Per l’automobilismo pesarese un 2019 ricco di successi

di 

30 dicembre 2019

PESARO – Si chiude un anno ricco di successi in generale per l’automobilismo pesarese, a partire dai piloti passando per l’organizzazione di gare, eventi ,raduni ed iniziative dei vari Club di auto d’epoca o affiliati a case , per finire con la “partenza” ufficiale del progetto “Terra di Piloti e Motori”, l’Associazione per valorizzare la storia, il presente ed il futuro del patrimonio motoristico pesarese e regionale, creata dai Comuni di Pesaro e Tavullia e finalizzata dal Consigliere  Regionale Andrea Biancani.

I PILOTI– Partiamo dai piloti pesaresi che si sono distinti vincendo titoli nazionali. Grande exploit  del sedicenne Diego Di Fabio, che al debutto assoluto nelle competizioni ha trionfato nel “Mini Challenge” vincendo il Titolo Italiano nella classe “Lite”. Un successo  prestigioso quello del giovane di Cattabrighe, che PU24.IT, ha seguito da vicino per l’anno e  avremo il piacere di raccontarvi ancora le imprese di  Diego nel 2020, dove continuerà nel Mini Challenge, passando alla classe “PRO”, che si disputa con le Cooper John Works da 270cv.Inoltre per Di Fabio, adocchiato da importanti team ci può essere la prospettiva di qualche  gara  spot con altre vetture di categorie superiori.

Alessandro Rinolfi- Ormai nella bacheca del “veterano”  pesarese lo spazio per titoli  e trofei  inizia ad essere stretto. Anche in questo 2019 Rinolfi ha portato a casa l’ennesimo titolo della Classe 1.300 nel Campionato Italiano Velocità Montagna Autostoriche. Volando sui tornanti della penisola con la sua Austin Morris  Cooper 1.275, Rinolfi inanellando una serie impressionante di vittorie, aggiunge come detto un altro titolo che va a fare compagnia a quelli  Nazionali Assoluti, ed agli altri di categoria e classe,  ottenuti sempre nelle  Autostoriche , per contare i quali non bastano più le dita di entrambi le mani. Di Rinolfi, grande appassionato, ne parleremo ancora fra …poche righe come ideatore della “Coppa Faro”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

COPPA FARO- La prestigiosa gara sui tornanti della “Panoramica San Bartolo”, riportata in vita dopo quasi mezzo secolo da un idea di Alessandro Rinolfi, alla sua seconda edizione , nel week end del 11/13 ottobre scorso, si è fregiata della validità per il Campionato Italiano Velocità Montagna Autostoriche, un importante riconoscimento ottenuto grazie al supporto fondamentale degli organizzatori della “P&G Racing” e della “Intercontact s.r.l.” per la parte  logistica- finanziaria, oltre al Patrocinio delle  principali Amministrazioni locali ed all’ appoggio di Terra di Piloti e Motori ed ACI Pesaro-Urbino, ai quali si sono uniti diversi sponsor il cui supporto è stato altrettanto fondamentale visto l’impegno anche economico che richiede l’organizzazione di un evento a livello nazionale come la “Coppa Faro”. Grazie a questo efficiente mix di appassionati sui “primi” quattro chilometri della Panoramica si sono sfidati circa novanta piloti specialisti del CIVSA, scesi a Pesaro in massa per la lotta ai vari titoli in palio, visto che la Coppa Faro era l’ultimo appuntamento del Campionato. Rinolfi con P&G Racing e Intercontact s.r.l. Sono già al lavoro per l’edizione 2020 della Coppa Faro, che i prossimi 9/11 ottobre 2020 è stata inserita come unica riserva del Campionato Italiano, con la probabile possibilità di passare titolata come quest’anno.

AUTOMOTOCLUB STORICO PESARO “DORINO SERAFINI”– Il Club  federato ASI, punto di riferimento da oltre trenta anni per gli appassionati di auto e moto storiche pesaresi e non solo, in questo 2019 si è distinto per i prestigiosi raduni a calendario, i quali  sono  sempre organizzati valorizzando le  eccellenze paesaggistiche e gastronomiche  uniche del nostro territorio. Ma  il Direttivo dell’ ASP, si è superato organizzando dal 8 al 22 dicembre scorso una Mostra dedicata a Dorino Serafini, l’ indimenticato Campione pesarese , Campione sulle due e quattro ruote, dagli anni ’30 ai ’50, al quale è intitolato il sodalizio. Uno sforzo economico ed organizzativo voluto per salvare dalle note vicende del Museo Morbidelli nel quale erano esposti i cimeli e la storia di Dorino Serafini. Grazie all’ intercedere degli eredi del pilota, alla disponibilità della famiglia Morbidelli ed al patrocinio e supporto del Ingegner Paccapelo Presidente di Terra di Piloti e Motori, ed alla consulenza di Franco Andretini, giornalista e scrittore pesarese che ha vissuto da vicino gli ultimi anni di Serafini l’ASP è riuscito a realizzare questa bellissima mostra, nella Sala Laurana situata nel centrale Palazzo della Prefettura. Inaugurata dal Sindaco Matteo Ricci dall’Assessore Regionale Biancani e dall’Assessore allo Sport e Bellezza del Comune di Pesaro Mila Della Dora, la rassegna è stata  visitata da tantissimi pesaresi e turisti che hanno potuto conoscere a fondo la storia di Dorino Serafini, che come detto è stato un Campione con prima con le moto, pilotando anche la “nostra” Benelli e poi passato alle auto come pilota ufficiale della Ferrari. Il successo dell’evento rafforza la volontà del sodalizio di creare una mostra permanente proponendo  all’amministrazione comunale di mettere a disposizione un sito per realizzare l’idea.

Con i presupposti che abbiamo elencato ci sono tutti gli elementi per un 2020 ancora da protagonista per le “quattro ruote” pesaresi, e visto come  purtroppo stanno andando il Basket ed il Calcio locale, l’affascinante mondo dell’ automobilismo ed i suoi protagonisti  possono salire ancor più meritatamente alla ribalta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>