Biancani: “Attivato il Percorso Sierologico della Regione Marche”

di 

13 maggio 2020

Andrea Biancani*

PESARO – Prosegue la mia attività per cercare di dare informazioni utili e chiare. Questo è un momento sicuramente difficile. Diversi cittadini, asintomatici, hanno deciso di fare i test sierologici presso i laboratori autorizzati per la ricerca degli anticorpi IgM e IgG. In questi giorni la Regione Marche ha attivato un nuovo percorso, il Percorso Sierologico per coloro che si sono sottoposti al test sierologico su indicazione del medico curante.
I test sierologici non servono per la diagnosi di conferma di malattia, ma hanno valore epidemiologico e consentono di misurare la quantità degli anticorpi nel sangue. Qualora si riscontrano valori di positività elevata, per la conferma della malattia, occorre fare la diagnosi molecolare su campioni clinici respiratori (tampone).
Pertanto, in caso di segnalazione ad Asur da parte del medico curante di soggetti asintomatici che siano stati sottoposti a test sierologico, per i quali il medico reputi utile proseguire l’iter diagnostico con il tampone naso-faringeo,
si attiverà il “Percorso Sierologico”. Il cittadino verrà posto in via prudenziale in isolamento domiciliare e dovrà effettuare un unico tampone naso-faringeo. Attualmente Asur riesce a fare il tampone di verifica entro 7-10 giorni dalla richieste del medico.
coronavirus Covid 19Se l’esito del tampone è negativo il soggetto uscirà dall’isolamento domiciliare, se positivo entrerà nel “Percorso Guariti” che prevederà l’effettuazione di due tamponi.
Nel frattempo vengono portati avanti i percorsi delle indagini di sierologiche regionali relative agli operatori socio-sanitari delle strutture ospedaliere e del territorio (case di riposo, rsa ecc), delle forze armate, dell’ordine, dei Vigili del Fuoco, e dei lavoratori delle imprese aderenti al protoicollo attivato dalla Regione Marche.
Rimangono comunque attivi sia il Percorso Malati che il Percorso Guariti. Nelle ultime settimane sono stati fatti mediamente circa 2700 tamponi a settimana solo nella provincia di Pesaro e Urbino, tra quelli nei tre punti previsti, quelli a domicilio e quelli presso le varie strutture socio-sanitarie del territorio.

*Consigliere Regionale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>