Consiglio comunale di Pesaro, delibere e mozioni approvate nella seduta dell’11 maggio

di 

12 maggio 2020

PESARO – Emergenza Coronavirus e ripartenza della città nella Fase 2: sono questi i temi principali del Consiglio comunale dell’11 maggio 2020.  L’assise si è aperta con la risposta scritta alle interrogazioni e l’approvazione all’unanimità delle delibere discusse in aula dall’assessore al Bilancio Riccardo Pozzi.

INTERROGAZIONI

Due, le interrogazioni di giornata presentate dai consiglieri M5S Lugli, Sperindei, Vanzolini.

La prima ha come oggetto la “diffusione e il potenziamento internet a banda ultralarga”. A rispondere l’assessore all’Innovazione Francesca Frenquellucci: “La situazione è aggiornata al Piano Telematico Regionale, approvato nel 2016, che prevede la realizzazione di un’infrastruttura in fibra al fine di dotare le zone bianche (quelle nelle quali non è previsto che un operatore intervenga in quanto a caduta di mercato ndr) della banda ultralarga. La Regione Marche ha appaltato i lavori alla società Open Fiber. È imminente l’avvio dei lavori per la prima parte a copertura delle zone bianche, con un rallentamento dovuto all’emergenza Covid-19. Con il secondo intervento, sarà realizzata una dorsale in fibra per la connessione delle sedi Comunali del centro (via Branca- via Rossini e corso XI Settembre- via S.Francesco). Qui esisteva già una fibra una rete in fibra risalente alla fine degli anni ’90 e ormai non più in grado di supportare la velocità richiesta oggi”. Ulteriori informazioni e approfondimenti, sul sito della Regione Marche: https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Agenda-Digitale/Infrastrutture-per-la-Banda-Ultra-larga/Politica-regionale-per-la-banda-ultralarga

La seconda interrogazione affronta il tema “emergenza Covid19, adozione delle modalità di lavoro agile (smart working) e delle altre misure di protezione sanitaria del personale”. Questa la risposta dell’assessore alla Coesione Mila Della Dora: “L’amministrazione comunale si è prontamente attivata per limitare al minimo indispensabile la presenza negli uffici, fatte salve le attività indifferibili e che richiedono necessariamente la presenza sui luoghi di lavoro, adottando nel contempo ogni idonea misura per la tutela della salute del proprio personale. I Dirigenti di ogni servizio sono stati invitati ad utilizzare tutti gli strumenti ordinariamente previsti dalle disposizioni vigenti per limitare la presenza del personale negli uffici, a cominciare dal ricorso alle ferie pregresse, recupero ore eccedenti, banca ore, permessi retribuiti, congedi, rotazione, ed analoghi istituti nel rispetto della contrattazione collettiva. Solo dopo aver esperito tutte le possibilità sopra richiamate il Responsabile di Servizio motivatamente può esentare il dipendente dal servizio. Ad oggi risultano circa 408 dipendenti in lavoro agile, 170 quelli in presenza fisica negli uffici comunali (Agenti di Polizia Municipale, dipendenti del Centro Operativo, Protezione Civile, dipendenti dei Servizi Demografici, personale del Gabinetto del Sindaco e Segreteria Generale). Al fine poi di garantire le più opportune condizioni di sicurezza sono state fornite mascherine ffp2, guanti protettivi monouso e detergenti igienizzanti per mani. Con riferimento al personale della Polizia, tutti gli operatori vengono dotati giornalmente di mascherine e tutti i veicoli sono già stati sanificati. In tutti i piani della sede di lavoro sono presenti 1 o più dispositivi sanificanti per la pulizia delle mani. La ditta delle pulizie incaricata provvede quotidianamente alla igienizzazione e disinfezione dei locali in tutti gli edifici comunali”.

