F.1. Ad Abu Dhabi cala il sipario sul mondiale con l’ennesimo trionfo di Hamilton

di 

1 dicembre 2019

Selfie di Lewis Hamilton per festeggiare la vittoria

Selfie di Lewis Hamilton per festeggiare la vittoria

YAS MARINA (Abu Dhabi)- Lewis Hamilton stravince il GP di Abu Dhabi ultimo appuntamento del mondiale 2019, una vittoria netta come spesso il campione inglese è abituato a fare, che suggella una per lui favolosa stagione, che come sappiamo lo ha portato alla conquista del sesto titolo mondiale oltre a proiettarlo definitivamente nella storia delle corse. Non è che oggi abbiamo capito che fuoriclasse è Hamilton,ma per chi ancora nutrisse qualche dubbio è lui stesso a fugarlo, stabilendo anche il giro più veloce nel finale con gomme usurate, semplicemente stratosferico il pilota,  se poi aggiungiamo che guida una Mercedes altrettanto stratosferica, sportivamente tutti in piedi e tanto di cappello. Al secondo posto chiude Max Verstappen, che oggi a differenza di quindici giorni fa in Brasile nulla ha potuto contro il “pacchetto” Hamilton-Mercedes, comunque un risultato che gli permette di ottenere il terzo posto nella classifica piloti, oltre alla soddisfazione di essere salito tre volte sul gradino più alto del podio. Il giovane talento olandese della Red Bull, quando si concentra ed evita disastri rimane un predestinato per “sostituire” un giorno, lui ovviamente spera prossimo, Lewis Hamilton. Stesso discorso per Charles Leclerc, oggi terzo con sofferenza finale , il giovane monegasco comunque al netto delle “incomprensioni” con Vettel e delle scelte diciamo azzardate per non dire incomprensibili del Team, compreso anche gli errori come quello di ieri sulla benzina, costata fortunatamente solo una pesante multa alla Ferrari, si conferma anche lui un pretendete al trono della F.1. Leclerc ha conquistato e riacceso le speranze dei tifosi della Ferrari, con le strepitose vittorie di Spa e Monza,  vincendo anche la consolatoria e purtroppo ininfluente classifica dei polemen 2019 con sette sigilli  del sabato, se Binotto ed i suoi gli forniranno una monoposto all’altezza lui è pronto. Chi dovrà rigenerarsi nella pausa invernale è senz’altro Sebastian Vettel oggi quinto incolore, con solo qualche sprazzo nei tentativi di sorpasso. Il tedesco dovrà ancora scavare nel suo io, dopo un altro anno no , costellato di errori suoi e sofferenze creategli dallo scomodo compagno. Ora Vettel ha a disposizione quattro mesi per ritrovarsi, magari aiutato dall’arrivo del terzo figlio, perchè la Ferrari e la F.1 non può e non  perdere un quattro volte campione.

Scambio di complimenti fra Verstappen e Hamilton

Scambio di complimenti fra Verstappen e Hamilton

TOP TEN- Quarto posto per Valtteri Bottas, partito dal fondo guidando però una Mercedes è riuscito in una grande rimonta che lo ha portato ad insidiare nel finale il podio di Leclerc. Detto di Vettel anonimo quinto, al sesto posto chiude Alex Albon, l’anglo-thailandese della Red Bull si conferma ancora una volta una delle positive rivelazioni di questo campionato, senz’altro sentiremo ancora parlare di lui, unico e non piccolo problema per Albon è avere in squadra un certo Verstappen, vedremo cosa saprà fare il giovanotto. Settimo un altro combattente  di razza Sergio Perez, il messicano della Racing Point è ormai “specializzato” ad imprese  sopperendo con la sua forza ad  monoposto  che di “vincente” ha solo la ricchezza del suo proprietario : il signor Stroll  papà del suo compagno Lance. Ottava piazza per l’altra rivelazione 2019 Lando Norris, il giovane inglese ha portato un importante contributo alla McLaren per la conquista della quinta piazza nel costruttori, rilanciando le ambizioni future del prestigioso team inglese. Nono è il russo Danil Kvyat, al suo ritorno in F.1 dopo un anno sabbatico, il veloce  pilota della Toro Rosso, si è tolto parecchie soddisfazioni come il secondo posto in Germania. L’ ultimo punto della classifica di oggi e del 2019,va a Carlos Sainz, lo spagnolo figlio d’arte, pur essendo giovane è ormai un esperto della  F.1, ed anche se a Yas Marina ha preso la “paga” dal compagno Norris, ha contribuito con gare concrete culminate con il podio del Brasile, all’importante risultato della McLaren.

Ora la F.1 va in vacanza, torneremo comunque presto a parlarne per analizzare questo campionato e per provare a capire cosa ci riserverà il 2020.

Foto di gruppo finale per la Ferrari nonostante una stagione interlocutoria

Foto di gruppo finale per la Ferrari nonostante una stagione interlocutoria

ORDINE DI ARRIVO GP DI ABU DHABI

  1. HAMILTON-MERCEDES
  2. VERSTAPPEN- RED BULL
  3. LECLERC-FERRARI
  4. BOTTAS- MERCEDES
  5. VETTEL-FERRARI
  6. ALBON-RED BULL
  7. PEREZ- RACING POINT
  8. NORRIS- McLAREN
  9. KVYAT-TORO ROSSO
  10. SAINZ-McLAREN

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>