Giornate FAI d’Autunno: ecco i tesori nascosti da scoprire in provincia il 17-18-24-25 ottobre

di 

12 ottobre 2020

PESARO – A Giulia Maria Crespi, scomparsa lo scorso luglio, è dedicata l’edizione 2020 delle Giornate FAI d’Autunno: mille aperture in 400 città in tutta Italia, organizzate per la prima volta in due fine settimana, sabato 17 e domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre. Anche quest’anno promotori e protagonisti sono i Gruppi FAI Giovani, ideali eredi e testimoni dei valori che per tutta la vita hanno guidato la Fondatrice e Presidente Onoraria del FAI – Fondo Ambiente Italiano: l’inesauribile curiosità, la voglia di cambiare il mondo e l’instancabile operosità per un futuro migliore per tutti. Ispirandosi a lei, i giovani del FAI – con la collaborazione delle Delegazioni e degli altri Gruppi di volontari della Fondazione – scenderanno in piazza per “seminare” conoscenza e consapevolezza del  patrimonio di storia, arte e natura italiano e accompagneranno il pubblico, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, alla scoperta di luoghi normalmente inaccessibili, poco noti o poco valorizzati in tutte le regioni: un caleidoscopio di meraviglie nella proposta effervescente del FAI e dei suoi delegati che reagiscono con ancor più energia e impegno, positività ed entusiasmo al periodo difficile che l’Italia sta attraversando.

“É con grande gioia ed entusiasmo che anche nella nostra Provincia di Pesaro Urbino ritorniamo ad incontrare la gente in occasione delle Giornate FAI d’Autunno. Dopo un lungo periodo in cui ci siamo dovuti fermare, siamo pronti ad una nuova avventura da condividere con tutti!” Quest’anno avremo due weekend in cui scoprire alcuni degli angoli nascosti e preziosi nella nostra Provincia: tanti, tantissimi luoghi e percorsi da conoscere e vivere insieme. Nei vari beni aperti saranno volontari FAI a fare da narratori al nostro pubblico. A Fano avremo anche i giovanissimi Apprendisti Ciceroni, che si sono preparati con grande attenzione per farvi immergere al meglio nelle nostre bellezze e nella nostra storia.

“I luoghi saranno aperti a tutti – ad eccezione di Villa Cattani Stuart che sarà riservata ai soli iscritti FAI – un bene privato, prezioso e delicato, normalmente chiuso al pubblico, curato amorevolmente dalla famiglia Tomassini Guidi, che riserverà ai nostri ospiti una sorpresa eccezionale, una meraviglia da ammirare in anteprima in queste giornate d’autunno, una novità che apprezzeranno sicuramente. Anche Palazzo Bracci di Fano sarà un luogo riservato ai soli iscritti FAI: la necessità di tutelare beni che i privati concedono al FAI di aprire al pubblico si sposa con la possibilità di ringraziare in modo particolare chi, con la sua iscrizione, sostiene tutto l’anno le attività del FAI.”

Chi non è iscritto, potrà farlo online e proseguire nella prenotazione, o presso i Punti FAI. Iscrizioni e rinnovi saranno possibili anche ai tavoli di accoglienza nei vari beni aperti. Offerta promo nel mese di ottobre nell’ambito della campagna “Ricordati di salvare l’Italia”: una riduzione di 10€ sulla quota di prima iscrizione. Inoltre, per ringraziare chi nell’emergenza che ci ha colpito si è prodigato per il bene della comunità, l’iscrizione al Fai sarà gratuita per il personale sanitario (presentando il proprio tesserino): troverete tutte le modalità consultando il sito www.giornatefai.it.

Il periodo non è facile, c’è grande incertezza, la pandemia condiziona le nostre scelte ed i nostri spostamenti, ma il FAI e le delegazioni sono organizzate in modo da garantire visite in massima sicurezza: le visite saranno, come detto, solo su prenotazione e solo per piccoli gruppi  (max 15/20 persone ogni ora, a seconda del luogo). All’ingresso, oltre ai nostri volontari, i visitatori troveranno i volontari della Croce Rossa Italiana, che quest’anno ha sottoscritto un accordo a livello nazionale con il FAI per garantire la sicurezza delle visite durante le nostre Giornate d’Autunno (distanziamento, misurazione della temperatura, mascherine, igienizzazione delle mani, ecc.). Abbiamo cercato di prendere tutte le precauzioni possibili per permettere ai nostri iscritti e a tutti i nostri concittadini di godere di indimenticabili giornate immersi nell’arte e nel paesaggio, nella storia e nella tradizione, godendo delle bellezze che il nostro territorio custodisce, a volte molto segretamente.

Tutti gli eventi saranno prenotabili solo online al seguente link:

https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/i-luoghi-aperti/?search=pesaro

con contributo di 3 euro.

Di seguito le aperture nella nostra Provincia di Pesaro Urbino:

Pesaro – Trebbiantico

Villa Cattani Stuart

Villa Cattani Stuart

Villa Cattani Stuart – Ingresso riservato agli Iscritti FAI

sabato 17 – orario: 15,00/18,00 

domenica 18, sabato 24 e domenica 25 – orario: 10,00/13,00 – 14,00/17,00

visite guidate a cura dei volontari FAI Giovani

Costruita nella seconda metà del XII secolo, custodisce al suo interno soffitti affrescati da Nicolò Berrettoni, allievo 

del Contarini e del Maratti (o Maratta).  Oggi è la famiglia Tomassini-Guidi a curare la nobiltà architettonica e artistica dell’edificio e la preziosa armonia dei giardini all’italiana.

