Per Diego Di Fabio al “Marco Simoncelli” un weekend che sa di amaro

di 

3 agosto 2020

MISANO ADRIATICO (Rimini) – Lo aveva preparato al meglio Diego Di Fabio, l’appuntamento di “casa” del Mini Challenge al MWC di Misano. Il giovane pesarese, Campione Italiano della categoria “Lite”, di questo spettacolare campionato nel 2019 a soli 16 anni, nel 2020 è passato di diritto nella “Pro”, ovvero la categoria superiore nella quale le “John Cooper Works” esprimono una potenza superiore ai 260 cv, lanciando la sfida ad i vari campioni e piloti blasonati che partecipano a questo prestigioso campionato che è il “Mini Challenge”.

Il portacolori della “Squadra Corse Angelo Caffi”, intitolata al padre dell’ex pilota di F.1 Alex, sceso anche lui a Misano per sostenere il suo giovane pilota, si è distinto subito con un buon quinto posto in qualifica, a pochi decimi dalla pole position. In Gara-1 sabato pomeriggio, Di Fabio partito bene ha mantenuto la posizione e proprio nel momento nel quale stava per dare il via all’attacco per un dei gradini del podio, i freni hanno iniziato a non funzionare bene, guidando con esperienza ha comunque chiuso con un onorevole 6° posto. Sicuro di aver risolto il problema con l’intervento dei suoi meccanici e dei tecnici della casa che assistono i piloti in pista, domenica in Gara-2, Diego è scattato benissimo al via stabilendosi in terza posizione. Quando mancavano pochi minuti allo scadere dei 25 + 1 giro, di cui è composta la gara, il pilota di Cattabrighe ha iniziato ad attaccare, ed ecco che l’impianto frenante della sua Cooper è nuovamente saltato. Costretto ad una uscita di pista, risolta con decisione ,destreggiandosi nella ghiaia della via di fuga, è rientrato nono, posizione che non ha potuto provare a migliorare, prima per l’assetto… modificato della macchina, per la “pulizia” degli pneumatici, ed anche perché c’è stato l’arrivo in regime di Safety Car, entrata a causa dell’uscita di strada senza nessuna conseguenza del suo compagno di Team, anche lui afflitto da problemi ai freni.

Un risultato che lascia l’amaro in bocca perchè le potenzialità ed il talento di Diego Di Fabio, notato anche da tecnici esperti, è un peccato che venga sminuito da fattori esterni alla sua guida. Con il doppio rammarico per i suoi partner che lo assistono economicamente, come la Concessionaria “Ambrosi Group”, la “Pronto Green”, “Drive IT”, “Centro Impianti”, “Gianluca Di Fabio Sport &Safe Driving School”. Mentre per la parte logistica e tecnica oltre alla già citata “Squadra Corse Angelo Caffi”, la “AC Racing Technology”, che ora deve lavorare dando fondo a tutta la sua esperienza, per capire e risolvere il problema dell’impianto frenante, non solo della Cooper di Diego, ma anche come detto sopra all’altra macchina seguita dal prestigioso team bresciano. Comunque queste sono le corse, e Diego vista la giovane età ha tempo per confermarsi, fare esperienza ed “inghiottire” qualche boccone amaro, pronto a riscattarsi già dal prossimo appuntamento del 29/30 agosto a Imola.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>