La Vis Pesaro soffre ma vince: Giraudo stende il Gubbio

di 

1 novembre 2020

Vis Pesaro vittoriosa (grafica tratta dalla pagina Fb della Vis)

Vis Pesaro vittoriosa (grafica tratta dalla pagina Fb della Vis)

VIS PESARO – GUBBIO 1-0
VIS PESARO (3-5-2): Bastianello; Gennari, Farabegoli, Stramaccioni (42′ st Lelj); Eleuteri (28′ st Pannitteri), Benedetti (16′ st Cannavò), Pezzi, Gelonese, Giraudo (41′ st Nava); De Feo (28′ st Marcheggiani), Marchi. All. Galderisi
GUBBIO (4-3-3): Cucchietti; Cinaglia (15′ st Formiconi) (30′ st Munoz), Uggè, Signorini, Ferrini; Malaccari, Megelaitis, Oukhadda (31′ st Sainz-Maza); De Silvestro (18′ st Pellegrini), Gerardi, Pasquato (31′ st Sdaigui). All. Torrente
ARBITRO: Frascaro di Firenze
RETE: 32′ st Giraudo
NOTE: pomeriggio temperato, terreno di gioco in discrete condizioni, gara a porte chiuse; ammoniti Giraudo, Malaccari, Munoz; angoli 6-5, recupero 2+4

PESARO – La Vis torna alla vittoria, ma che fatica. I ragazzi di Galderisi hanno avuto la meglio nell’ultimo spicchio di un Gubbio manovriero e sciupone, che ha sfiorato la rete in più di una circostanza (su tutte palo clamoroso di Malaccari e tiro fuori da zero metri di Pellegrini). I pesaresi per una volta hanno raccolto più di quanto non meritassero, grazie alla rete arrivata al minuto 77 di Federico Giraudo, abile a stoppare e a mettere alle spalle di Cucchietti un cross di un Pannitteri entrato benissimo spizzato malauguratamente dall’eugubino Uggè.

Tre punti importanti per una Vis che sale a quota 8 di una classifica comunque cortissima, dove la differenza tra colonnina di destra e colonnina di sinistra della graduatoria è minima.

Brutta, sporca ma vincente. E alla fine della giostra è ciò che conta. Se la Pesaro del pallone si aspettava i tre punti dal match col Gubbio di ieri è stata accontentata. Per il gioco riprovare più avanti, ma dopo aver ricevuto nelle scorse settimane diversi complimenti ma schiaffoni, fondamentale era dare una sterzata a una classifica che cominciava a essere pesantuccia.

Che sofferenza

Gara sofferta per la Vis, nonostante la prima azione facesse presagire a una Vis all’arrembaggio. Con uno schema su calcio d’avvio innescato dal lancione di Pezzi, ancora regista di un centrocampo a cinque, spizzato da Gennari per Benedetti: il difensore Signorini rischia la scivolata ed ha ragione. Il Gubbio non si scompone e coi tiri fuori dallo specchio di Gerardi e Ouddhadda prende confidenza. Anche se poi al 10′ è bello l’anticipo di Stramaccioni che lancia Marchi, cross a centro area per De Feo che s’esibisce in una bella rovesciata che coglie il palo esterno, ma Cucchietti comunque controllava. Al 22′ Bastianello è bravo a chiudere il suo palo al tiro ravvicinatissimo – ma defilato – di Gerardi, ben innescato dall’ex Juve Pasquato. E’ il momento migliore degli ospiti, che non vanno distanti dal vantaggio sul mancino dello stesso Pasquato largo e soprattutto sul sinistro arrotato di De Silvestro su erroraccio di Farabegoli tornato titolare. I rossoblù si divorano al 29′ un contropiede succulento con Oukhadda. Timide proteste pesaresi al 34′ per un contatto Cinaglia-Gelonese, il Gubbio si mangia le mano anche perché un minuto dopo vuole entrare in porta col pallone, con Pasquato che eccede d’altruismo cercando Gerardi invece che imbucare il cioccolatino di De Silvestro.

Ospiti superiori nella manovra ma è colossale l’occasione doppia che capita al duo Giraudo-De Feo, col terzino che cicca il primo cross azzeccato di Eleuteri e il secondo che mette alto in semirovesciata la ciabattata del compagno divenuta assist. Finisce larga invece la conclusione mancina di Marchi, ex di turno, ben imbeccato da Gennari. Al culmine d’un brutto primo tempo il primo assistente salva la Vis, giudicando fuori un corner di Pasquato che Gennari aveva messo dentro la sua porta, dopo inguardabile uscita a vuoto di Bastianello.

Giraudo-gol

Nella ripresa l’anticipo di Marchi sull’esterno della rete, su corner da destra, fa ben sperare, anche perché la Vis gioca più alta. Al 58′, però, rischia l’inverosimile sulla splendida ripartenza di Pasquato che smarca Malaccari: palo interno clamoroso. Galderisi si gioca il tutto per tutto inserendo Cannavò, Pannitteri e Marcheggiani, ma deve ringraziare il baby eugubino Pellegrini che al 72′ mette fuori da un metro un cross dal fondo di Malaccari. Gol sbagliato, gol subito. La Vis vince grazie a un’azione che sviluppa a destra proprio Pannitteri, cross che Uggè tocca improvvidamente sul secondo palo per Giraudo, il quale stoppa e indirizza a rete il cuoio da tre punti che Signorini tocca ma non salva. Ospiti che alzano bandiera bianca sul tiro di Malaccari appena largo.

Emanuele Lucarini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>