F.1 vince a sorpresa Perez una gara “pazza” con Vettel e Gasly sul podio di Baku. Quarto Leclerc, fuori Verstappen e Hamilton

di 

6 giugno 2021

Splendida vittoria di Sergio Perez

Splendida vittoria di Sergio Perez

BAKU (Azerbaijan)- Grande gioia per Sergio Perez, che  conquista una vittoria in un finale rocambolesco. Secondo posto per un Sebastian Vettel ritornato il campione che è, dopo una rimonta dall’undicesimo posto, ed una strategia azzeccata del box Aston Martin. Anche per il terzo posto del podio, un piacevole  e  meritato ritorno quello di Pierre Gasly, il giovane pilota della Alpha Tauri, compie un’altra impresa che lo pone ormai fra i big della F.1. Una gara “pazza” con un finale da thriller, Verstappen in testa a quattro giri dalla fine esce di strada causa lo scoppio dello pneumatico posteriore della sua Red Bull. Sfogo rabbioso dell’olandese con tanto di pedata alla sua monoposto. Rimangono da compire due giri, che la direzione gara decide  a sorpresa di far ugualmente disputare, dopo la bandiera rossa per l’incidente di Verstappen.

La gioia di Vettel secondo

La gioia di Vettel secondo

Subito i maligni pensano che sia un… aiutino per Hamilton terzo al momento dello stop dietro ad un  sorprendente Perez. Ma la foga di Hamilton di centrare il risultato pieno, approfittando del problema dello sfidante Verstappen, tradisce il campione della Mercedes, che alla ripartenza prova ad infilare la Red Bull di Perez, ma va lungo. Risultato, 16° posto finale, una mazzata per la Mercedes, più che per il suo campione, perchè se fra i piloti il doppio zero fra i due sfidanti Verstappen ed appunto Hamilton, rimane invariato con l’olandese davanti per 4 punti, la Red Bull allunga decisamente grazie a Perez fra i costruttori. Una gara mai scontata quella sul tracciato misto veloce,ed estremamente impegnativo per gomme , freni e come accaduto anche in questa edizione possibili toccate negli insidiosi muretti nella parte che si addentra nella città vecchia della Capitale azera.

FERRARI- Dopo la fantastica pole di Leclerc, si sapeva che in gara sarebbe stata dura anche salire sul podio, troppo veloci ancora nel complesso Mercedes e Red Bull, Se poi ci si mettono anche l’ annosa usura degli pneumatici “caratteristica” della Rossa di …serie abche sulla SF21, le grandi prestazioni di un ritrovato e “vendicativo” Vettel,  ed uno splendido Gasly con l’Alpha Tauri ex Minardi, ecco che il podio sarebbe suonato come una vittoria. Alla fine nonostante tutta la …confusione , Leclerc chiude quarto, grazie anche agli …imprevisti di Verstappen ed Hamilton, altrimenti sarebbe stato un deludente sesto posto. Va peggio a Sainz, dopo lo splendido secondo posto di Montercarlo, lo spagnolo sfortunato ieri in qualifica, oggi sbaglia la partenza, prova un’azzardata strategia degli pneumatici, si ritrova fuori dai punti per un lungo tratto, poi recupera bene, ed anche per lui la doppia esclusione dei due la davanti, gli regala un ottavo posto che fa bene alla classifica costruttori dove la Ferrari riesce a scalzare dal terzo posto la McLaren.

Un grande Gasly chiude terzo

Un grande Gasly chiude terzo

TOP TEN- Detto dello …stravolgente ed imprevisto podio, il quarto di Leclerc, al quinto posto troviamo un sempre positivo Lando Norris, retrocesso ieri di tre posizioni per la solita irregolarità “della riga bianca”, il giovane astro nascente della McLaren, disputa una gara senza acuti che porta al superamento nel costruttori da parte della Ferrari. Dietro a Norris , rispunta il “vecchio leone” Fernando Alonso, che sta prendendo passo,passo confidenza con la sua Alpine. Settimo posto per il piccolo “kamikaze” dell’Alpha Tauri Yuki Tsunoda. Il focoso giapponese, dopo l’incidente di ieri,che ha causato danni anche a Sainz, sfrutta al meglio la monoposto di Faenza, che come ha dimostrato il podio di Gasly oggi a Baku volava, rompe il ghiaccio con i punti e se si da una calmata, sentiremo senz’altro parlare di lui. Detto di Sainz ottavo, al nono posto chiude Daniel Ricciardo, che ancora una volta nonostante una discreta prestazione, le prende dal compagno Norris. Torna a punti per la gioia dei suoi tanti tifosi “nonno” Raikkonen, che porta un altro importante risultato alla Sauber-Alfa Romeo.

Verstappen sfoga la rabbia contro la gomma esplosa

Verstappen sfoga la rabbia contro la gomma esplosa

Concludendo ancora una gara partita scontata, terminata invece ad alto tasso di spettacolarità, questa volta senza il …bisogno della pioggia. Una F.1 non ancora fuori dalla “crisi” soporifera, che comunque riesce sempre a tirare fuori dal cilindro qualche sorpresa per salvare la faccia. Sul piano tecnico e piloti, c’è una Mercedes,che incidenti a parte non sembra più imbattibile, salvata, oggi a parte, da un Hamilton sofferente, ma sempre pronto a tutto. Verstappen, anche se oggi lo scoppio dello pneumatico è stato più un errore di valutazione della Red Bull, dimostra che può avere la chance di sconfiggere il mostro Hamilton, ma deve ancora crescere o perlomeno diventare come appunto il rivale, un uomo squadra capace anche di imporre le proprie idee. Fra soli sette giorni su un altro tracciato “particolare”, come quello di Montreal, assisteremo a conferme o smentite, di questa bistrattata ma sempre perchè no coinvolgente F.1

ORDINE DI ARRIVO GP AZERBAIJAN

  1. PEREZ-RED BULL
  2. VETTEL- ASTON MARTIN
  3. GASLY-ALPHA TAURI
  4. LECLERC-FERRARI
  5. NORRIS-McLAREN
  6. ALONSO- ALPINE
  7. TSUNODA -ALPHA TAURI
  8. SAINZ-FERRARI
  9. RICCIARDO-McLAREN
  10. RAIKKONEN- SAUBER-ALFA ROMEO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>