Contagi da Covid-19 a Casa Roverella di Santa Colomba, il Comune chiede delucidazioni

di 

9 dicembre 2020

 

21112014130430_villa_rosa_1PESARO – Il Comune di Pesaro è in continuo contatto con l’Aria Vasta 1 affinché nelle RSA vengano effettuati controlli e costanti monitoraggi sullo stato di salute dei ricoverati. Nel pomeriggio è stata inviata la seguente lettera al Consorzio di Santa Colomba e all’Asur Aria Vasta 1, dopo la notizia dei contagi da Covid-19 a Casa Roverella.

«Siamo molto preoccupati e in apprensione poichè siamo venuti a conoscenza della grave situazione di contagio da COVID-19 all’interno di alcuni reparti della residenza protetta “Casa Roverella”.

A tale proposito, con la presente, si chiede di relazionare in merito e in particolare di evidenziare quali misure restrittive e precauzionali sono state poste in essere per evitare i contagi, quali le procedure e misure di contenimento attivate al fine di limitare il diffondersi del contagio in altri reparti della struttura, quali i percorsi previsti per gli ospiti coinvolti.

Si chiede altresì quali saranno gli interventi sanitari che ASUR vorrà attivare con l’eventuale coinvolgimento del Dipartimento di prevenzione ovvero dei preposti USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale)

Quanto sopra, a tutela della salute degli assistiti e delle famiglie che hanno sempre riposto nella gestione del servizio la loro fiducia e affidabilità».

 

Un commento to “Contagi da Covid-19 a Casa Roverella di Santa Colomba, il Comune chiede delucidazioni”

  1. EsseGi scrive:

    Eppure la struttura è blindata da mesi… I famigliari non possono più fare visita ai loro cari dall’ordinanza di Ceriscioli del 20 febbraio…
    Le uniche visite ammesse erano a distanza e controllate, una o due volte la settimana…
    Quindi se entra il virus in un posto così iper protetto è perché non si riesce a fare adeguato screening al personale perché mancano i tamponi…
    E bisognerebbe pensare anche a come fare in modo che figli e nipoti possano almeno incontrare i genitori o nonni…
    Il rischio è che arrivano le Feste Natalizie e si corre il rischio che si sentano abbandonati…
    Difendere i deboli facendo prevenzione su coloro che sono i forti…
    Con ciò tutto il mio ringraziamento a tutti coloro che seguono con dedizione questi nostri cari genitori e amici…
    VOI sostituite noi che purtroppo non possiamo esser presenti…
    FATE una CAREZZA ad ognuno di loro e che i Vostri Occhi regalino un sorriso…

Rispondi a EsseGi Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>