La cultura secondo Biancani e Vimini, sognando i milioni come a Matera

di 

2 settembre 2020

Noemi Murgia

PESARO – Ieri, nel giardino dedicato a Riz Ortolani, il candidato alle elezioni regionali Andrea Biancani e l’assessore alla cultura e dalle numerose presidenze Daniele Vimini si sono incontrati per parlare di cultura. Alla conversazione si è poi aggiunta Micaela Vitri, candidata insieme a Biancani per il consiglio regionale.

I due candidati hanno entrambi un grande entusiasmo.
Biancani in particolare ha energia da vendere e non si può non apprezzare il suo modo di comunicare semplice e privo di termini artificiosi che spesso contribuiscono ad annoiare i cittadini e allontanarli dai dibattiti politici.
Presenti a questo evento i rappresentanti di alcune realtà culturali del territorio, tra cui Lucia Ferrati, coordinatrice della rete teatrale della provincia di Pesaro-Urbino.
L’amministrazione locale ha fatto molto per rendere la città e la provincia un luogo vivo, in grado di offrire ai suoi abitanti la possibilità di partecipare ad eventi culturali di vario tipo. Una variegata offerta di eventi significa che c’è un mondo di cui fanno persone che di arte e cultura lavorano e vivono. Dovremmo saperlo, soprattutto dopo che la pandemia di Covid-19 ha fermato tutto per mesi.
Cultura e arte comprendono tanti mondi, spesso dimenticati, perfino sconosciuti a chi non se ne interessa direttamente. Biancani ricorda l’importanza delle bande di paese, straordinari mezzi di aggregazione (perfino il Maestro Riccardo Muti da anni ribadisce il ruolo delle bande, una realtà importante che contribuisce ad avvicinare i giovani alla musica), dei pochi spazi che di solito trova l’arte contemporanea su cui invece ha investito il Centro Arti Visive Pescheria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tanti progetti sono stati realizzati, tanti saranno realizzati, come il recupero di Palazzo Ricci e la ristrutturazione della Sala della Repubblica del Teatro Rossini, per avere un piccolo teatro all’interno del teatro (speriamo con un occhio di riguardo all’estetica, è cosa nota che quella sala è oggetto di battute per via delle piastrelle e delle sedie incomprensibilmente scomode).

Alcuni progetti sono a lungo termine, solo il tempo dirà se si potranno concretizzare. Un esempio su tutti, il sogno di vedere, nel 2033, il capoluogo di Pesaro- Urbino capitale della cultura europea. Micaela Vitri ricorda come Matera, capitale nel 2019, abbia ricevuto finanziamenti per milioni di euro.
Certo non sempre i soldi a pioggia si trasformano in occasioni e miglioramenti della vita dei cittadini, ma si sa… la parola milioni fa sempre sognare.
L’incontro è stato piacevole, Biancani ha scherzato sulla difficoltà di fare campagna elettorale in estate, durante un’emergenza sanitaria che limita molto la possibilità di interagire con la gente, ma lui sembra aver fatto di necessità virtù, a giudicare dalla quantità di piccoli eventi che organizza e vengono organizzati per lui. Si voterà il 20 e il 21 settembre (il 21 solo la mattina) e il consigliere uscente e la sua squadra hanno ancora tanto da pedalare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>