Foce del Foglia, meglio tardi che mai: in corso i lavori per eliminare lo sbarramento “naturale”

di 

14 ottobre 2020

PESARO – Meglio tardi che mai, è proprio il caso di dirlo, e di scriverlo. Soprattutto dopo avere denunciato  più volte l’imbarazzante situazione esistente da mesi alla foce del fiume Foglia, dove la natura si sta(va) sostituendo agli ingegneri, realizzando un ponte tra I Due Porti e  il “pennello” realizzato per difendere la spiaggia di Baia Flaminia, che però ha fatto solo danni. Un ponte “naturale”, con i ciottoli portati dalla furia del mare, dalle maree e dalla sventatezza dell’uomo.
Stamattina, due macchine scavatrici sono entrate in azione per liberare la foce, la cui luce era ridotta a pochi metri e soprattutto a poche decine di centimetri di profondità, tanto che alcuni diportisti avevano ipotizzato di presentare una denuncia. Infatti, c’era il rischio che le imbarcazioni ormeggiate alle banchine dei due argini non potessero prendere il mare.
Il problema è in corso di soluzione, ma – visti i clamorosi errori nel progettare e realizzare il vergognoso “pennello” – l’appuntamento è alla prossima occasione. Non lo anticipiamo noi, lo racconta la storia degli ultimi anni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>