Centrata la vittoria, si va a caccia della conferma: sabato sera la Vuelle ospita Trento

di 

16 ottobre 2020

Tyler Cain contro Venezia

Tyler Cain contro Venezia

PESARO – Per capire se la larga e sacrosanta vittoria ottenuta dalla Vuelle a Venezia, fu vera gloria o un caso estemporaneo, bisogna aspettare la prova del nove, e per Pesaro la prova si chiama Trento, che domani sera si presenterà alla Vitrifrigo Arena, intenzionata a togliere lo zero dalla sua classifica.

Allargando il discorso, quella contro la Dolomiti Energia è la prima di un poker di partite, che molto potrà dire sul futuro della Carpegna Prosciutto, dato che, dopo Trento, i ragazzi di coach Repesa, dovranno recarsi a Roma, per poi ospitare Cremona e Varese, quattro partite, sulla carta, non impossibili, contro avversarie della stessa fascia.

Guai però, a pensare che siano partite facili, perché Trento, ad esempio, nonostante sia l’unica, delle 16, ferma ancora a quota zero punti, non è sicuramente la più scarsa della serie A, come dimostrano le tre vittore ottenute in Eurocup, e quasi tutti i siti specializzati, la mettevano in zona playoff nelle previsioni estive, anche se, rispetto alla scorsa stagione, qualche buon elemento ha lasciato il Trentino, per accomodarsi in squadre più danarose.

Trento poi, in questi anni, ha sempre avuto la tendenza a partire piano, per poi riprendersi cammin facendo, agguantando spesso i playoff, obiettivo alla portata di tante squadre, in un campionato, dove le sorprese sono all’ordine del giorno, con il fattore campo che conta sempre meno, e con i problemi che, le squadre impegnate nelle Coppe, si trovano ad affrontare ogni settimana, tra viaggi aerei complicati, partite rimandate, od addirittura annullate, come è capitato a Venezia questa settimana, con la vittoria 20 a 0 a tavolino, tutti problemi che ci porteremo dietro fino alla prossima primavera, sperando che il Covid-19 ci dia la possibilità di continuare senza soste obbligate.

La prova del nove per la Vuelle, sarà superata, non solo in caso di una benaugurante vittoria, ma soprattutto, se continuerà a mettere in mostra, le qualità viste in queste prime nove partite, tra Supercoppa e campionato, nove match dove la Carpegna Prosciutto non è mai andata in vera sofferenza, ha giocato ad armi pari con tutte le avversarie, e, anche quando è uscita sconfitta, non ha mai sbragato.

Siamo naturalmente ancora lontani da una perfezione impossibile da raggiungere, ma è innegabile che questa Vuelle sia composta da nove giocatori seri, consci di quale sia il loro ruolo all’interno della squadra, al di là dei cinque che possono iniziare la partita, perché, se, ad esempio, Massenat rende di più partendo dalla panchina, inserire nello starting five Tambone, non cambia di molto la sostanza, in una Vuelle dove l’unico veramente insostituibile è Tyler Cain, la cui utilità, la si nota ogni volta che va a riposare in panchina.

Cain, infatti, insieme a Robinson, è il giocatore più utilizzato da coach Repesa, con i suoi 31 minuti di media, statistica che, dopo tanti anni, non vede più un giocatore della Vuelle nelle primissime posizioni, come accadeva con i vari Blackmon, McCree, Anosike, Dallas Moore o Jarrod Jones, tutti giocatoti validi per carità, ma che nelle versioni precedenti della Vuelle, dovevano per forza di cose rimanere sul parquet il più a lungo possibile, dato che non avevano ricambi all’altezza, e soprattutto, erano i classici stranieri da salvezza, quelli che dovevano prendersi 15 o 20 tiri ogni partita, e caricarsi la squadra sulle spalle.

In questa Carpegna Prosciutto 2020-21 invece, ci sono almeno 4-5 giocatori che possono prendersi, a turno, l’onere di ergersi a protagonista, dando a Repesa delle alternative diverse ogni domenica, se poi, come è successo a Venezia, tutto gira dal verso giusto, tanto di guadagnato, altrimenti, si dovrà lottare fino all’ultimo possesso, ma a questo, ci siamo abituati.

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO (2 PUNTI) – DOLOMITI ENERGIA TRENTO (0 PUNTI)

SABATO 17 OTTOBRE – ORE 20.30 – VITRIFRIGO ARENA DI PESARO

Diretta streaming su Eurosport Player

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Sei stranieri a referto per Trento, tutti di buon valore, dove brilla la stella di Luke Maye, terzo realizzatore e miglior tiratore da tre del campionato, in un quintetto dove il portoricano Gary Browne è il playmaker con licenza di segnare, in un reparto esterni dove Jeremy Morgan è un altro cliente da tenere d’occhio sul perimetro, guardia che si divide il minutaggio con Victor Sanders, senza dimenticare il prezioso contributo offerto da un veterano come Toto Forray.

