Coppa Italia Zurich Connect, Banks fa saltare il Banco. La famiglia Cinciarini è in semifinale

di 

14 febbraio 2020

PESARO – Potevano essere le semifinali della famiglia Vitali, ma prima Michele poi Luca escono dalla corsa. Sul carro salgono i fratelli Cinciarini. Daniele raggiunge Andrea e sabato 15 sarà davvero speciale per famiglia pesarese.

Banco di Sardegna Sassari – Happy Casa Brindisi 86-91

Sassari: Spissu 15, Bilan 8, Bucarelli, De Vecchi ne, Evans 12, Magro ne, Pierre 21, Stefano Gentile 6, Coleby 2, Michele Vitali 2, Jerrels 20. All. Pozzecco.

Brindisi: Brown 2, Banks 37, Martin 14, Sutton 10, Zanelli 3, Guido ne, Gaspardo 6, Campogrande, Thompson 10, Cattapan ne, Stone 9, Ikangi ne. All. Vitucci.

Arbitri: Lanzarini, Vicino e Bartoli

Parziali: 22-26; 16-13; 23-25; 26-27

IMG_6486Nella sfida tra… bancari, vince lo straordinario Adrian Banks (6/8 da 2; 6/12 da 3; 7/7 dalla lunetta). Il Banco di Sardegna allunga la fila di prime della classe che non bevono in Coppa… Italia e fa onore, come la Segafredo, alla commedia che Lello Arena sta portando in scena nel Teatro Rossini, pochi chilometri di distanza dalla Vitrifrigo Arena. Già, nobiltà in campionato, miseria in Coppa. Ma non avevamo visto male quando, presentando le finali, avevamo preannunciato difficoltà per le prime due della classe. Brindisi ha vinto con merito una partita avvincente (“uno spot per il nostro basket”, ha commentato Pozzecco, riconoscendo i meriti degli avversari e dei propri ragazzi), che è stata decisa da una tripla di Martin terminata a canestro dopo essere rimbalzata sul ferro.

Germani Brescia – Pompea Bologna 73-76

Brescia: Zerini 3, Trice, Abass 10, Cain 4, Luca Vitali 14, Laquintana 6, Lansdowne 15, Veronesi ne, Guariglia ne, Horton 6, Moss 7, Sacchetti 8. All. Esposito.

Bologna: Robertson 2, Aradori 19, Daniele Cinciarini 11, Mancinelli 9, Dellosto ne, Leunen 7, Sims 17, Fantinelli 11, Daniel, Stipčević. All. Martino.

Arbitri: Begnis, Lo Guzzo e Borgioni.

Parziali: 17-17; 17-16; 22-20; 17-23.

Dopo un primo tempo assai equilibrato, come raccontano i numeri (a proposito: solo Sims, 11, in doppia cifra), Brescia guadagna un discreto vantaggio a inizio ripresa, ma se lo fa mangiare complice anche un fallo tecnico a Esposito. Però è sempre la Germani a menare le danze. Sul 64-62 Aradori commette il quarto fallo. Ma è Moss che esce per falli e Aradori centra i due liberi della parità a 64. Cinciarini sorpassa con un 2 più tiro libero: 66-69. Tre punti di vantaggio a 3 minuti dalla fine. Sims sceglie bene un piazzato dalla media distanza ed è più 5 Fortitudo. Brescia non segna più, ma trova la tripla del meno 2, respinta da un tiro altrettanto pesante di Fantinelli. Vitali in entrata dà speranze alla Germani. Di più un’infrazione di passi di Mancinelli, punita da Cain: 73-74. Si va al fallo sistematico, che Fantinelli capitalizza: 73-76. Sacchetti cerca una magata, sperando in un fallo da tre liberi, ne sortisce solo una palla al vento che spinge la Fortitudo in semifinale.

Next Generation, la Carpegna Prosciutto Papalini sfiora la rimonta, ma è poco fortunata

I ragazzi di Giovanni Luminati, sconfitti il giorno prima dalla Dolomiti Energia Trentino, sono protagonisti di una straordinaria rimonta, ma devono arrendersi alla differenza canestri solo dopo un supplementare condito da tanta cattiva sorte. Però meritano un applauso.

Le altre squadre qualificate: Venezia, Pistoia e Reggio Emilia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>