Carpegna Prosciutto: battere Cantù per restare nella pancia del gruppo

di 

22 gennaio 2021

Carpegna Prosciutto MILANOPESARO  – L’esito del match contro Cantù di domenica pomeriggio, sarà fondamentale per il cammino della Vuelle, che si troverà davanti all’ennesimo bivio della stagione, in caso di vittoria infatti, i ragazzi di coach Repesa resteranno nella pancia del gruppo, in quella terra di mezzo dove tutto è possibile, compresa la possibilità di rimanere nella parte sinistra della classifica fino alla primavera.

Ma in caso di sconfitta, avere lo 0-2 con i brianzoli, visto che all’andata la Carpegna Prosciutto perse per 81 a 72 a Desio, non sarebbe proprio l’ideale per la salvezza, con l’Acqua San Bernardo che risalirebbe a meno quattro, e tornerebbe prepotentemente in corsa per qualcosa di più, rispetto ad una salvezza anticipata.

All’andata, Pesaro giocò senza Delfino, fermo per lo stesso mal di schiena che ne condizionerà l’utilizzo anche dopo domani, un match che la vide iniziare l’ultimo quarto avanti di sei lunghezze, per poi naufragare negli ultimi minuti, finendo poi per perdere di nove, differenza canestri che sarebbe utile anche ribaltare, ma ci accontenteremmo “solamente” di vincere, contro una Cantù, che rispetto all’andata, si è notevolmente rafforzata, con gli innesti di Frank Gaines e Bigby-Williams.

Scontri diretti e differenza canestri che saranno molto importanti, per districarsi nella matassa di una classifica che rimarrà complicata fino all’ultima giornata, anche se le quattro “big”, sembrano avere ingranato le marce alte, con Venezia che potrà sfruttare il 2 a 0 con Brindisi, per stabilizzarsi nelle prime quattro, facendo compagnia a Milano, Virtus e Sassari, che ci sembrano un gradino sopra rispetto alla concorrenza.

Ma dietro, tutto è possibile, con la prepotente crescita di Trieste, che se non fosse stata fermata dal Covid-19 a novembre, sarebbe sicuramente più in alto, e sarà da valutare anche l’impatto che gli innesti di Sutton e Koponen avranno su Reggio Emilia, che in settimana, ha avuto la certezza di qualificarsi alla Coppa Italia, dopo la sconfitta di Cremona nel recupero del match contro Milano.

Come si è capito subito dopo l’esclusione di Roma, non c’è più una squadra nettamente inferiore alle altre, con il rendimento di Varese, da valutare dopo la sosta forzata causa focolaio, anche se non sarà facile per l’Open Job Metis, gestire due incontri alla settimana, quando saranno calendarizzate le date delle partite da recuperare.

Ma sperare nelle disgrazie altrui, era lo schema delle versioni passate della Vuelle, quella di Repesa è invece consapevole che ha tutte le carte in regola per cavarsela con le proprie forze, e che il meno 25 di Sassari è abbastanza bugiardo, rispetto a quello che si era prodotto per due terzi, di un match abbastanza simile a quello contro la Virtus, dove la Carpegna Prosciutto lottò ad armi pari fino al terzo quarto, finendo però per subire 100 punti, troppi per sperare di vincere, e troppi per affermare che tutto abbia funzionato a dovere in fase difensiva, concetto su cui coach Repesa si sofferma ad ogni partita, mentre, se avete notato, gli errori offensivi tendono a passare in secondo piano, perché un errore al tiro ci può sempre stare, ma, lasciare il miglior tiratore avversario libero di tirare piedi per terra, viene sempre “punito” e sottolineato, specialmente nei giorni successivi, quando ci si ritrova tutti davanti al video, per analizzare cosa ha funzionato e cosa no alla domenica.

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO (7 VINTE – 8 PERSE) – ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ (4 VINTE – 11 PERSE)

DOMENICA 24 GENNAIO – ORE 18.30 – VITRIFRIGO ARENA DI PESARO

PARTITA A PORTE CHIUSE

Diretta streaming su Eurosport player

Risultato dell’andata: Cantù- Pesaro 81-72

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Il ritorno di Frank Gaines, al posto di James Woodard, cambierà l’assetto tattico di coach Pancotto, dato che l’ex Vuelle è un tiratore più affidabile, ma è meno propenso a fare il play, ruolo che rimarrà nelle mani sapienti di Jaime Smith, con Dante Johnson a fargli da spalla, in un reparto esterni completato dal 18enne Gabriele Procida, che sta conquistando minuti partita dopo partita.

Andrea Pecchia è l’ala piccola titolare, alternandosi a Donte Thomas, mentre sotto i tabelloni, a dar manforte a Shamarkus Kennedy è arrivato l’inglese Bigby-Williams, con Marten Luenen a completare un roster dove il veterano La Torre viene utilizzato in caso di necessità, mentre il 22enne Jordan Baheye sta acquisendo fiducia nei propri notevoli mezzi fisici.

