Carpegna Prosciutto Basket, pesante sconfitta a Trieste 101-88

di 

18 aprile 2021

ALLIANZ TRIESTE – CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO 101-88

Allianz Trieste: Coronica 2, Upson 7, Fernandez ne, Arnaldo ne, Laquintana 11, Delia 25, Henry 3, Cavaliero 5, Da Ros 12, Grazulis ne, Doyle 12, Alviti 25, All. Dalmasson

Carpegna Prosciutto Pesaro: Drell 5, Massenat 8, Filloy 2, Robinson 21, Tambone 9, Mujakovic 0, Eboua 3, Serpilli 6, Filipovity 11, Zanotti 23, All. Repesa

Arbitri: Rossi 0, Bongiorni, Galasso

Parziali: 33-15, 19-34, 28-19, 21-20

REPESATRIESTE – Pesante sconfitta subita dalla Vuelle a Trieste, con l’Allianz che si aggiudica il match col punteggio finale di 101-88, e blinda l’ottavo posto, mentre Pesaro aspetta buone notizie dagli altri campi e dal giudice sportivo, col rischio di rimanere invischiata nella lotta per non retrocedere fino all’ultima giornata. Senza Cain, la Carpegna Prosciutto ha subito i centimetri di Marcos Delia, ma non è stata capace neanche di fermare Alviti, in un match dove Robinson e Zanotti, almeno in fase offensiva, si sono dati da fare, gli unici due a salvarsi in una Vuelle che, dopo aver rimontato dal meno 18 del primo quarto, è crollata nella ripresa, subendo per l’ennesima volta più di 100 punti.

PRIMO QUARTO

Trieste senza Fernandez e Grazulis, Pesaro deve fare a meno, oltre che di Delfino, anche di Tyler Cain, rimasto a casa per il problema alla caviglia rimediato mercoledì scorso, e allora coach Repesa schiera in quintetto Robinson e Massenat da esterni, Tambone come ala piccola e la coppia di lunghi composta da Filipovity e Zanotti, che segna i primi tre punti per la Vuelle, mentre i padroni di casa cercano il loro pivot con insistenza, con Delia subito protagonista, dopo nemmeno tre minuti, Repesa toglie Filipovity ed inserisce Drell, con l’Allianz che si porta sull’14 a 6, con una tripla di Alviti, vantaggio che già raggiunge la doppia cifra, con la Vuelle in grossa difficoltà, sia in attacco, che in difesa, sperando che gli ingressi di Filloy ed Eboua gli diano una scossa, anche perché nel frattempo, l’Allianz si è portata sul 23 a 10, con Delia già arrivato in doppia cifra, grazie ad un gioco da tre punti che induce coach Repesa a chiamare timeout, anche se onestamente l’encefalogramma della sua squadra sembra piatto, e non crediamo che l’allenatore croato abbia lo strumento adatto per darle una scossa, in un primo quarto dominato da Trieste, che si chiude sul 33 a 15.

SECONDO QUARTO

33 punti subiti, 51 a 6 la valutazione, se non sono stati i peggiori dieci minuti giocati in stagione dalla Vuelle, non ce ne ricordiamo di più brutti, sperando nel risveglio dei vari Robinson, Massenat e Filipovity, inguardabili finora, dopo 11 minuti, arrivano i primi punti dalla lunetta per Pesaro, altro sintomo delle difficoltà offensive biancorosse, con Robinson a confezionare un gioco da tre punti, che vale il meno 11, parziale che diventa di 9 a 0, con Robinson a segnare la tripla del 27 a 35, mentre l’Allianz si affida a Cavaliero, che con 6 punti consecutivi, riporta i suoi sul 40 a 30, il pick and roll tra Robinson e Zanotti comincia a dare i suoi frutti, con il lungo arrivato a quota 12 punti, e quando il newyorchese segna dai quattro metri, la Vuelle è tornata a meno cinque, con Robinson a segnare i liberi del 38-41, e Zanotti il sottomano del meno uno, anche se Trieste sembra essersi ripresa dallo shock, e con la terza tripla di Alviti si porta sul 46 a 42, con Repesa che ferma tutto con un timeout, riportando l’inerzia dalla sua parte, con Robinson a segnare i liberi del meno uno, e Drell quelli del più uno Vuelle, in un secondo quarto in cui la Carpegna Prosciutto ha segnato 34 punti, anche se è l’Allianz a chiuderlo avanti per 52 a 49, grazie ad una tripla da nove metri di Doyle a fil di sirena.

Le statistiche di metà partita evidenziano i 30 punti segnati dalla coppia Robinson (16) e Zanotti (14), per una Vuelle che sta tirando benino dal campo (15 su 27) e sta pareggiando la lotta a rimbalzo (16-15), anche se non sta trovando una contromisura efficace per fermare un Marcos Delia da 16 punti.

TERZO QUARTO

Con una rotazione ridotta, si dovrà fare attenzione ad una situazione falli già complicata per una Vuelle che ha Filloy a quota tre, e tutti i lunghi con due, e spera che Eboua, che si presenta con una schiacciata, dia il suo contributo, ma Trieste si affida al solito Alviti, che con due triple consecutive porta i suoi sul 60 a 53, costringendo Repesa a chiamare subito timeout, anche se l’Allianz sembra essere tornata quella del primo quarto, portandosi sul 65 a 54 senza grossa fatica, complice anche una difesa pesarese che continua a subire le iniziative di Delia, già arrivato a quota 21, e sul 70 a 56, Repesa chiama un secondo timeout, nel tentativo di riaprire un match che i padroni di casa sembrano in grado di controllare agevolmente, provando anche la carta della zona, che però viene subito bucata da Laquintana, in un terzo quarto dominato da Trieste, che si chiude sull’80 a 68.

ULTIMO QUARTO

12 punti da recuperare non sarebbero neanche tantissimi, in un match dal punteggio molto alto, ma per farlo Pesaro dovrebbe tornare a difendere come nel secondo quarto, e non sbagliare niente in attacco, compito onestamente complicato, anche perché dall’altra parte c’è un Allianz in piena fiducia, che vola sull’87 a 71, e sembra avere il controllo tra le proprie mani, con Repesa che chiama il suo ultimo timeout, ma al 35esimo, i punti da recuperare sono diventati 19, e la partita si chiude qui, visto che poco importerà anche il disavanzo finale, con Trieste che con questa vittoria ha un piede e mezzo nei playoff, mentre la Vuelle sarà costretta a guardarsi alle spalle, il cronometro scorre inesorabile, tra triple e schiacciate in puro garbage time, con la sirena finale che sancisce la vittoria dell’Allianz col punteggio finale di 101-88.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>