DELIBERE

Approvata all’unanimità la delibera per la regolarizzazione patrimoniale delle strade d’uso pubblico ricadenti all’interno del Comune di Pesaro, si tratta dell’acquisizione gratuita di frustoli di terreno adibiti a sedime stradale, in via Gandhi e via Bonghi (ditte: Gamba Enrico – CE.IM SRL). Secondo la legge 448/98 “Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo” in sede di revisione catastale è data facoltà ai Comuni, con proprio provvedimento, di disporre l’accorpamento al demanio comunale, ovvero l’acquisizione al proprio patrimonio di terreni o porzione di essi utilizzati ad uso pubblico da oltre un ventennio, previa acquisizione del consenso da parte dei proprietari. Gli immobili saranno acquisiti a titolo gratuito, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, con i relativi annessi e connessi, adiacenze e pertinenze, accessioni, usi, diritti, azioni, ragioni, eventuali servitù attive e passive. L’Amministrazione comunale ha provveduto nel tempo alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle pavimentazioni stradali. Nel sottosuolo della strada sono presenti tutti i sotto-servizi quali acqua, gas, energia elettrica e fognature. Le due aree rivestono particolare utilità per ciò che riguarda sosta e circolazione. I terreni sono già adibiti a strada pubblica e quindi nulla si modificherebbe con l’accorpamento al demanio stradale.

Via libera alla delibera avente ad oggetto “Costituzione di servitù di elettrodotto per cabine elettriche di trasformazione a favore di Enel Distribuzione S.p.a. – Località Villa Ceccolini”. Si tratta della costituzione a favore di Enel Distribuzione S.p.A. di una servitù permanente che riguarda gli impianti delle cabine di trasformazione prefabbriche in cemento armato di proprietà comunale. Al Comune di Pesaro spetta un indennizzo di 1000 euro (500 per ogni cabina). Le spese per l’arredamento e le attrezzature delle cabine, sono assunte interamente a carico dell’Enel Distribuzione S.p.A., così come tutte le spese inerenti e conseguenti all’atto di costituzione della servitù.

 

EMERGENZA CORONAVIRUS E FASE 2

La parte del Consiglio comunale dedicata all’emergenza Coronavirus si è aperta con le dichiarazioni del sindaco Matteo Ricci.

 

ORDINE DEL GIORNO E MOZIONI

Passa l’ordine del giorno presentato dai capigruppo di maggioranza Amadori, Pandolfi, Murgia e

Mariani, l’emergenza Coronavirus e interventi immediati per i bilanci comuni. Nello specifico i consiglieri chiedono al Governo: “di istituire un fondo speciale per i Comuni di almeno 5 miliardi e un fondo straordinario per i Comuni a vocazione turistica; la riduzione del fondo di svalutazione crediti ad almeno del 30%; la possibilità di utilizzare l’avanzo di bilancio vincolato; farsi promotori presso la Bei e la Cassa Depositi e Prestiti per la sospensione delle rate dei mutui per il 2020; consentire ai Comuni di contrarre mutui, anche aumentando la loro capacità di indebitamento, per attivare e mantenere servizi legati all’emergenza Coronavirus o comunque essenziali ai fini della coesione sociale e della ripresa delle attività locali, e/o anche attraverso trasferimenti di risorse dallo Stato ai Comuni dietro idonee garanzie; conferire ai Sindaci i poteri necessari per operare con la massima celerità e prontezza per velocizzare le opere più importanti e la ripartenza dei cantieri attraverso uno snellimento ed una sburocratizzazione di tutti i procedimenti amministrativi”.

Il Consiglio comunale approva le mozioni:

Mozione ad oggetto “protocollo per l’apertura dei centri estivi ed il sostegno a nuove forme educative”,presentata dal consigliere di Forza Italia Michele Redaelli. “A partire dalle prossime settimane è prevista la graduale riapertura di molte attività, nel rispetto delle prescrizioni in materia COVID-19 e con opportune tempistiche e metodologie. Si impegna sindaco e giunta ad avviare un iter di progettazione, sperimentazione e messa in atto di protocolli che possano dare la possibilità ai centri estivi di essere svolti nel rispetto di tutti gli opportuni criteri di sicurezza e salvaguardia della salute; ad avviare tale iter anche con altre realtà che proponessero servizi educativi con nuove forme e modalità compatibili con rispetto di tutti gli opportuni criteri di sicurezza e salvaguardia della salute; a sostenere tali iniziative, riconoscendone il valore educativo e sociale e, pertanto, a considerare prioritario nel corso della “Fase 2″ l’investimento di risorse, compatibilmente con le capacità del bilancio comunale, per sostenere quelle realtà associative accreditate che volessero proporre progetti per poter permettere la realizzazione di centri estivi per bambini e ragazzi frequentanti la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, nel rispetto delle prescrizioni in materia COVID19 e con le opportune tempistiche e metodologie.