Nello spot di ala piccola, Kelvin Martin si divide il minutaggio con Maye, mentre sotto canestro, si dovrà fare attenzione alla verticalità di JaCorey Williams e alla versatilità di Davide Pascolo, in un reparto lunghi dove trovano spazio anche i giovani Mezzanotte e Ladurner, in una Dolomiti Energia completata da Lechtaler e l’ex Luca Conti, che coach Nicola Brienza cercherà di togliere il prima possibile dalle ultime posizioni.

IL DUELLO CHIAVE

Frantz Massenat vs Luke Maye: Più penetratore il pesarese, più tiratore il trentino, ma entrambi sono in grado di produrre punti, se gli viene concessa troppa libertà, Massenat dovrà essere bravo ad anticiparlo sulle linee di passaggio e di provare a caricarlo di falli, negli uno contro uno offensivi.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Dopo una settimana passata a rincorrere i numeri, siamo arrivati a venerdì e nulla è cambiato, visto che, allo stato attuale delle cose, domani sera alla Torraccia potranno entrare solo 200 persone, il massimo consentito dal nuovo Dpcm per gli sport al chiuso, col piccolo problema che nelle altre regioni, i palazzetti potranno essere riempiti fino al 15% della capienza, con il massimo di 1000 spettatori, ed è questo che non ci convince, perché è chiaro che, visto il crescere della pandemia, si devono evitare il più possibile gli assembramenti, ma che, la vicina Emilia Romagna, dia il consenso per far entrare a Bologna fino a 1400 spettatori, estendendo la deroga già in vigore, rende il campionato non proprio uniforme.

Tra l’altro, questo decreto rimarrà valido fino al 13 novembre, e la Vuelle giocherà tre partite casalinghe prima di quella data, tutti incassi gettati al vento, anche se con 1000 presenze non diventi ricco, ma una boccata d’ossigeno per le casse biancorosse sarebbe comunque arrivata, senza considerare quel pizzico di fattore campo, che con mille persone si sarebbe fatto sentire, seppure in maniera minore, rispetto alle presenze delle scorse stagioni.

Il nuovo governatore delle Marche avrebbe ancora il tempo di cambiare le cose, e in fin dei conti, con gli altri campionati che ancora non sono iniziati, la deroga varrebbe solo per la Vuelle e la Lube nel volley, ovvero le due eccellenze regionali, quelle che tengono alto il nome delle Marche in Italia, e anche in Europa, nel caso della pallavolo, e potremmo stare qui a parlarvi di cubature, di uscite di sicurezza, di accessi e di distanziamento, tutti argomenti già trattati numerose volte.

Vorremmo solo ribadire che, dal punto di vista della sicurezza, la Vitrifrigo Arena è molto più attrezzata rispetto alla maggioranza degli altri impianti e i dirigenti della Vuelle sono pronti ad ottemperare a tutte le norme previste dal decreto, anche se è chiaro che un minimo di rischio rimane, ma quello ormai è presente in ogni fase della nostra vita, specialmente se non si rispettano tutte le indicazioni dell’autorità.

Se dovesse arrivare la deroga, in Via Bertozzini sono pronti alla vendita dei biglietti, comunicandolo tempestivamente ai tifosi tramite i canali social, perché di abbonamenti fino alla fine della stagione non se ne parla naturalmente, al massimo è in programma la vendita di biglietti per il numero di partite consentite dai decreti mensili in vigore, ma per domani sera ci sarebbe una sorta di click day, ovvero chi li compra per primo, tramite il circuito Viva ticket, entra, gli altri la potranno vedere sulla piattaforma Eurosport Player, restate sintonizzati, perché, se ci saranno cambiamenti, ve li comunicheremo immediatamente.

 

LA QUARTA GIORNATA IN PILLOLE

Oltre a Pesaro-Trento, sabato sera si giocherà in anticipo anche Cremona-Varese, mentre la domenica del basket inizierà a mezzogiorno, con il big match tra Sassari e Fortitudo, e proseguirà alle 17 con il derby tra Virtus Bologna e Reggio Emilia, mentre Milano vorrà mantenere la sua imbattibilità battendo Roma. Interessanti le sfide tra Cantù e Venezia e Brindisi-Treviso, in una quarta giornata che si chiuderà col posticipo tra Brescia e Trieste.

I PROSSIMI TURNI DELLA CARPEGNA PROSCIUTTO

Domenica 25 ottobre – ore 18.00:

Virtus Roma – Carpegna Prosciutto Pesaro

 

Domenica 1 novembre – ore 12.00:

Carpegna Prosciutto Pesaro – Vanoli Cremona

 

Domenica 8 novembre – orario da definire

Carpegna Prosciutto Pesaro – Open Job Metis Varese

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>