30^ Sarnano-Sassotetto: vittoria per il pluricampione Simone Faggioli. Buone prestazioni dei piloti marchigiani

di 

26 maggio 2021

SARNANO  (Macerata)- La 30° edizione della “Sarnano-Sassotetto”, Trofeo Ludovico Scarfiotti ha visto la vittoria del pluri campione Italiano ed Europeo, Simone Faggioli. Il  fiorentino dopo l’ennesima sfida portata dall’avversario di sempre Christian Merli, anche lui pluri campione, ha alzato per la quinta volta il prestigioso Trofeo della gara marchigiana, prima prova delle dodici che stabiliranno il campione 2021 del Campionato Italiano della Montagna (C.I.V.M.) Faggioli ha sfruttato al meglio il vantaggio degli pneumatici Pirelli che equipaggiano la sua Norma “M20FC”, seguita ufficialmente dal costruttore francese. Le gomme  italiane  molto performanti  sui quasi dieci chilometri che dal centro della incantevole Sarnano portano alla suggestiva vetta di Sassotetto, hanno contribuito a superare lo scatenato Merli con la Osella “FA30” ufficiale, gommata con le inglesi Avon, relegando il coriaceo trentino per poco più di 4 secondi sul secondo gradino del podio. Una sfida che ha comunque premiato, nonostante le “porte chiuse” dovute al protocollo anti-pandemia, gli Organizzatori dell’appassionato e competente  Gruppo Sportivo Automobil Club Macerata, supportati da tutte le autorità regionali e locali con in primis l’amministrazione di Sarnano, come sempre pronta a valorizzare e promuovere attraverso la gara, unica ad aver la doppia validità per il C.I.V.M,  e del Campionato Italiano Autostoriche. 

LA GARA- Dietro al duo Faggioli-Merli, lotta al centesimo fra altri due grandi interpreti delle salite non solo italiane, il catanese Domenico Cubeda (Osella FA 30), ed il trentino Diego Degasperi anche lui al via con la Osella FA30. Avversato da problemi elettrici in prova, Cubeda è salito con una prova maiuscola sul terzo gradino del podio, regolando per soli 6 centesimi Degasperi. Un distacco veramente irrisorio dopo quasi 10 km, che la dice tutta sulla classe e la grinta sfoderata dai due. Completano la top ten, Achille Lombardi (Osella Pa 2.000), Stefano Di Fulvio (Osella Pa 30-Zytek), l’ex Campione Italiano Omar Magliona (Osella Pa 21 Evo), Fazzino (Osella Pa 2.000 Turbo), Caruso (Norma M20 FC) e l’inossidabile “vecchia volpe” delle cronoscalate, il partenopeo Piero Nappi (Osella Pa 30).

I PILOTI DI”CASA”- Vincitore della particolare sfida fra i piloti marchigiani è stato l’ascolano Andrea Vellei (Gloria C8), che ha primeggiato nella sua Classe cogliendo anche un ottimo 14° posto assoluto. Gloria per un altro inossidabile delle salite, sempre da Ascoli il “dentista” volante Amedeo Pancotti,che con la sua B.M.W.M5,  si è aggiudicato il prestigioso “ Memorial Giovanni Battistelli”, istituito in ricordo del Presidente dell’ ACI Macerata, che nel 2008 riportò fra le  gare che contano la “Sarnano-Sassotetto”, dopo i fasti anche Europei degli anni ’70/’80. Altro pilota marchigiano in evidenza è stato un altro ascolano: Alessandro Gabrielli vincitore fra le “sillhouette” del Gruppo E2SH,con l’aggressiva e potente Alfa Romeo C4 “adattata” a questa categoria dalla factory di Ancarano Picchio, a sua volta costruttore di vetture da competizione. Buona anche la prova del “fornaio volante” di Fossombrone Gabriele Giardini, 2° della Classe 1,6 GR.N con la sua Citroen Saxo. Anche fra le Autostoriche, vinta dal toscano Stefano Peroni ((Martini MK2 B.M.W), davanti al bolognese Filippo Caliceti (Osella Pa 9/90),ed alla Ralt F.3 di Antonio Lavieri, i piloti marchigiani hanno fornito prestazioni assolute. Il migliore in questa particolare classifica “regionale” è risultato l’osimano Antonio Angiolani (March F.3), terzo nel proprio raggruppamento. In evidenza il maceratese Andrea Stortoni, con la sua stupenda e rara Lotus 11 Le Mans, di estrazione pistaiola, Stortoni onora sempre con prestazioni notevoli la gara di casa. Sempre funambolico e spettacolare il “nostro”Alessandro Rinolfi, l’ex bancario pesarese, pluri campione italiano in pista ed in salita,con la sua “piccola bomba” Austin Cooper S, si è aggiudicato la sua classe 1.3, il 2° del Turismo “Gruppo F” e la quinta piazza del 1° Raggruppamento. Incetta di Coppe per l’ideatore della “Coppa Faro”, che ad ottobre riporterà per la 4° edizione, le Autostoriche del Campionato Italiano sui tornanti della Panoramica S. Bartolo. Ottime anche le performance del fermano Mario Straffi (Fiat 128), dell’osimano Giacinto Giacchè (Fiat 131 Abarth), e di un’ altro fermano: Massimiliano Vitali (VW Golf GTI), tutti classificati con piazzamenti importanti nelle loro rispettive classi e categorie. Presente a Sarnano in veste di supporter, con il Presidente  Alberto Paccapelo e la Direttrice Raffaella Rossini anche l’Associazione “ Terra di Piloti e Motori” nata fra l’intesa di Pesaro e Tavullia , proposta resa legge regionale dall’Assessore Andrea Biancani, atta a valorizzare la lunga tradizione delle due e quattro ruote e dei grandi piloti del passato marchigiani, sostenendo anche quelli di oggi e del futuro.

Il servizio fotografico di Michele Puccioni:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>