Mozione ad oggetto “piano straordinario manutenzione verde urbano”, presentato dal consigliere di Forza Italia Michele Redaelli. “Si chiede a sindaco e giunta di predisporre, sentiti i Quartieri e la Commissione Consigliare Competente, un piano di sfalcio e manutenzione di parchi e giardini pubblici che tenga conto delle nuove esigenze, in particolare elencandone le priorità di intervento ed intensificando, qualora fosse necessario, la frequenza degli interventi stessi”.

 

Emandata approvata la mozione ad oggetto azioni intraprese dal Comune di Pesaro nella prima fase emergenziale e della fase 2″, presentata dal capogruppo del Pd Amadori. “Nelle ultime settimane abbiamo affrontato la più grande sfida che la storia ci ha messo davanti dal Dopoguerra ad oggi. Una crisi prima sanitaria, ma anche economica, e psicologica. Da subito la Giunta e il sindaco e tutta la maggioranza, si sono mossi per provare a capire le misure da mettere in campo per fronteggiare l’emergenza. Abbiamo sempre detto che era importante attenerci alle direttive nazionali, per evitare il caos di scelte locali o regionali, e fughe in avanti. I nostri Assessori si sono confrontati con una situazione mai vista prima, quotidianamente si sono districati tra le norme nazionali per poter dare risposte concrete ed efficienti ai pesaresi. Così è stato sulla distribuzione in tempi record dei voucher per l’acquisto di beni essenziali. Buoni spesa per 2100 famiglie per un totale di 600mila euro in poche ore. E sulle 200mila mascherine, uno dei primi Comuni in Italia a distribuirle. Oltre alle 8mila per i bambini. Abbiamo fatto un lavoro straordinario anche grazie ai volontari dei quartieri. Abbiamo attivato servizi importanti per i cittadini, come ad esempio “Mi spendo per te”, assistenza a domicilio per persone in quarantena e persone over 65 non accompagnate. Sono state consegnate dalla Protezione civile spesa e farmaci a oltre 2000 famiglie. E poi servizi di supporto psicologico, ad anziani e non. Una comunicazione su social, tv locali e giornali capitolare ci ha aiutato a farle conoscere il più possibile alle persone. In questa seconda fase stiamo organizzando la ripartenza in sicurezza. Dobbiamo avere un mese di maggio e di giugno buoni dal punto vista dei dati dei contagi, per poter pensare di avere un’estate allungata quasi normale. Ci siamo mossi in questo senso, invitando i cittadini alla cautela, e allo stesso tempo abbiamo lavorato su delle linee programmatiche chiare per i prossimi mesi. Negli interventi successivi verranno spiegate nel dettaglio dagli altri consiglieri di maggioranza. L’idea di fondo a cui tengo è quella di sbloccare i servizi che abbiamo dovuto interrompere a causa della pandemia. Se ce la faremo, stando uniti, e se da Roma arriveranno le risposte che chiediamo, forse incominceremo a vedere presto la luce in fondo al tunnel”.

 

Emandata approvata la mozione ad oggetto “concessione rateizzazione somme da parte di Aspes per acquisto loculi e cremazioni vista emergenza covid-19″, presentata dai consiglieri di Prima c’è Pesaro Baiocchi, Marchionni, Gambini. “si chiede che l’Amministrazione Comunale intraprenda, senza indugio, una modifica, anche temporanea visto il grave periodo di crisi economica, del regolamento di polizia mortuaria del Comune di Pesaro, concedendo a soggetti meritevoli di tutela, mediante l’ausilio dei servizi sociali al fine di valutare le singole ed oggettive difficoltà economiche, una dilazione di pagamento considerando il gravissimo periodo derivante dall’emergenza corona virus”.

Mozione ad oggetto richiesta di acquisto mascherine chirurgiche, guanti monouso e prodotti igienizzanti quale scorta per i cittadini di Pesaro, presentata dalla consigliera di Prima c’è Pesaro Giulia Marchionni: “Si invita sindaco e giunta affinché le Farmacie Comunali, in accordo con il Comune di Pesaro, possano continuamente disporre a prezzi calmierati di un quantitativo congruo di DPI (mascherine monouso, guanti monouso, disinfettanti vari), quale scorta per la popolazione in caso di necessità crescenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>