionati che hanno dedicato loro stessi al nostro partito”.

La Fabbri chiede a Renzi di spiegare le ragioni che l’hanno portato a questa scelta. “Lo stesso Matteo Renzi che duramente critico’ la precedente, dolorosa scissione che non ho mai liquidato come banale- conclude-. Lo stesso Matteo Renzi che ha lavorato alla costruzione dell’attuale governo, lo stesso Matteo Renzi che oggi ne condizionera’ inevitabilmente il percorso. Le scissioni hanno ragioni ideologiche e ideali, seppur a mio avviso sbagliate. Ci spiegasse Renzi le sue”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>