Volley femminile serie A2: Matteo Bertini guida Trento alla conquista della Coppa Italia

di 

2 febbraio 2020

Il trionfo dopo la vittoria: Trento e Bertini premiati con la Coppa Italia (Foto Rubin/LVF)

Il trionfo dopo la vittoria: Trento e Bertini premiati con la Coppa Italia (Foto Rubin/LVF)

OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 1-3

Italia (Foto Rubin/LVF)

OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO: Bonelli, Decortes 28, Gray 7, Lualdi 5, Saguatti 21, Pamio 8, Bresciani (L), Saveriano, Mazzon 3. N.E. De Bellis, Coulibaly, Pinali e Mandrelli. All. Saja
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Berasi, Piani 31, Fondriest 8, Furlan 9, D’Odorico 10, Melli 17, Moro (L), Cosi, Kosekova, Barbolini. N.E. Vianello e Giometti. All. Bertini
ARBITRI: Piera Usai e Beatrice Cruccolini
PARZIALI: 20-25; 19-25; 31-29; 21-25 in 127 minuti

BUSTO ARSIZIO – 02-02-2020, una data e un numero palindromo che resteranno nella storia della Delta Informatica Trentino. Una storia, recente, incominciata la scorsa estate, quando la società del presidente Roberto Postal, reduce dalla delusione per la sconfitta in gara 3 della semifinale playoff con la VolAlto Caserta che l’escludeva dalla finale per la promozione in A1, ha affidato la guida tecnica della nuova squadra a Matteo Bertini. A sua volta, l’ottimo allenatore di Marotta, terra di volley (anche Davide Mazzanti, allenatore della Nazionale femminile, è marottese), era reduce dalla delusione per la stagione sulla panchina della Zanetti Bergamo, mal ripagato – è nostra convinzione – da chi avrebbe dovuto dare l’anima per l’allenatore che l’aveva lanciata nel firmamento azzurro.

Matteo Bertini e il suo staff prima della finale di Busto Arsizio (Foto Rubin/LVF)

Matteo Bertini e il suo staff prima della finale di Busto Arsizio (Foto Rubin/LVF)

Dopo belle stagioni in A1, alla guida di Pesaro che aveva trascinato ai playoff pure da neopromossa e con una squadra alle prese con evidenti problemi economici (le ragazze non percepivano gli stipendi), Matteo Bertini non ha esitato a tornare in A2, convinto dalla serietà della società trentina e dalla bontà del progetto tecnico.

La stagione regolare ha ribadito la bontà di tutte le scelte. La finale di Coppa Italia, contro l’altra grande protagonista della serie A2, le ha confermate.

Quando Vittoria Piani (giustamente scelta Mvp della partita) ha messo a terra il punto decisivo, dando il via alla festa della Delta Informatica Trentino, la sensazione che, a dispetto di uno straordinario terzo set, in cui l’Omag (che come la Delta Informatica Trentino ha perso la palleggiatrice titolare), ha fatto il possibile e l’impossibile per non arrendersi 0-3 e provare poi a giocarsela al tie-break, era un finale scritto fin dalla prima battuta. Infatti, capitan Fondriest e compagne non hanno battuto ciglia e sono ripartite come nei precedenti set, chiudendo meritatamente una finale in cui, a parte la parentesi nella fase finale del terzo set, Trento ha dato sempre l’impressione di dominare. Allo stesso tempo, l’Omag ha mostrato di essere spesso in affanno, pure lottando su ogni palla, con scambi interminabili che hanno allungato la finale a tempi da… tie-break.

Le cifre della sfida raccontano di 29 errori romagnoli, contro i 19 di Trento (nella media ottimale di Bertini, che non vorrebbe più di 5 errori a set).

E pensare che il servizio Omag aveva prodotto un quoziente strepitoso: 8 battute sbagliate, 7 vincenti! (9 a 1 per la Delta Informatica), ma l’attacco ha prodotto un misero 28% (55/197) contro il 35% (63/180) delle trentine.

La Coppa Italia è andata a chi ha meritato di più e sul podio ha portato la maglia di Elisa Moncada, la palleggiatrice infortunata, sottoposta sabato a intervento chirurgico per ricostruire il legamento crociato del ginocchio sinistro, infortunato nel corso del primo set giocato nella trasferta a Montecchio Maggiore, il 26 dicembre.

Un time-out di coach Saja con le ragazze dell’Omag San Giovanni in Marignano (Foto Rubin/LVF)

Un time-out di coach Saja con le ragazze dell’Omag San Giovanni in Marignano (Foto Rubin/LVF)

Allo stesso tempo, però, che dispiacere vedere le lacrime solcare i visi delle romagnole, che dal ritorno in palestra penseranno al prossimo 8 marzo, quando la Delta Informatica Trentino sarà a San Giovanni in Marignano nella quinta e ultima giornata d’andata della poule per la promozione diretta in serie A1. Come confermava ieri Ilaria Battistoni intervistata da pu24.it, l’Omag ha tutte le intenzioni di provare a riportare la Romagna nella massima serie. Poule che inizierà domenica 9 febbraio, quando l’Omag ospiterà Mondovì, superata domenica scorsa nella semifinale di Coppa Italia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>