Vecchia e nuova Vuelle: ruolo per ruolo il confronto di Pu24 fra le ultime due versioni biancorosse (prima parte)

di 

6 agosto 2020

PESARO – Mentre continuano gli arrivi a Pesaro, di nuovi e vecchi giocatori, il popolo biancorosso sta esprimendo, sui vari canali social, il suo parere sulla Carpegna Prosciutto 2020-21, quella uscita dalla conclusione del mercato estivo, pareri positivi e negativi, come è giusto, e come è doveroso, senza mai avere visto ancora la squadra all’opera sul campo.

Come sempre, a mercato concluso, anche noi di Pu24.it, vogliamo partecipare alla discussione, confrontando le ultime due versioni della Vuelle, ma quella di 12 mesi fa, non quelle che poi ha concluso il campionato, perché qui vogliamo confrontare e valutare il lavoro estivo, quello che poi fa la vera differenza, perché sappiamo bene come “le pezze”, messe successivamente, non sempre riescano a chiudere completamente il buco.

Una premessa, nell’estate 2019, il mercato si concluse con la firma di DeJuan Blair, che dopo qualche giorno però, si scoprì essere non schierabile per una squalifica doping, e il 24 settembre, alla prima di campionato, fu il buon Tau Lydeka ad essere schierato come centro titolare, e per questo, nel confronto, lo terremo in considerazione.

CONFRONTO TRA LA CARPEGNA PROSCIUTTO 2020 E QUELLA DEL 2019

Justin DeVaughn Robinson (screenshot tratto dalla pagina Fb della Vuelle)JUSTIN ROBINSON (2020) VS VASA PUSICA (2019): Un vero playmaker (Robinson), contro uno che play lo deve ancora diventare (Pusica), dalle mani del folletto newyorchese, passeranno molte delle speranze di non dover soffrire anche quest’anno, perché Robinson dovrà essere sia il miglior realizzatore – o uno dei due – sia il miglior assist man della nuova Vuelle, compiti che il serbo non è stato in grado di svolgere l’anno scorso, anche se siamo convinti che Pusica sia meglio di quello che ci ha fatto vedere, e a Sassari, sotto la guida di coach Pozzecco, saprà ritagliarsi il suo spazio.

Chi vince il confronto? Robinson ha più punti e più assist nelle mani, Pusica aveva più fisico e centimetri, ma meno personalità, quella che non sembra mancare al piccolo play americano. (ROBINSON 2020)

LORENZO CALBINI (2020) VS FEDERICO MUSSINI (2019): Il figlio di Paolo, compirà 18 anni a dicembre, e a livello juniores ha cominciato a far vedere le sue qualità, anche se siamo ancora lontani dal poterlo definire pronto per la massima serie, Mussini, stranamente, non ha ancora trovato una nuova squadra, complice una stagione onestamente al di sotto della aspettative, disputata in maglia Carpegna Prosciutto, ma come play, in serie A2, può dire ancora ampiamente la sua.

Chi vince il confronto? Quando Mussini doveva compiere ancora 18 anni, già si parlava molto bene di lui, e aveva già debuttato nella massima serie, per Calbini, la strada è ancora tutta da percorrere. (MUSSINI 2019).

Frantz Massenat (screenshot tratto dal video della Vuelle)FRANTZ MASSENAT (2020) VS JAYLEN BARFORD (2019): Ci ricorderemo di Barford come “mister 6 su 15”, la sua percentuale periodica ad ogni uscita, in una Vuelle che cercava un leader, senza mai trovarlo veramente. Massenat forse leader non lo diventerà, avendo altre caratteristiche, tra le quali la capacità di selezionare meglio i tiri, e di giocare anche da play, due qualità che non facevano parte del bagaglio tecnico di Barford.

Chi vince il confronto? Barford ha chiuso la sua stagione a Pesaro, con 16 punti di media, ma col 40% dal campo, da Massenat ci aspettiamo magari qualche punto in meno, ma una percentuale migliore e qualche assist in più (PARITA’)

MATTEO TAMBONE (2020) VS FEDERICO MIASCHI (2019): Miaschi è un ragazzo – classe 2000 – già tecnicamente valido, con una buona conoscenza cestistica, e a Biella, in serie A2, troverà il modo di crescere e migliorare dal punto di vista realizzativo, qualità che invece Tambone possiede già, con un tiro da fuori sicuro, e la capacità di dare una mano anche in cabina di regia, senza dimenticarsi la sua abnegazione in fase difensiva.

Chi vince il confronto? Probabilmente, tra un paio d’anni, Miaschi troverà i suoi spazi in serie A, ma per adesso, Tambone è più pronto e più scafato, per dare 15-20 minuti di qualità nella massima serie. (TAMBONE 2020)

Matteo Tambone

Matteo Tambone

HENRI DRELL (2020) VS HENRI DRELL (2019): Inutile negarlo, Drell potrebbe essere il punto debole del quintetto biancorosso, perché quello visto l’anno scorso, non avrebbe meritato la riconferma, arrivata solamente perché lo firmammo per tre anni, dietro consiglio di coach Perego. Ma il ragazzo estone, solamente 12 mesi fa, figurava al numero 23 delle scelte Nba, e a dirlo non eravamo noi, ma i maggiori siti specializzati nel draft, che vedevano in lui, un giovane tecnicamente e fisicamente pronto per i grandi palcoscenici.

Chi vince il confronto? E’ uno dei veri test, per valutare l’impatto che avrà Repesa sulla nuova Vuelle, se il coach croato riuscirà a tirarne fuori un giocatore da quintetto, tutta la squadra ne trarrà beneficio, perché, secondo noi, Drell è un diamante grezzo ancora tutto da scoprire. (DRELL 2020).

Appuntamento a domani, con la seconda ed ultima parte del confronto tra la vecchia e la nuova Carpegna Prosciutto Basket Pesaro.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>