Covid-19: quanto si rischia a un evento sportivo? La provincia di Pesaro e Urbino è fra le meno pericolose

di 

15 ottobre 2020

PESARO – Un articolo pubblicato oggi dalla Prealpina, quotidiano di Varese da sempre molto bene informato sulle questioni di basket maschile e volley femminile, è spunto di riflessione, a incominciare dal titolo: Quanto si rischia a una partita di basket?
La domanda è ribadita nell’apertura dell’articolo: Quante possibilità ci sono di incontrare un positivo al Coronavirus durante una partita di basket o di calcio, oppure al cinema o a un evento all’aperto?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un’indagine della Fondazione ISI ribalta la situazione nelle Marche 

L’indagine è a cura della Fondazione ISI  – Istituto per l’Interscambio Scientifico  – di Torino, aggiornata in tempo reale con i dati del contagio in  Italia.
Il presidente di Fondazione ISI, il professor Mario Rasetti, ha divulgato una nota informativa sulle “attività svolte da ISI a contributo agli sforzi conoscitivi della pandemia Covid-19″.
Eventi e Covid mostra i rischi che corriamo ogni giorno andando al bar, a fare la spesa, partecipando a una festa o seguendo una partita. È una mappa reperibile in http://covid19eventi.datainterfaces.org, che consente di ottenere all’istante la consapevolezza dell’impatto di eventi con gruppi numerosi.
La mappa mostra una stima del rischio di essere esposti al virus SARS-CoV-2 sulla base del numero di persone che partecipano ad un evento. Il rischio è espresso come la probabilità che almeno un individuo positivo sia presente all’evento.
Ovviamente, poi, molto dipende da noi, dalla nostra capacità di osservare le norme, di proteggerci con la mascherina, di mantenere le distanze ed evitare gli assembramenti.
La mappa è divisa per province. Stando ai dati di oggi riguardanti la provincia di Pesaro e Urbino (popolazione 358.886 persone; infezioni rilevate (10 giorni): 60 casi), la probabilità che sia presente almeno un infetto in un gruppo di 100 persone è del 3,3 per 100. Se sono presenti 1.000 persone, la probabilità è del 28 per 100.
Pensando a quanto è accaduto da febbraio in poi, soprattutto nei primi tre mesi di pandemia, quando la provincia di Pesaro e Urbino era la più colpita delle Marche, fra le più in difficoltà in Italia, la situazione fotografata oggi da http://covid19eventi.datainterfaces.org è migliorata, tanta che la nostra provincia è quella che sta meglio. Limitandoci a eventi con 100 persone, emerge che Pesaro ha il 3,3 per 100 di avere un infetto in un gruppo di 100 persone.
Ancona (popolazione 471.228, con 174 casi negli ultimi 10 giorni) ha il 7,1 per 100 di probabilità.
Macerata (popolazione 314.178, casi 150) 9,1 per 100.
Fermo (popolazione 173.800, casi 111) 12 per 100.
Ascoli Piceno (popolazione 207.179, casi 222) 19 per 100.
Se passiamo a eventi con 1.000 persone, questi i dati forniti dal’Istituto piemontese:
Pesaro: 28 per 100.
Ancona: 52 per 100.
Macerata: 62 per 100.
Fermo: 72 per 100.
Ascoli Piceno: 88 per 100.
A questo punto, è doveroso fare un confronto con le province delle città che hanno una squadra partecipante al campionato di basket di serie A1 o nel  campionato di volley femminile di serie A2, girone Est.

Nel basket di serie A solo Brindisi sta meglio 

Incominciamo con il basket, ipotizzando 1.000 spettatori:
Bologna (Fortitudo e Virtus): popolazione 1.014.619, casi 545, probabilità sia presente almeno un infetto 68 per 100.
Brescia: popolazione 1.265.954, casi 468, probabilità 52 per 100.
Brindisi: popolazione 392.975, casi 38, probabilità 18 per 100.
Cantù (provincia di Monza e della Brianza): popolazione 873.935, casi 989, probabilità 90%
Cremona: popolazione 358.955, casi 143, probabilità 55 per 100.
Milano: popolazione 3.250.315, casi 4.087, probabilità 92%.
Pesaro: popolazione 358.886, casi 60, probabilità 28 per 100.
Reggio Emilia (gioca all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, provincia di Bologna: popolazione 1.014.619, casi 545, probabilità con 1.000 persone 68 per 100.
Roma: popolazione 4.342.212, casi 2.652, probabilità 71 per 100.
Sassari: popolazione 491.571, casi 468, probabilità 85%.
Trento: popolazione 541.098, casi 367, probabilità 74 per 100.
Treviso: popolazione 887.698, casi 838, probabilità 85 per 100.
Trieste: popolazione 234.493, casi 289, probabilità 92 per 100.
Varese: popolazione 890.768, casi 687, probabilità 79 per 100.
Venezia: popolazione 853.338, casi 898, probabilità 88 per 100.

E nel volley femminile di serie A2 girone Est Vallefoglia è seconda solo a Cutrofiano e Soverato

Passiamo adesso al volley  femminile serie A2 ed esaminiamo una presenza al massimo di 500 spettatori:
Cutrofiano (provincia di Lecce): popolazione 795.134, casi 90, probabilità sia presente almeno un infetto 11 per 100.
Macerata (popolazione 314.178, casi 150, probabilità 38 per 100.
Martignacco (provincia di Udine): popolazione 528.791, casi 338, probabilità 47%.
Montecchio Maggiore (provincia di Vicenza): popolazione 862.148, casi 693, probabilità 55 per 100.
Ravenna: popolazione 389.456, casi 116, probabilità 26 per 100.
San Giovanni in Marignano (provincia di Rimini): popolazione 339.017, casi 278, probabilità 56 per 100.
Soverato (provincia di Catanzaro): popolazione  358.316, casi 43, probabilità 11 per 100.
Talmassons (provincia di Udine):  popolazione 528.791, casi 338, probabilità 47%.
Vallefoglia (provincia di Pesaro e Urbino): popolazione 358.886, casi 60, probabilità 28 per 100.
Non c’è alcun dubbio, e non solo per i dati forniti in tempo reale da Eventi e Covid-19, mappa della Fondazione ISI – Istituto per l’Interscambio Scientifico  – di Torino. Sia la Carpegna Prosciutto Pesaro, sia la Megabox Vallefoglia stanno subendo una discriminazione, pagando a caro prezzo una scelta che non ha alcun valore scientifico, ma è figlia sia dell’incapacità del Governo centrale di decidere, sia della Regione Marche di prendersi una responsabilità, pure in presenza di una situazione che vedeva provincia di Pesaro e Urbino in condizioni migliori delle altre realtà marchigiane, ma anche – escluse le squadre pugliesi – di tutte le società partecipanti ai campionati di pallavolo femminile serie A2 girone Est e del basket maschile di serie A.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>