Game over: Pesaro va ko anche contro Trieste (76-82) e chiude a 0 la peggiore andata della sua storia

di 

5 gennaio 2020

Sacco Vuelle (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

Sacco Vuelle (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO – ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE 76-82
CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: Barford 21, Drell ne, Mussini 0, Williams 14, Pusica 5, Miaschi 0, Eboua 20, Thomas ne, Totè 5, Zanotti 11. All.Sacco
ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE: Coronica 1, Cooke 8, Peric 14, Fernandez 13, Jones 20, Strautins 0, Janelidze 0, Cavaliero 4, Da Ros 0, Mitchell 9, Elmore 9, Justice 4. All. Dalmasson
ARBITRI: Mazzoni, Bongiorno, Galasso
PARZIALI: 27-25, 20-23, 17-16, 12-18
SPETTATORI: 4.085

PESARO – Finisce tra i fischi di un arrabbiatissimo pubblico il girone d’andata peggiore della storia della Victoria Libertas, chiuso con zero vittorie su 16 partite. L’ultima pietra sulle residue speranze l’ha messa una modesta Trieste, che senza nemmeno sforzarsi più di tanto, vince per 82 a 76, una partita vissuta sempre sul filo dell’equilibrio, dove la Vuelle non ha avuto la forza necessaria per imporsi nel finale punto a punto, tradita da Williams, ovvero quello che doveva essere il salvatore della patria. Male anche Mussini e Pusica, in una Carpegna Prosciutto che ha avuto qualcosina di positivo da Eboua e Barford, oltre alla solita generosità di Zanotti. Tutto qui, con Sacco che continua ad allenare come se fosse in serie A2, con una rotazione a sette, dove Thomas e Drell nemmeno vengono presi in considerazione. Ci attendono adesso altre 16 partite, che saranno una lunga agonia sportiva verso l’inevitabile retrocessione.

PRIMO QUARTO

Buon pubblico alla Vitrifrigo Arena, con una rumorosa presenza ospite. Prima della palla a due un minuto di silenzio toccante per ricordare la prematura scomparsa di Paolo Piccoli. Pesaro senza Clint Chapman, in procinto di lasciare la Vuelle una volta risolto il problema alla caviglia, con coach Sacco che manda sul parquet Pusica e Barford da esterni, Williams da ala piccola e la coppia Totè-Eboua a presidiare i tabelloni. Parte bene la Carpegna Prosciutto, con Barford a segnare in entrata il 4 a 0, ma Jones con 4 punti consecutivi riporta il match in parità, con Cavaliero a segnare la tripla del 7 a 6 ospite. Si accende Eboua, con una schiacciata ed una tripla dall’angolo, stessa azione che consente a Pusica di pareggiare a quota 12, si gioca in velocità, con gli attacchi che trovano soluzioni comode, anche se ci vuole la seconda tripla di Eboua per rimettere la testa avanti (17-15). Si iscrive a referto un fin qui prudente Williams, con tre liberi, e una tripla di Barford consente ai padroni di casa di portarsi sul 23 a 22, ci vogliono nove minuti prima che coach Sacco effettui il primo cambio, con Zanotti al posto di Totè, in un primo quarto che la Carpegna Prosciutto chiude in vantaggio per 27 a 25.

SECONDO QUARTO

Tre triple di Elmore consentono all’Allianz di pareggiare a quota 31, con la Vuelle che si affida a Williams per cercare di rimanere dentro il match, con Troy a servire assist, segnare in entrata e dalla lunetta, ed Eboua a segnare in schiacciata il suo 14esimo punto, portando la Carpegna Prosciutto sul 38 a 31. Vantaggio che si riduce a sole due lunghezze, causa attacco meno fluido del dovuto, inducendo coach Sacco a chiamare il suo primo timeout, entra anche Miaschi, per far riposare un confusionario Barford, con Zanotti ad interrompere un parziale di 7 a 0, che ha consentito agli ospiti di tornare in parità. Si risveglia Williams, con un gioco da tre punti (43-38), con Peric a tenere l’Allianz in linea, prima di commettere il suo terzo fallo, e Jones a riportate aventi Trieste, in un secondo quarto che si chiude sul punteggio di 48 a 47 per gli ospiti.

Le statistiche di metà partita evidenziano la buona prova di Eboua (14 punti e 4 rimbalzi) e Williams (12 punti), per una Vuelle che ha visto anche Barford raggiungere la doppia cifra, ma è la percentuale da tre a consentire all’Allianz di condurre, dato che Trieste sta tirando col 53%, contro il 36 % di Pesaro.

TERZO QUARTO

Coach Sacco ripresenta gli stessi cinque uomini che avevano iniziato il match, con Barford a segnare da sotto il primo canestro del secondo tempo, si va avanti in equilibrio, prima che gli ospiti provino ad allungare col solito Peric, un rebus per Eboua, in una Vuelle che fatica a trovare punti facili e si ritrova sotto 56 a 52, complice la solita mira storta dall’arco, ci si mette anche coach Sacco, che si fa fischiare un tecnico in un momento delicato, e gli ospiti volano sul 60 a 54, con la Carpegna Prosciutto in rottura prolungata, senza idee in attacco e con una difesa che subisce i conseguenti contropiedi triestini, ci deve pensare Barford a risvegliare i suoi, con un gioco da quattro punti che riporta il punteggio in parità a quota 60. Quando Eboua segna su rimbalzo offensivo, la Vuelle torna momentaneamente avanti, in un terzo quarto che si si chiude sul punteggio di 64 pari.

ULTIMO QUARTO

Dieci minuti per rimanere attaccati a un’illusione, con il dovere comunque di provarci fino alla sirena. Trieste si porta sul 70 a 67, grazie a Jones, con Zanotti a pareggiare dall’arco, sarebbe arrivato il momento di Williams, preso soprattutto per questo, per girare le partite punto a punto, ma Troy finora non si è acceso, anzi, e quando Cooke segna da sotto, l’Allianz si porta sul 74 a 70, con 5 minuti sul cronometro, vantaggio che aumenta fino al 78 a 70, grazie al solito Peric. Si entra così negli ultimi tre minuti, sul punteggio dii 78 a 74, e come consuetudine vi forniamo il play to play:
Williams sbaglia in entrata, Trieste sbaglia, ma prende per due volte il rimbalzo offensivo, prima di commettere infrazione di 24 secondi, Williams segna in acrobazia (76-78), Fernandez segna dai 4 metri (76-80), Williams sbaglia forzando, e dopo l’errore di Peric, è sempre Williams a sbagliare un forzatissimo coast to coast, mettendo la parola fine sulla partita e probabilmente sulla stagione, Trieste vince per 82 a 76 e tanti saluti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>