Basket Serie A: al via le scommesse per la sfida tra VL Pesaro e Fortitudo Bologna

di 

9 gennaio 2020

 

basketSono già partite le scommesse per la prossima sfida nella Serie A di pallacanestro che vedrà l’Unione Sportiva Victoria Libertas Pesaro, ultima in classifica, sfidare la Fortitudo Bologna per la prima giornata di ritorno prevista l’11 gennaio.

Questa sarà l’ultima possibilità per la squadra marchigiana per recuperare terreno e non finire a zero punti al giro di boa del campionato, in seguito all’ultima sfida casalinga contro Trieste, penultima in classifica, terminata con la sconfitta dei pesaresi per 76 punti a 82.

Tra le altre sfide della prossima giornata di campionato ci sono quelle tra Reggiana e Brescia prevista l’11 gennaio, mentre il 12 gennaio sono in programma le sfide tra Milano e Treviso, Virtus Roma contro la capolista Bologna, Cantù verso Brindisi, Trieste contro Reyer, Dinamo Sassari verso Varese, mentre  Pistoia affronterà Trento.

Tuttavia sembrano poche le possibilità per il Pesaro, attualmente fanalino di coda in Serie A, di recuperare punti e risalire in classifica, anche in vista della prossima sfida contro la squadra bolognese che intanto si trova in sesta posizione.

Sono scettici a riguardo anche gli operatori sportivi come Skybet, dato che in questa stagione non Pesaro non ha ancora totalizzato alcun punto.

Il rischio di retrocedere in Serie A2 sembra palpabile ed oramai quasi l’oggetto di scommesse più accreditato, sebbene la società riponga ancora speranze in un incredibile recupero, stando alle ultime dichiarazioni rilasciate dal Presidente Luciano Amadori. Il Presidente della VL Pesaro ha infatti chiarito che la società è sana, senza alcun debito, per cui non ha intenzione di avviare alcuna cessione sul mercato.

basket2Eppure, negli anni ’80 nessuno avrebbe scommesso in un calo così vertiginoso della squadra pesarese, quando si trovava ai vertici della classifica, vincitrice di ben due Coppe Italia ed una Coppa delle Coppe.

La VL Pesaro viene fondata ufficialmente il 1 luglio del 1946, iniziando in serie B per poi conquistare la promozione in prima serie nel 1950.

Nel 1974, la squadra pesarese retrocede in serie A2, ma l’anno successivo la famiglia Scavolini decide di sponsorizzarla, cominciando un’avventura che durerà decenni, diventandone di fatto la proprietaria nel 1985. Nel 1978, la VL Pesaro ritorna in serie A1 dove vi rimarrà fino al 1998 quando retrocesse nuovamente.

La squadra ritorna in serie A1 nel 2000 ma con risultati del tutto deludenti. Nel 2003 la squadra tentò di rafforzarsi con l’acquisto di giocatori di spessore, come Alphonso Ford e Aleksandar Đorđević. Quell’anno le scommesse furono in parte vinte: la squadra giocò la finale di Coppa Italia ma venne sconfitta da Treviso, arrivò in semifinale, dove venne battuta da Siena, e si aggiudicò la qualificazione all’Eurolega.

Nel 2004 il mondo della pallacanestro visse momenti difficili, a seguito di un grave lutto che colpì la famiglia Scavolini e della morte inaspettata di Alphonso Ford, che venne sostituito da Charles Smith. La stagione fu comunque positiva, ricordata per vittorie storiche come quella a Barcellona contro il Maccabi Tel Aviv, sebbene la squadra pesarese non riuscì a qualificarsi per i playoff.

Tuttavia, sul finire del campionato, la VL Pesaro visse delle difficoltà finanziarie che si convertirono l’anno successivo in una dichiarazione di fallimento per l’assenza dei requisiti necessari per partecipare alla massima serie.

Ripartendo dalla serie B per la stagione 2005-2006, la squadra pesarese ritorna ad essere promossa in serie A1 nel 2007, vivendo successivamente delle stagioni altalenanti. Tra il 2013 ed il 2014, per la prima volta la VL Pesaro lascia il suo storico sponsor Scavolini e vive un’annata alquanto turbolenta, essendo costretta ad un mercato low cost. Nella stagione successiva, la prima con il nuovo sponsor Consultinvest, la VL Pesaro riesce a salvarsi solo all’ultima giornata di campionato con una vittoria casalinga su Juvecaserta Basket.

Nonostante la retrocessione in serie A2 per questa stagione sembri oramai matematica, probabilmente ai primi di marzo dopo la pausa per la Coppa Italia, ci sono ancora gli speranzosi pronti a scommettere su di un epilogo come quello avvenuto nel 2015, auspicando che la società dia segni di vita con l’acquisto di un play e un pivot. Non resta altro da fare che attendere.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>