Pollegioni (Nuova Fano): “Del Vecchio e Cecchini hanno ragione: Santa Croce smantellato e rischia la chiusura. Biancani dove vive?”

di 

19 agosto 2020

Stefano Pollegioni*
FANO – Esterrefatto, si dichiara Stefano Pollegioni segretario della Lista civica Nuova Fano,  è dir poco leggendo le dichiarazioni del Consigliere Regionale Ri-Candidato Biancani, che con un clamoroso autogol ha risposto alle dichiarazioni dei candidati Regionali del cdx Davide Del Vecchio e Francesca Cecchini (rileggi qui precedente intervento su Pu24). Mi domando e dico Biancani dove vive, o meglio, dove ha vissuto fino ad ora ?
Ormai siamo abituati dalla sinistra ad ascoltare dichiarazioni che in campagna elettorale dicono tutto e il contrario di tutto ma rimango meravigliato che il Consigliere Regionale Biancani non sia al corrente delle azioni del suo partito che ha smantellato da tempo il Santa Croce di Fano non solo dei Reparti specialistici ma anche della Chirurgia H24 ed ha tutt’ora un Pronto soccorso con un codice rosso solo di stabilizzazione. Le dichiarazioni del Consigliere Regionale Ri-Candidato Biancani fanno capire molto bene che NON si è mai interessato a Fano. A questo punto è bene informarlo che esiste una  delibera regionale n.523 del 2018 che ( il sindaco di Fano subito dopo averla firmata ha chiesto di rivedere  nonostante il Candidato Consigliere regionale Minardi abbia più volte detto espressamente “NON SI TOCCA” )  ha tolto lo status di Ospedale al Santa Croce che oggi è uno stabilimento ospedaliero dipendente da Pesaro ( quindi di fatto una ruota di scorta di Marche Nord da utilizzare in caso di bisogno come è avvenuto durante l’emergenza Covid 19) con qualche suppellettile per un Day Hospital e poliambulatori per visite specialistiche. Insomma l’Ospedale non c’è più e come hanno ben  detto Del Vecchio e Cecchini verrà ulteriormente smantellato nel tempo fino ad arrivare alla chiusura  ( da poco infatti anche la diagnostica per immagini è stata portata a Pesaro e quel poco che è rimasto a Fano serve per eventuali bisogni legati al Pronto Soccorso).
Non ci è passata inosservata la dichiarazione di poco tempo fa del candidato Presidente della sinistra Mangialardi che, se verrà eletto,  promette di  dare continuità al  progetto sanitario intrapreso dal suo compagno di partito Presidente Ceriscioli inscritto nel nuovo piano sanitario .
POLLEGIONI con del vecchio (2)Proprio quel piano sanitario che prevede la costruzione dell’ospedale unico che ora camuffano chiamandolo “NUOVO” perché dire UNICO PROVINCIALE non porta voti.
Attenzione cittadini perché votare queste persone significa avere un futuro sanitario davvero preoccupante. Da tempo ormai stiamo soffrendo fortemente scelte scellerate che mettono in grande difficoltà l’esercizio del  diritto alla salute, costituzionalmente garantito, quali la chiusura delle strutture esistenti , lo smantellamento del Santa Croce per non parlare del nuovo sistema di appuntamenti al Cup chiamato Zero Coda che ha ulteriormente peggiorato una crisi già esistente. Biancani e Mangialardi farebbero bene a farsi un giro dentro il Santa Croce di Fano, che viene ormai  definito proprio dagli stessi Medici “un parcheggio auto con una navetta che porta gli utenti al San Salvatore di Pesaro”.
Ad oggi di fatto l’Ospedale Unico Provinciale è il San Salvatore di Pesaro e forse Biancani lo sa, ma preferisce ora cancellarlo dalla sua mente perché  è meglio non farlo sapere ai cittadini.
Sappiamo tutti che ora questi signori si presentano sotto mentite spoglie  e sappiamo bene però che se dovessero essere rieletti torneranno a rimettere mano allo scempio progetto sanitario regionale contornato da interessi di partito ben diversi dalla salvaguardia dei cittadini.
Noi speriamo davvero che a settembre ci sia una vera svolta nella nostra Regione  e si possa riprendere a camminare guardando ai bisogni del territorio e dei cittadini non solo in tema di sanità ma anche in tutti quegli aspetti che, come la sanità, sono stati completamente trascurati.
*Segretario Nuova Fano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>