Giornata della Pace, Ricci e Ceccarelli ricordano Luigi Panzieri e don Gaudiano: «Hanno segnato intere generazioni, la città gli è grata”

di 

10 ottobre 2020

Questo slideshow richiede JavaScript.

PESARO – “La scuola rimane il luogo più capace di generare scelte di pace, il luogo dove riflettere. Ma anche dove indignarsi, se necessario”. L’insegnamento del professore Luigi Panzieri rimane vivo tra le mura dell’Istituto Bramante-Genga, dove questa mattina sono state consegnate le bandiere della Pace. Un simbolo che i ragazzi pesaresi potranno esporre nel giorno in cui si sarebbe dovuta svolgere la Marcia della Pace, domani 11 ottobre, prendendo parte – a distanza – alla grande catena umana che unirà Perugia ad Assisi e altre città d’Italia.

“Poco prima di lasciarci – così il sindaco Matteo Ricci – il professor Panzieri aveva dato un messaggio per rilanciare la battaglia per la pace, contro il razzismo e le ingiustizie, invitando ad esporre in ogni classe una bandiera arcobaleno. Lui era un grande comunicatore, cercava sempre di toccare la sensibilità popolare. Come dimostrano i manifesti di Dolcini, capì l’esigenza di comunicare in maniera diversa tra pubblica amministrazione e cittadino, e anche in questo caso aveva intuito che serviva rilanciare un simbolo facilmente divulgabile per riaprire una discussione.
Oggi è la vigilia della Marcia della Pace, come Amministrazione siamo fieri di collaborare a questa iniziativa e stiamo cercando di capire come poter ricordare al meglio la figura di Luigi Panzieri. La sua storia ha segnato la crescita demografica della nostra città, tante generazioni di studenti, artisti. Pesaro gli è grata, vogliamo tenere viva la memoria sulle sue battaglia: ovunque c’era un’ingiustizia lui era in prima fila, dove c’era da lottare per i diritti lui c’era”. Poi un ricordo: “Un momento molto emozionante. La mia passione politica è nata in questo istituto, dove facevo il rappresentante d’istituto. Uno dei luoghi in cui Luigi spronava i giovani e li faceva ragionare sui problemi del mondo e della vita contemporanea”.

Tantissima emozione nella voce di chi questa mattina ha ricordato Luigi Panzieri, docente apprezzato e amato che, menzionando i fatti più noti, ha fondato nella nostra città la bottega del Commercio Equo e Solidale e ha ideato il Mercatino delle Meraviglie, che si è impegnato per aiutare la città africana di Keita e ha valorizzato le opere del grande Massimo Dolcini. “Il cammino della Pace ha segnato la sua vita – aggiunge l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarelli – una persona ricca di ideali. Caparbio è la parola adatta per descriverlo, era determinato nel portare avanti i suoi ideali, insegnamento che deve servire a tutti noi. Ora, proseguiremo il suo ultimo progetto, quello di dipingere le serrande della città”.

Giornata della Solidarietà, Ricci e Ceccarelli ricordano Don Gaudiano: “I suoi insegnamenti sono ancora vivi tra noi”

Ventisette anni dalla scomparsa di Don Gaudiano, “un uomo coraggioso, che ha segnato la storia della nostra città e dai quali insegnamenti dobbiamo ripartire”, commenta il sindaco Ricci. Nella Giornata della Solidarietà, una messa per ricordare il sacerdote sempre in prima linea nella lotta alla tossicodipendenza e Aids, al fianco di minori e più deboli. “Il suo impegno e i suoi insegnamenti sono ancora vivi tra noi, vogliamo ricordare quanto Don Gaudiano ha fatto per la nostra città, facendo capire ai pesaresi che non possono girarsi dall’altra parte. Di fronte alle persone in difficoltà. La sua forza è stata gettare il cuore oltre l’ostacolo”. Alla messa in ricordo di Don Gaudiano, presente anche l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarelli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>