ROF: la Petite messe solennelle in piazza per ricordare le vittime del Coronavirus. Invitati i sindaci marchigiani

di 

2 luglio 2020

PESARO – Lo scorso 23 giugno, anticipando la notizia, abbiamo scritto che “il cuore del 41° ROF batterà anche per i cuori che non pulsano più, per i cuori delle vittime del Coronavirus” (RILEGGI QUI PRECEDENTE ARTICOLO PU24).
Crediamo che molti di noi siano stati toccati dalla tragedia che ha segnato, e continua a segnare, il 2020. Pesaro e parte delle Marche sono fra le più colpite dalla pandemia del Covid-19.
I dati di oggi, in attesa dell’aggiornamento con il comunicato del Gores (Gruppo Operativo Emergenze Sanitarie) delle ore 18, attestano che le vittime sono state 987. Sappiamo tutti che la maggior parte sono avvenute a Pesaro e in provincia, dove si  registra un ulteriore contagio.
Chi ha lavorato nei “reparti sporchi“, chi vi ha potuto accedere per informare, soprattutto chi era ricoverato, ha narrato di una bolgia dantesca, di morti che venivano portati via dentro i sacchi.
Per lunghi giorni abbiamo visto i carri funebri lasciare l’obitorio di Muraglia senza che al seguito ci fossero i familiari dei defunti. Se ne sono andati da soli, i nostri cari, i nostri amici.
La comunità pesarese, anzi marchigiana, come racconta Daniele Vimini, assessore comunale, presidente del Rossini Opera Festival, li saluterà alle ore 20,30 di giovedì 6 agosto.
Piazza del Popolo, cuore di Pesaro, palpiterà per chi non c’è più, per chi ha è stato in prima linea contro il Covid-19, per tutti gli operatori del soccorso, per le forze dell’ordine, per le famiglie delle vittime, per i rappresentanti della città e di tutta la comunità marchigiana.
Daniele Vimini e Ernesto Palacio durante la presentazione della Petite messe solennelle

Daniele Vimini e Ernesto Palacio durante la presentazione della Petite messe solennelle

Stamattina, nella sala del Consiglio comunale, Vimini ed Ernesto Palacio, sovrintendente del ROF, hanno presentato l’esecuzione “dell’ultimo capolavoro sacro di Gioachino Rossini quale commossa manifestazione del lutto che è stato allo stesso tempo personale e collettivo“.

“Come già per il Requiem di Donizetti, eseguito nella sua Bergamo, alla presenza del presidente della Repubblica, che ha  espresso l’elaborazione del lutto di tutto il Paese, da tempo – racconta Daniele Vimini -, con il maestro Palacio avevamo pensato a un momento altrettanto empatico per Pesaro e per le Marche, a un’esecuzione che rappresentasse il nostro sentimento. Cosa c’è di meglio della Petite messe solennelle, uno dei temi conduttori del 150° anniversario della morte di Rossini? Un capolavoro perfetto per ogni celebrazione, sia spirituale sia laica. L’edizione del ROF che ci accingiamo a vivere sarà straordinaria. L’anticipiamo con un appuntamento altrettanto straordinario, in Piazza del Popolo, nell’unico luogo della città che consente di rispettare le norme imposte dalla lotta al virus. Le Marche, anche se con una geometria variabile, sono una delle regioni più colpite dalla pandemia. Abbiamo invitato tutti i sindaci marchigiani perché con la loro partecipazione siano testimoni del ricordo e della ripartenza. L’ingresso sarà gratuito, ma in considerazione del fatto che contiamo di avere anche i rappresentanti degli operatori sanitari, della protezione civile, delle forze dell’ordine e del volontariato, e della limitazione dei posti, faremo sapere quanto prima come prenotare. Insieme, abbiamo vissuto mesi drammatici che speriamo di esserci lasciati alle spalle. Magari ci aiuterà questo grande momento di musica che darà l’impronta di ciò che il ROF rappresenta”.
Una serata nel segno di Pesaro e Fano
Un momento che Pesaro vivrà con Fano. Alla conferenza stampa era presente anche Katia Amati in rappresentanza del Teatro della Fortuna.
“La Petite messe solennelle – spiega Palacio – è perfetta per la commemorazione delle vittime della pandemia e trovare la forza di ripartire. Sarà eseguita nella sua versione originale per due pianoforti e harmonium, con il coro e quattro soli. L’esecuzione farà crescere il nostro spirito, aiuterà a ricordare, purtroppo, ma anche a ripartire con la gioia che sprigiona questa musica meravigliosa. Le quattro voci protagoniste sono di Mariangela Sicilia, soprano, Cecilia Molinari, mezzosoprano, Manuel Amati, tenore, e Mirco Palazzi, basso. Al pianoforte Giulio Zappa e Ludovico Bramanti (direttore del Conservatorio Rossini),  all’harmonium Luca Scandali. Alessandro Bonato dirigerà il Coro del Teatro della Fortuna (maestro del coro Mirca Rosciani)”.
Palacio ha ringraziato il Teatro della Fortuna.
“Abbiamo oggettive difficoltà a trovare spazi, per questo le prove della Petite messe solennelle saranno ospitate dal Teatro fanese”.
Niente voli dalla Russia, cambiano due voci
Nell’occasione, una notizia sul ROF, che ha perso due protagonisti russi. Come è noto, l’Europa ha riaperto le frontiere, ma non ai cittadini americani, russi e brasiliani. Dalla Russia erano in arrivo (le prove inizieranno il 13 luglio) Dilyara Idrisova e Alexander Utkin, impegnati, rispettivamente, nei ruoli di Fanny e Norton. Ma se anche fossero riusciti a ottenere il vosto e trovare un biglietto aereo per l’Italia, si sarebbero dovuti sottoporre alla quarantena, rendendo problematico l’allestimento. Il problema è stato risolto con la partecipazione di Giuliana Gianfaldoni, splendida Corinna nel Viaggio a Reims 2019, e Pablo Gálvez, baritono spagnolo già allievo dell’Accademia Rossiniana 2018.
Accademia Rossiniana tra ottobre e novembre
A proposito dell’Accademia Rossiniana: l’edizione 2020 si svolgerà dal 19 ottobre al 1 novembre. In seguito, gli allievi saranno protagonisti dell’allestimento de Il viaggio a Reims nell’ambito delle celebrazioni per la ricorrenza della morte di Rossini nei giorni 26 e 28 novembre.
Ricordiamo infine che la vendita dei biglietti per il 41° ROF inizierà alle ore 13 del 6 luglio con prenotazione a boxoffice@rossinioperafestival.it oppure via fax al numero 0721 3800220.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>