Signora senza mascherina all’Ipercoop: “Non vede che sto telefonando?”, replica a chi la rimprovera

di 

29 settembre 2020

IMG_7956 (1)PESARO – Una tranquilla mattinata di stupidità fra gli scaffali dell’Ipercoop Miralfiore, ma anche nella fila alle casse. Siamo quasi tutti acquirenti over… anta, molto anta. Quindi una delle categorie più a rischio di contagio da Coronavirus. Le tragedie che hanno segnato fine inverno e inizio primavera di quest’anno bisestile, sembra siano accadute invano. L’altoparlante ricorda, già da quando ci si trova nel garage, di rispettare le regole, incominciando dall’uso della mascherina, proseguendo con il rispetto delle distanze tra persone. Appelli utili che sono rispettati dalla maggioranza delle persone. Eppure non manca chi li ignora. In un quarto d’ora di presenza, intorno alle 10,15, abbiamo visto numerosi clienti, sia uomini si donne, con la mascherina sotto il naso, incuranti della propria e dell’altrui sicurezza. Il massimo l’abbiamo raggiunto quando, nel corridoio centrale, una donna teneva la mascherina completamente abbassata. Purtroppo, molti, pure tra la sorpresa e l’indignazione, non hanno battuto ciglio. Credo che che ognuno di noi debba fare la sua parte e mi sono permesso di rimproverare la signora. Se non avessimo vissuto un periodo tragico, da cui, a quanto pare, non siamo ancora fuori, la sua risposta sarebbe il massimo della comicità: “Ma non vede che sto telefonando?“, ha replicato di malo modo.
La foto riguarda una signora con la mascherina sotto il naso. Abbiamo volutamente travisato l’immagine perché non sia riconosciuta. Ci auguriamo si riconosca da sola e rifletta su quanto il suo comportamento possa essere pericoloso per se stessa e per gli altri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>