Padova dà lezioni di cinismo, Vis Pesaro ko al Benelli: le FOTO di Baioni. E mercoledì si va a Vicenza

di 

22 settembre 2019

VIS PESARO – PADOVA 0-2
VIS PESARO (3-5-2): Golubovic; Gennari, Farabegoli, Lelj; Misin (13′ st Grandolfo), Rubbo (30′ st Pedrelli), Paoli, Ejjaki, Campeol (36′ st Adorni); Malec (36′ st Tascini), Voltan. All. Pavan
PADOVA (3-5-2): Minelli; Pelagatti (40′ st Andelkovic), Kresic, Lovato; Fazzi, Germano (10′ st Buglio), Ronaldo, Castiglia (24′ st Rondanini), Baraye; Mokulu (9′ st Bunino), Santini (39′ st Mandorlini). All. Sullo
ARBITRO: Bitonti di Bologna
RETI: 36′ pt Ronaldo, 26′ st Bunino
NOTE: giornata nuvolosa, terreno di gioco in buone condizioni, spettatori 1.651; ammoniti Paoli, Rubbo, Santini, Ronaldo, Buglio, Castiglia; angoli 0-1, recupero 2+6

PESARO – Padova cinico, la Vis va ko all’inglese. E dire che i pesaresi hanno giocato un buonissimo primo tempo, andando vicini alla segnatura col gigante Malec, preferito a Grandolfo, liberato da un cross da sinistra di Rubbo: palla appena larga. La capolista passa al 36′, con Ronaldo che da 20 metri disegna all’angolino una punizione concessa ingenuamente da Lelj e su cui Golubovic non arriva.

Nella ripresa, nonostante il cambio di modulo – dal 3-5-2 al 3-4-1-2 – la Vis non crea occasioni e viene punita dal subentrato Bunino, che mette dentro un tiro sbagliato di Santini che diviene assist smarcante.

Nemmeno il tempo di metabolizzare il terzo ko stagionale, secondo consecutivo dopo l’1-2 di Ravenna, che mercoledì si torna in campo. Trasferta ancora complicata per la Vis, che sarà di scena a casa del Vicenza di Di Carlo. Prossima partita al Benelli domenica alle 15 contro la Triestina, altra big.

LE FOTO FIRMATE FILIPPO BAIONI

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>