ACI Racing Weekend, a Misano protagonista anche Arthur Leclerc, “fratellino” di Charles

di 

4 agosto 2020

MISANO ADRIATICO (Rimini) – Lo scorso fine settimana al Santa Monica di Misano, sono andati in scena i campionati e trofei di marca che fanno parte del ricco menù di “ACI Racing Week-end”. PU24, presente all’appuntamento di “casa”, ha già riportato la cronaca del Mini Challenge che vedeva impegnato il giovane pesarese campione 2019, Diego Di Fabio. Uno degli  otto campionati in pista al “ Marco Simoncelli”, è stata la  “Formula Regional European Championship”, che  si corre con i telai costruiti dall’italiana Tatuus, con motori Alfa Romeo. Fra i protagonisti Arthur Leclerc, il “fratellino” di Charles, pilota Ferrari, a podio con un po’ di fortuna a Silverstone.  Arthur, che fa parte ovviamente della “Academy Ferrari”,  fin dalle prove ha dimostrato che la “stoffa” del campione è una certezza della famiglia Leclerc, stabilendo  la Pole Position. Dopo aver imitato le imprese dello scorso anno  del fratello maggiore  in qualifica, Leclerc jr, lo ha fatto anche in Gara-1, però questa volta come Charles recentemente in Austria, praticamente in “fotocopia” alla seconda curva si è toccato con il compagno di squadra Petecof !!. In Gara-2 la riscossa, forse dopo una telefonata fra i due fratelli monegaschi, Arthur, ha preso il comando volando indisturbato fino alla bandiera a scacchi per la sua prima vittoria di prestigio. In Gara-3, il campionato prevede 3 appuntamenti ogni week end a calendario, Leclerc jr. dopo un’esitazione in partenza, ha provato a contrastare fino alla fine il vincitore Petecof, ma una piccola sbavatura lo ha consigliato di mantenere una seconda posizione e guardare al campionato. Campionato che lo vede terzo, a causa dello “zero” di Gara-1, ma del quale sarà senz’altro protagonista .

Questo slideshow richiede JavaScript.

GRAN TURISMO- La “GT” è da sempre una delle categorie più spettacolari delle corse, ed anche l’appuntamento di Misano ne ha dato conferma. In pista come sempre grande battaglia fra le super car , Ferrari, Mercedes, Lamborghini, B.M.W. e Porsche. Anche per le Gran Turismo doppio appuntamento con Gara-1 il sabato e replica la domenica, sulla distanza di 50 minuti + 1 giro, con lo spettacolo del cambio pilota a metà gara. Nella prima frazione la vittoria è andata al duo di Audi Sport Italia , Riccardo Agostini e Daniel  Mancinelli.  Sul secondo gradino del podio la coppia italo-tedesca di B.M.W. Motorsport, formata dal pluri titolato Stefano Comandini e dal giovane diciassettenne tedesco Mario Zug. Ottima la prestazione del baby tedesco, che ha portato la “M6GT 3” bavarese a soli due secondi dai vincitori. Terzo gradino del podio per la Lamborghini Huracan della “strana” ma velocissima coppia composta dal finlandese Tujula e dal giapponese Nemota, entrambi incisivi nei rispettivi turni di guida con la bella GT di Sant’Agata Bolognese. Solo quarta la prima Ferrari , la 488 di Roda-Rovera. Gara-2 , domenica, forse a voler “copiare” la F.1, vittoria per la Mercedes AMG GT3 di Lorenzo  Ferrari (come dire gli strani casi delle corse), in coppia con Daniel Zampieri. I due portacolori della Stella a tre punte, pur avendo disputato una bella gara,sono saliti sul gradino più alto del podio a causa della squalifica della Lamborghini Huracan di Kikko Galbiati e Giovanni Venturini, primi al traguardo, ma rei secondo i commissari di una toccata irregolare ai danni della Ferrari di Roda-Rovera, secondi poi sul podio. Terzo posto per i vincitori del sabato Agostini-Mancinelli, risultato importante per i due dell’Audi in ottica campionato. Un fine settimana come sempre di grande spettacolo quello degli ACI Racing Weekend, con l’unica sola nota triste, ma purtroppo necessaria delle  “porte chiuse” .Un aria surreale,  per chi ha avuto la possibilità di esserci, difficile vivere questo tipo di ambiente solitamente affollato fra appassionati ed addetti ai lavori, ristretto anche per questi ultimi a pochi “intimi” , unica consolazione e non da poco lo spettacolo delle gare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>