A San Marino la storia del Rally con lo spettacolo del 18° Rally Legend

di 

2 ottobre 2020

SERRAVALLE (Repubblica di San Marino) – Con la conferenza stampa di ieri giovedì 1 ottobre e la particolare prova spettacolo di ieri sera, ha preso il via la 18° edizione di “Rally Legend,” la “Woodstock” dei raly come molti ormai considerano la manifestazione sammarinese. Per offrirci questo spettacolo unico che è il Legend, quest’anno le due menti, Paolo Valli e Vito Piarulli, con tutto il loro staff,si sono superati, o meglio hanno dovuto superare diversi ostacoli. Primo fra tutti quello di rendere sicura, in ottemperanza ai protocolli anti-Covid, una manifestazione come il Legend che porta nella piccola Repubblica del Titano migliaia di appassionati da tutto il mondo.  Successivamente forse l’ostacolo ancor più ostico rispetto all’emergenza epidemica, come hanno sottolineato ieri in conferenza stampa sia Valli che Piarulli, ovvero quella di dover anticipare di una settimana il loro evento, causa lo spostamento del Rally Mondiale in Sardegna. Una “prova speciale” che hanno superato alla grande, grazie alla disponibilità di adattamento dei piloti, degli ospiti, degli sponsor e del Governo di San Marino, un  premio ed una conferma del valore di “Rally Legend”, diventato quest’anno “maggiorenne”. Ma veniamo alla parte …rombante quella che affascina ed è il vero motore di Rally Legend. Tante star a partire da Ari Vatanen, Campione del Mondo 1981, vincitore di 4 Dakar e per non farsi mancare nulla anche il “brivido” di Parlamentare Europeo per la sua Finlandia. Vatanen si esibirà con la Ford Escort Cosworth RS con la quale si piazzò quinto in Grecia nel 1993. Ad affiancarlo come allora la “Regina” delle note, la nostra Fabrizia Pons. Non poteva mancare Miki Biasion il due volte iridato, che è testimonial del Legend, e come ha detto simpaticamente in conferenza stampa -fa parte dell’arredamento-.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fra gli oltre 120 iscritti altri nomi che hanno fatto la storia dei rally sia a livello internazionale che italiano: Francois Delecour, il mitico e mai domo Franco Cunico, i pluri-scudettati ,Piero Longhi e  Renato Travaglia, questi solo alcuni dei big. Poi c’è lui per la seconda volta al Legend, Ken Block il funambolo statunitense, ormai conosciuto a livello planetario per la sua spettacolare guida, uno che non ha la parola “limite” nel proprio vocabolario. Una chicca per gli appassionati e per le fans femminili, è il “debutto” al Legend e nei rally di Dodi Battaglia, il celebre chitarrista dei “mitici” Pooh. Battaglia ha sempre avuto una grande passione per le corse e quando gli impegni musicali glielo hanno permesso ha partecipato a diverse gare in pista con vetture turismo e trofeo, togliendosi anche diverse soddisfazioni. Come sempre il Rally Legend , sarà occasione di celebrazioni, presentazioni di nuovi modelli e tanto altro un appuntamento da non mancare, che con il suo format della durata di quattro giorni ,  da ieri giovedì 1 ottobre a domenica 4, permette a molti appassionati di godere dello spettacolo unico dei rally, vivendo la storia …in diretta. Buon divertimento.

Per il programma dettagliato consigliamo di consultare il sito ufficiale del Rally Legend.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>