La capolista Brindisi passa di forza a Pesaro, la Vuelle perde 62-86

di 

14 aprile 2021

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO – HAPPY CASA BRINDISI 62-86

Carpegna Prosciutto Pesaro: Drell 0, Massenat 9, Filloy 9, Cain 6, Robinson 9, Tambone 2, Mujakovic 0, Eboua 8, Serpilli 0, Filipovity 7, Zanotti 12, All. Repesa

Happy Casa Brindisi: Bostic 5, Motta 0, Krubally 20, Zanelli 9, Harrison 14, Visconti 2, Gaspardo 6, Guido 0, Udom 4, Bell 2, Willis 24, All. Morea

Arbitri: Sahin, Giovannetti, Dori

Parziali: 13-25, 19-18, 13-21, 17-22

173153661_5305533332851791_8733728670643113289_nPESARO – La capolista Brindisi passa d’autorità alla Vitrifrigo Arena, conducendo il match fin dalla palla a due, chiudendolo sul’86 a 62. La Vuelle da parte sua, ha giocato una pessima partita, con Robinson e Massenat sottotono, e qualche nota lieta arrivata solo da Zanotti e Eboua, troppo poco per sperare di muovere una classifica che speriamo non sarà stravolta dal ricorso presentato dalla Fortitudo, che sarà discusso venerdì alle ore 14, con la speranza che non venga ribaltata la decisione presa ieri dal giudice sportivo, che ha confermato la vittoria per la Carpegna Prosciutto, che altrimenti sarà ancora costretta a guardarsi alle spalle fino all’ultimissima giornata.

PRIMO QUARTO

Brindisi è ancora senza coach Vitucci, rimasto in Puglia insieme a Thompson e Perkins, ma ha recuperato D’Angelo Harrison, la Vuelle è senza capitan Delfino, che probabilmente ha chiuso sabato la sua carriera, con coach Repesa che decide di schierare Robinson e Tambone da esterni, Drell da ala piccola e la coppia di lunghi composta da Filipovity e Cain, che segna i primi due punti del match, ma dopo aver subito un paio di canestri evitabili e con Tambone già a quota due falli, coach Repesa chiama subito timeout, dopo nemmeno due minuti di gioco, sul 6 a 2 Brindisi, Cain è costretto a tornare in panchina, con la caviglia dolorante, sostituito da Eboua, per una Vuelle che torna a segnare con un tap-in di Zanotti, che vale il 4 a 9, ma non morde in difesa, con Willis arrivato già a quota 9 punti personali, Robinson accorcia dai quattro metri, ma la Carpegna Prosciutto ha già esaurito il bonus e senza il suo totem, l’area diventa terra di conquista per Krubally, che segna i liberi del 15 a 8 ospite, entrano anche Massenat, che si presenta con un paio di errori, e Filloy, chiamato a diventare il leader di una Vuelle priva di Delfino, mentre Brindisi schiera dopo 80 giorni D’Angelo Harrison, che segna i liberi del 19 a 9, in un primo quarto dominato dalla capolista, che con le triple chiude i primi 10 minuti avanti per 25 a 13.

SECONDO QUARTO

8 triple fallite nei primo quarto, da una Vuelle che dovrà inventarsi qualcosa per provare a non sprofondare già nel primo tempo, sorretta dai rimbalzi offensivi di Zanotti, autore di 8 dei 15 punti segnati finora da Pesaro, la difesa biancorossa continua ad essere in grossa difficoltà, con il bonus di nuovo esaurito dopo nemmeno tre minuti, e l’Happy Casa con una schiacciata di Udom si porta sul 31 a 17, si rivede Cain, non al 100%, ma rimesso in piedi dallo staff medico, e dopo 14 minuti arriva finalmente anche la prima tripla pesarese, grazie a Filloy, ma la difesa brindisina sembra impenetrabile, e fa scaturire contropiedi che vengono sfruttati abilmente da Harrison e compagni, e ci vogliono due triple di Eboua per riportare la Carpegna Prosciutto sul 28 a 37, con il camerunense che però dimostra tutta la sua inesperienza, commettendo un antisportivo che Brindisi sfrutta a pieno, riportandosi sul più 12, con la Vuelle che ritorna da Filloy per accorciare le distanze, in un secondo quarto più combattuto del precedente, che l’Happy Casa chiude in vantaggio per 43 a 32.

Le statistiche di metà partita evidenziano l’orribile 3 su 18 da tre per una Vuelle che ha avuto 10 punti da Zanotti e 8 da Eboua, e sta pareggiando la lotta a rimbalzo (21-20), ma che avrebbe bisogno di un Robinson migliore di quello che ha prodotto un meno uno di valutazione nei primi 20 minuti.

TERZO QUARTO

Come spesso gli è capitato in questa stagione, o nel secondo tempo la Vuelle comincerà ad infilare le triple, o i due punti andranno comodamente agli avversari, che da parte loro stanno giocando un basket essenziale, con pochi fronzoli e tanti muscoli, a pesare sarà anche una situazione falli complicata, con Massenat e Tambone già a quota tre, e ben 16 falli commessi nei primi 10 minuti, a confermare la differenza fisica tra le due formazioni, una tripla di Filipovity inaugura il quarto, con Robinson a segnare i liberi del 37 a 45, ma una tripla di Zanelli riporta Brindisi sul più 13, con Repesa a chiamare prontamente timeout, nella speranza che i suoi ragazzi non mollino subito la presa, ma ci vorrebbe un Massenat maggiormente produttivo, e una mira migliore dall’arco, l’Happy Casa vola sul 54 a 37, con l’attacco pesarese in rottura prolungata, perdendo anche palla su una rimessa laterale, in un terzo quarto dove Pesaro ha segnato solamente 13 punti, consentendo a Brindisi di chiudere avanti per 64 a 45,

ULTIMO QUARTO

Robinson 4, Massenat 1, Tambone e Drell 0, sono i punti segnati da questi quattro giocatori finora, e quelli che verranno da qui in avanti, serviranno solo per le statistiche, in un ultimo quarto da puro garbage time, che Brindisi cercherà di amministrare risparmiando le forze per un finale di campionato che dovrebbe consacrarla al primo posto, al 33esimo una schiacciata di Krubally mantiene l’Happy Casa sul più 19, con la Vuelle che continua a sparacchiare dall’arco come ai tempi brutti, c’è spazio anche per Michele Serpilli, che senza Delfino qualche minuto lo giocherà in queste partite, mentre Filloy chiude anzitempo la partita causa cinque falli, ci si avvia stancamente verso la sirena finale, tra entrate che non arrivano al ferro e contropiedi falliti, per un punteggio finale che sancisce la vittoria dell’Happy Casa col punteggio finale di 86 a 62.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>