IL DUELLO CHIAVE

Henri Drell vs Andrea Pecchia: L’assenza di Tambone, dovrebbe rispedire in quintetto il 21enne estone, che dovrà confermare i progressi delle ultime uscite, contenendo l’esuberanza fisica di Pecchia, giocatore che ama battere l’avversario dal palleggio, senza disdegnare la conclusione da fuori, Drell, da parte sua, dovrà cercare di produrre punti, sia dall’arco, che in penetrazione.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

La sicura assenza di Matteo Tambone, “costringerà” coach Repesa a concedere più spazio a Michele Serpilli e Henri Drell. Abbiamo virgolettato costringerà, perché la parola più giusta da utilizzare sarebbe permetterà, dato che l’assenza di un titolare, dovrebbe essere l’occasione ideale per mettersi in mostra, soprattutto per il 22enne anconetano, che fino a qualche giorno fa, sembrava destinato a trasferirsi a Roma, sponda Stella Azzurra, in quella serie A2 che forse gli si addice di più, ma Repesa ha bloccato la trattativa, consapevole che la schiena di Delfino non dà garanzie al 100%, e Serpilli, in questi mesi passati a Pesaro, ha aumentato la massa muscolare, indispensabile per reggere l’urto in fase difensiva, mentre sul fronte offensivo, la velocità di tiro è la stessa che lo aveva messo sui radar degli addetti ai lavori fin da ragazzino, quando veniva indicato come uno dei migliori ’99 d’Italia, perdendosi però per strada nel passaggio al professionismo.

Drell, è un anno più giovane di Serpilli, ma essendo straniero, da lui ci si aspetta un maggior contributo, e qualche piccolo miglioramento si è intravisto nelle ultime uscite, ma non sufficiente per bloccare il mercato in entrata della Vuelle, perché, anche se in questi giorni non sono filtrate notizie, Repesa non è un tipo che si arrende, e continua nel suo martellamento su Costa ed Amadori.

Dopo qualche risposta negativa ricevuta, quella positiva potrebbe arrivare proprio da Cantù, che ha di fatto uno straniero di troppo, e la crescita prepotente di Bigby-Williams, ha messo Shamarkus Kennedy ai margini delle rotazioni, e se in Brianza decideranno di tagliarlo, Pesaro sarebbe la destinazione ideale per entrambi, con la Vuelle che risparmierebbe i ventimila euro del tesseramento, e si assicurerebbe quel lungo atletico e stoppatore che non ha mai avuto da settembre, magari ancora un po’ grezzo, ma che alzerebbe la fisicità di un reparto lunghi, troppo dipendente da Tyler Cain.

Le due parti ne parleranno proprio domenica, anche se Kennedy non è l’unico nome sulla lista, visto che da Biella danno in partenza il lungo Wojciechowski, che con il suo passaporto italiano, consentirebbe a Pesaro di non dover rinunciare ad Henri Drell, risparmiare sempre i famosi ventimila euro per il tesseramento, e lasciare aperta la porta per un ulteriore arrivo straniero, in caso di necessità. Il lungo di origine polacca era già stato trattato in estate, e in Piemonte sta viaggiando a 9 punti e 7 rimbalzi di media, in una squadra comunque penultima, e che potrebbe prendere al suo posto Andrea Ancellotti, in uscita da Brescia, dopo l’arrivo del centro Darrell Willis, ne sapremo di più la prossima settimana.

 

LA DICIASETTESIMA GIORNATA IN PILLOLE

Due gli anticipi al sabato, con Reggio Emilia e Trento che si sfideranno alle 19, mentre alle 20, la Virtus cercherà di continuare, ai danni di Brescia, il suo buon momento, la domenica del basket inizierà a mezzogiorno, con il match tra Treviso e la capolista Milano, mentre alle 16, Varese potrebbe tornare finalmente a giocare, dopo quasi un mese, e lo farebbe davanti alle telecamere della Rai, con la sfida con la Fortitudo in diretta alle ore 16, altrimenti si anticiperà il match tra Venezia e Cremona, in una diciassettesima giornata che vedrà riposare Brindisi e che si chiuderà alle 19, con lo scontro tra Trieste e Sassari.

I PROSSIMI TURNI DELLA CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO:

Domenica 31 gennaio – ore 20.45:

Carpegna Prosciutto Pesaro – Umana Venezia

 

Domenica 7 febbraio – ore 17:

Dolomiti Energia Trento – Carpegna Prosciutto Pesaro

 

Giovedì 11 febbraio/domenica 14 febbraio

Final Eight di Coppa Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>