Urbino – Canavaccio

La Pieve di Santo Stefano di Gaifa – candidata a Luogo del Cuore 2020

Le sue vicende sono legate al monastero benedettino di Sant’Angelo di Gaifa, documentato fin dal 905-914 e chiuso nel 1788. Attestata fin dal XIII sec. è matrice dei castelli di Gaifa e Primicilio. La chiesa antica, che si ritiene sorgesse accanto all’abbazia, fu distrutta dai barbari e ricostruita due volte.

domenica 18 e 25 – orari: 9,30/12,30 –15,30/17,30 

visite guidate a cura della Prof.ssa Anna Fucili, storico dell’arte – domenica 25 ore 9,30 visita a cura della Prof.ssa Teresa Damiani

Passeggiata fino alla Torre Brombolona 

no prenotazioni online – info e prenotazioni sul posto o al cell. 3485182145/Giuliana

domenica 18 – orari: ore 10,00 e ore 15,00 a cura di Andrea Pellegrini 

ore 15,00 introduzione a cura del prof. Pino Mascia

domenica 25 – orari: ore 10,00 e ore 15,00 a cura di Andrea Fazi 

Escursione medio facile della durata di 2 ore circa, soste comprese. Possibilità di proseguire fino alla torre con un percorso di media difficoltà della durata di un’ora ulteriore.

Urbino

Chiesa di San Francesco di Paola

sabato 17 e 24 – orari: 10,00/12,30 – 15,00/18,00

domenica 18 e 25 – orari: 15,00/18,00

visite guidate a cura del prof. Giuseppe Cucco

Sede dall’antica Confraternita del Corpus Domini, è uno dei tanti gioielli nascosti di Urbino, fatta edificare perché fosse esaudito il voto cittadino inteso a propiziare la nascita di un figlio maschio al duca Francesco Maria II della Rovere. L’interno si presenta ricco di apparati scenografici, sottoposti a recenti restauri che verranno illustrati nel corso della visita.

Borgopace – Lamoli 

sabato 17 e 24/ domenica 18 e 25 – orari: 9,45 e ore 14,45 (gruppi di max 20 persone)

Escursione con partenza dal piazzale dell’Abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo – Luogo del Cuore 2018 

Guida a cura della proloco Meta Auro Borgopace e del gruppo Archeologico Massa Trabaria 

Durata del percorso 2 ore circa, per chi lo desidera è prevista la possibilità di un percorso più breve. 

Si consiglia abbigliamento tecnico, anche con bastoni da camminata. 

L’Abbazia di San Michele Arcangelo, è temporaneamente chiusa per i restauri iniziati nel mese di luglio con il contributo di intesa SANPAOLO per il progetto i “Luoghi del Cuore”- prima nelle Marche, ottava in Italia  nel censimento 2018

Fano 

Chiesa di San Marco

sabato 17 e 24/ domenica 18 e 25 – orari: 16,00/18,00. Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni. 

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni

Palazzo Bracci

sabato 17 e 24– orari: 16,00/18,00

domenica 18 e 25 – orari: 10,00/12,00 – 16,00/18,00

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni

Pergola

Chiesa di Santa Maria delle Tinte 

Voluta dalla Corporazione dei Tintori e Lanaioli che aveva i laboratori lungo il Cesano in questa parte di città, la costruzione si presenta all’esterno in mattoni, con cupola racchiusa in un tiburio ottagonale sovrastato da lanterna. All’interno, a croce greca, si rimane sorpresi per il trionfo di stucchi bianchi. Custodisce tra le altre opere un’Annunciazione di scuola baroccesca. Interessanti sono inoltre le panche settecentesche dipinte e il pavimento in cotto con la rosa dei venti.

Chiesa di Santa Maria di Piazza 

Forse voluta attorno al 1010 da S. Romualdo di Ravenna, fu trasformata nel 1831. Un pergolato di viti addossato alla chiesa diede il nome a Pergola. Numerose le opere in essa custodite, tra cui la Madonna del Rosario attribuita allo Scarsellino (1550-1620). Notevoli i resti di un grande affresco quattrocentesco attribuito a Giovanni Antonio da Pesaro della bottega dei Bellinzoni di Parma, che ricopriva l’intera abside. Conserva numerose tavolette ex voto provenienti dalla chiesa di Santa Maria dell’Olmo.

Per entrambe gli orari di apertura sono

sabato 17 e 24– orari: 15,00/18,00

domenica 18 e 25 – orari: 10,00/12,30 – 15,00/18,00

Visite a cura dei volontari FAI di Pergola

Oratorio dell’Ascensione al Palazzolo – candidato a Luogo del Cuore

L’Oratorio dell’Ascensione al Palazzolo, risalente al XV secolo, è una semplice struttura architettonica, probabilmente nata come edicola, che custodisce notevoli affreschi: l’Ascensione tra i Santi Secondo e Sebastiano e nella volta gli Evangelisti, dipinti intorno al 1483 da Lorenzo D’Alessandro da San Severino Marche, definiti “uno dei momenti più alti della pittura a fresco del Quattrocento marchigiano”(Pietro Zampetti). Di altro artista, e successivi, sono gli affreschi della parete destra raffiguranti l’Annunciazione, la Vergine con il Bambino e la Trinità attribuiti al Maestro del Palazzolo.

sabato 17 e 24– orari: 15,00/17,00

domenica 18 e 25 – orari: 10,00/12,30 – 15,00/17,00

Visite a cura dei volontari FAI di Pergola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>