Serata alcolica in discoteca per 5 minorenni: Baia Imperiale chiusa per 10 giorni

di 

10 luglio 2020

Baia Imperiale (interno)GABICCE MARE – Il Questore della Provincia di Pesaro Urbino disponeva con propria ordinanza per la serata di sabato 4 luglio un servizio per monitorare l’afflusso di giovani presso la discoteca Baia Imperiale di Gabicce. Il servizio veniva svolto dai carabinieri del comando stazione di Gabicce Mare unitamente alla polizia locale di Gabicce Mare, dalle ore 23.00 del giorno 4.7.2020 fino a tutta la notte del 5.

Durante lo svolgimento del servizio, alle ore 00,00 circa del giorno 5/7/2020, mentre l’equipaggio dei militari si trovava in prossimità dell’ingresso principale, notava una lunga coda di ragazzi in attesa di entrare all’interno del locale, i quali erano tra loro accalcati, molti dei quali senza la mascherina sul volto e non ben distanziati, così violando il protocollo Covid-19 sul distanziamento sociale e le conseguenti misure di profilassi atte ad evitare il diffondersi del contagio.

Inoltre, alle ore 02.25 circa di domenica 5 luglio scorso, i militari venivano allertati in quanto nell’ambulanza in servizio di soccorso, appositamente prevista per il locale, erano stati accompagnati due giovani di 17 e 16 anni in evidente stato di ubriachezza; uno dei quali aveva, altresì, una ferita lacero-contusa sulla fronte. I giovani, viste le loro condizioni di salute, venivano prontamente accompagnati in ambulanza presso il pronto soccorso dell’ospedale di Pesaro.

Inoltre, nel corso della medesima nottata i militari operanti notavano, nella scalinata esterna posta alla destra dell’ingresso, un gruppo di ragazzi intento a consumare delle bevande, che i ragazzi stessi dichiaravano essere un cocktail a base di Lemonsoda e vodka, come evidenziato dalle lattine lasciate in terra, da una bottiglia in vetro di vodka e da un secchiello in acciaio, contenente ghiaccio. I ragazzi – un maggiorenne e tre minorenni – dichiaravano che la bevanda alcolica era stata comperata dal loro amico maggiorenne, il quale interpellato in merito effettivamente confermava la circostanza dell’acquisto del cocktail. Si avvicinava, quindi, al gruppo un addetto alla sicurezza che prelevando da terra le lattine, la bottiglia di vetro ed il secchiello rimproverava i giovani dicendo loro che il materiale che aveva recuperato, di pertinenza quindi della “Baia Imperiale”, sarebbe dovuto restare sul tavolo, da loro prenotato.

Un terzo, grave episodio di abuso di sostanze alcoliche, emergeva allorquando i militari, recatisi presso il pronto soccorso dell’ospedale di Pesaro, per verificare le condizioni di salute del ragazzo, notavano giungere al nosocomio la medesima ambulanza che era in servizio alla “Baia Imperiale” con a bordo la minorenne che presentava anche lei, come riscontrato dai sanitari, “abuso di alcol”. La medesima, come appurato dai militari operanti, aveva trascorso con alcune amiche la serata nella discoteca in questione, dove avevano consumato un drink, connesso con la prenotazione del tavolo. I carabinieri hanno accertato che i drink, consegnati una volta entrati nella discoteca dal p.r. di riferimento, consistevano in 3 bottiglie di vodka, una di champagne taglio normale ed un’altra di champagne magnum.

Da ultimo, il Comando Carabinieri di Gabicce Mare, riceveva informazione alle ore 11 circa di domenica 5 luglio da personale sanitario che, alle precedenti ore 06,20 erano stati trasportati presso il pronto soccorso dell’ospedale di Pesaro, altri due ragazzi minorenni, cui veniva riscontrato “abuso etilico”. Da accertamenti effettuati, verificando la scheda di intervento redatta da personale della Croce Adriatica, si riscontrava che i due giovani avevano assunto sostanze alcoliche presso la “Baia Imperiale”.

Dall’attività svolta è quindi emerso che durante lo svolgimento dell’intrattenimento danzante si sono verificati ben cinque casi di abuso di sostanze alcoliche da parte di minorenni (mentre altri quattro ragazzi, fra cui un maggiorenne, sono stati individuati quando consumavano sostanze alcoliche negli spazi esterni il locale) a seguito di assunzione di bevande alcoliche avvenuta all’interno della discoteca, in quantità tale da comportare il loro ricovero presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Pesaro.

A seguito dei fatti esposti il Questore della provincia di Pesaro Urbino sospendeva ai sensi dell’art 100 TULPS per giorni 10 (dieci) a decorrere dal 09 luglio la licenza di pubblico spettacolo e di somministrazione di alimenti e bevande nel pubblico esercizio del locale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>