Il Covid-19 non ferma l’edizione autunnale del ROF: sarà senza pubblico e in streaming gratuito

di 

9 novembre 2020

PESARO – Niente da fare, agevolato dai nostri comportamento, soprattutto dalla nostra stupidità, il Covid-19 è più forte. E riesce ad avere ragione anche dell’ottimismo della volontà manifestato quotidianamente dal Rossini Opera Festival, obbligato ad arrendersi al pessimismo della ragione, che vale più di ogni DPCM.
Avevamo timore e non lo avevamo nascosto, ma la situazione si è rivelata peggiore di ogni pessimistica previsione.
Il 23 settembre 2020, commentando le “sinfonie autunnali” di Rossini, l’edizione bis del ROF 2020, avevamo scritto, testualmente:
Facendo gli scongiuri del caso, obbligatori visti certi comportamenti, non ultimi quelli in manifestazioni sportive come il Tour de France, ma anche i festeggiamenti di massa di alcune squadre  promosse dalla serie B alla serie A di calcio, l’Accademia si farà. E gli allievi saranno a Pesaro fra qualche settimana.
Purtroppo non è andata così: l’Accademia Rossiniana è stata sospesa, saltato il concerto finale in programma il 1° novembre. Però gli allievi canteranno Il viaggio a Reims.
Abbiamo fatto le cicale, feste ovunque, tra battesimi, cresime, matrimoni e comunque serate fra amici, senza mascherina, senza distanziamenti, e il virus ha dimostrato quanto siamo fragili.
Pure in questa situazione assai difficile, il ROF non s’arrende. È vero che il presidente Vimini e il sovrintendente Palacio lo sognavano aperto al pubblico, nella peggiore delle ipotesi con gli stessi accessi dello scorso agosto, ma si terrà ugualmente, pure se al chiuso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Salta anche la prima della Scala, che cerca alternative con la diretta tivvù e in streaming
Come al chiuso saranno gli altri eventi in programma tra autunno e inizio inverno. Il primo di tutti, il 7 dicembre, Sant’Ambrogio patrono di Milano, l’inaugurazione della stagione invernale della Scala di Milano. Il teatro meneghino doveva aprire i battenti per ospitare la prima della Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti affidata alla direzione di Riccardo Chailly e alla regia di Yannis Kokkos.
Proviamo a sorridere, con le parole de LaSettimanaIncom, la rubrica di Silvia Truzzi sul Fatto Quotidiano: “La “prima” non è buona, alla Scala Sant’Ambrogio sarà plastic free“.
Scrive Silvia Truzzi: come era prevedibile, è stata annullata, causa Covid, anche la prima della Scala: per Milano sarà un Sant’Ambroeus senza apertura della stagione al Piermarini. Cosa mai vista o quasi. Allo studio, secondo Truzzi, c’è “una soluzione alternativa di qualità, salvando le dirette tivvù e streaming. Consoliamoci così: il foyer del Piermarini per una volta vedrà un sette dicembre plastic free“.
Ogni riferimento agli interventi di chirurgia plastica per presentarsi in forma alla prima della Scala e alle successive cene di gala non è per niente casuale.
Nel suo piccolo, solo rispetto alla copertura mediatica riservata al Sant’Ambrogio alla Scala, sarà così anche per Pesaro, che la sua scelta l’ha anticipata da tempo, ribadendola oggi con il comunicato che conferma la copertura totale del programma dell’edizione autunnale del Rossini Opera Festival. “La sessione autunnale sarà trasmessa interamente in streaming gratuito sul sito web e sui canali social della manifestazione. Il programma, che propone due concerti e due produzioni liriche per un totale di sette appuntamenti, sarà eseguito senza pubblico al Teatro Rossini“.
Daniele Vimini, presidente del ROF, spiega una scelta che non aveva alternative.
Vista la situazione nella quale si trova il paese, abbiamo deciso di regalare l’intero Festival autunnale a tutti i rossiniani nel mondo: non solo al pubblico che ci frequenta d’estate da sempre e per la grande maggioranza viene dall’estero, ma anche a chi non è mai stato al ROF e potrebbe decidere di farlo in futuro. Inoltre sentiamo fortemente la responsabilità, in quanto istituzione culturale, di offrire l’opportunità a tutti i nostri artisti di poter continuare a svolgere il proprio lavoro in tutta sicurezza di fronte alla platea più ampia possibile, seppur virtuale“.
Aggiunge il sovrintendente Ernesto Palacio:
In momenti del genere, la musica, l’arte, la bellezza possono dare un grande conforto pure se non vissute dal vivo. Ci rendiamo conto che lo streaming non è che una soluzione pratica ad una condizione di emergenza, ma siamo convinti che il nostro pubblico apprezzerà e accoglierà con gioia la possibilità di assistere a questa sessione straordinaria del ROF da casa propria, in tutta sicurezza. Vorremmo che questa situazione straordinaria fosse vissuta come un modo per restare comunque in contatto tra noi rossiniani di ogni parte del mondo, in attesa di rivederci a Pesaro la prossima estate, nella speranza che la pandemia sia stata sconfitta“.
Il programma dell’edizione autunnale del ROF 2020:
Péchés de vieillesse 
Sabato 14 novembre alle 20.30 una selezione dei Péchés de vieillesse interpretata dal pianista Alessandro Marangoni;.
Messa di Milano Miserere
Domenica 15 novembre alle 20.30 la Messa di Milano e il Miserere diretti da Ferdinando Sulla, alla guida della Filarmonica Gioachino Rossini e del Coro del Teatro della Fortuna (Maestro del Coro Mirca Rosciani); il Miserere sarà interpretato da Manuel Amati, Antonio Garés e Grigory Shkarupa; ad essi, nella Messa di Milano, si aggiungerà Svetlina Stoyanova.
Il barbiere di Siviglia
Mercoledì 25, venerdì 27 e domenica 29 novembre sarà riproposto Il barbiere di Siviglia, messo in scena da Pier Luigi Pizzi al ROF 2018, con Michele Spotti a dirigere l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e il Coro  del Teatro Ventidio Basso (Maestro del Coro Giovanni Farina) ed un cast composto da Juan Francisco Gatell (Conte d’Almaviva), Carlo Lepore (Bartolo), Aya Wakizono (Rosina), Iurii Samoilov (Figaro), Michele Pertusi (Basilio), Elena Zilio (Berta) e William Corrò (Fiorello/Ufficiale).
Il Viaggio a Reims
Giovedì 26 e sabato 28 novembre il classico Il Viaggio a Reims, ideato da Emilio Sagi e ripreso da Matteo Anselmi, con gli allievi dell’Accademia Rossiniana 2020 diretti da Alessandro Cadario sul podio dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>