Trionfo Italservice: Pesaro vince la Coppa Italia. Battuta Eboli in finale 5-3

di 

26 aprile 2021

Tonidandel alza la Coppa Italia festeggiato dai compagni

Tonidandel alza la Coppa Italia festeggiato dai compagni

RIMINI – Con la fame di una città intera. Con la classe infinita dei propri campioni. E soprattutto con un cuore grande così: l’Italservice Pesaro vince la Coppa Italia 2020-2021, la prima della sua storia nella massima serie, nonostante tutto. Nonostante il Covid.

All’RDS Stadium di Rimini c’è capitan Tonidandel ad alzare il trofeo in cielo e c’è un gruppo fantastico al suo fianco che è riuscito a battere un’eroica Feldi Eboli 5-3 in finale.

Ma è il trionfo di tutti. Di patron Lorenzo Pizza e famiglia, della dirigenza, di mister Fulvio Colini, del suo staff tecnico, dei nostri fantastici campioni e soprattutto il vostro, cari tifosi biancorossi. Siete stati vicini alla squadra, come al solito, più del solito, soprattutto nel periodo forse più buio. Un mese di Covid, di maledetto Covid, si è messo in mezzo alle ambizioni dell’Italserivice Pesaro ma neanche questo maledetto virus ha potuto placare la fame di un’intera città.

Quella fame vista in campo, anche oggi, in tutte le facce dei protagonisti. La prima frazione parla chiaro, è un’Italservice in formato stellare. Alla faccia della condizione atletica lontana dai tempi migliori. Cuzzolino con un missile apre le ostilità (e ce l’aveva promesso appena arrivato, ci doveva un gol così importante), poi si scatena il cobra Borruto. Per l’occasione, il fenomeno argentino, in formato Super Sayan: biondo platino, inarrestabile e MVP della manifestazione. Due gol di Titi che ci portano sul 3-0. Marcelinho fa 4-0 da piazzato e si va all’intervallo così.

Nella ripresa, Honorio fa subito 5-0. La Feldi però non molla, tutt’altro. Col quinto di movimento trova ben 3 marcature (doppietta di Canabarro e bordata di Luizinho). Ma non basta, i biancorossi reggono l’urto. Saracinesca Miarelli, eletto miglior portiere, arriva dove può ma anche dove non avrebbe potuto. Ecco la sirena.

E’ tripudio totale, i pochi presenti di fede rossiniana entrano in campo e comincia la festa. Borruto ride, Colini piange, Salas balla, e chi più ne ha più ne metta. Emozionato anche patron Lorenzo Pizza, la sua squadra è entrata nella storia. Ancora una volta.

ITALSERVICE PESARO-FELDI EBOLI 5-3 (4-0 p.t.)
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Tonidandel, Salas, Cuzzolino, Marcelinho
, Antonioni, Ceccolini, Fortini, Honorio, Borruto, De Oliveira, Vesprini, Guennounna. All. Colini

FELDI EBOLI: Dal Cin, Romano, Patias, Grello, Luizinho, Moura, Caruso, Dani Chino, Tres, Caponigro, Vitale, Canabarro, Glielmi, Pasculli. All. Riquer

MARCATORI: 13’40” p.t. Cuzzolino (IP), 14’50” Borruto (IP), 18’43” Borruto (IP), 19’40” Marcelinho (IP), 1’50” s.t. Honorio (IP), 4’33” Canabarro (F), 8’49” Luizinho (F), 19’17” Canabarro (F)

AMMONITI: Marcelinho (IP), Borruto (IP), Grello (F), Tres (F), Canabarro (F)

ARBITRI: Perona (Biella), Manzione (Salerno), Ronca (Rovigo) CRONO: Vitolo Ferraioli (Castellammare di Stabia)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>