Un numero 1 per la Vis Pesaro. Ecco l’ex serie A Christian Puggioni: “La categoria non conta”

di 

29 novembre 2019

PESARO – Entusiasmo a pallettoni. Christian Puggioni, portiere 38enne con oltre 100 presenze in serie A, è stato accolto da un centinaio di tifosi vissini oggi allo stadio Benelli, dove si è presentato dopo visite mediche e firma sul contratto fino al 2021.

“Nella vita ci sono momenti in cui ti si presentano sfide che devi cogliere – ha detto il 38enne genovese ex, fra le altre, di Reggina, Chievo, Benevento e Sampdoria – Io ho deciso di farlo alla Vis, mettendomi a disposizione di chi ha voglia di sognare”. E poi ancora: “La categoria non è importante. Non contano le infrastrutture né l’impatto economico, ma i valori che trasmettono determinati uomini. Quando sono stato contattato dal direttore sportivo Crespini, e poi dal dg Borozan e dal presidente Bosco, sono stato colpito da quanto prospettatomi. Senza contare che nel 2009 ero coinquilino di un certo Denis Tonucci (difensore oggi alla Juve Stabia, ndr) che non faceva altro che parlarmi della sua città, Pesaro, e dell’incredibile qualità della vita. Questa cosa mi è rimasta dentro”.

Grande la voglia di rivalsa di Puggioni: “A Benevento, dopo la prima stagione in A in cui abbiamo vinto anche a San Siro col Milan, sono state messo in discussione dalla nuova guida tecnica. Oggi sono qua, a Pesaro, in una città dove le persone che mi hanno contattato per valori umani, trasparenza e serietà valgono la serie A”.

Non sarà impiegato domenica, nella trasferta di Modena, perché dice di non avere fretta: “Dopo la vicenda di Benevento, mi sono preso alcuni mesi per i miei figli – tutti maschi – di 9, 7 e 2 anni. Ecco che atleticamente non ho lavorato tantissimo, ed essendo un perfezionista non voglio accelerare il rientro. Anche per rispetto di chi alla Vis c’è già da tempo. Non mancherei mai di rispetto a un compagno”.

Borozan e Crespini, i direttori, che hanno ringraziato il presidente Bosco per il regalo fatto alla Pesaro del pallone, hanno rivelato come Bianchini e Golubovic continueranno a rimanere nella famiglia Vis: “Il primo è giovane, il secondo lo manderemo a giocare dopo avergli rinnovato probabilmente il contratto. Questo per dire che noi non scartiamo nessuno”.

LE FOTO

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

IL VIDEO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>