Flashmob del Conservatorio Rossini: il laboratorio di formazione orchestrale in Piazza del Popolo

di 

19 luglio 2021

PESARO – Tra le ricadute negative della pandemia in ambito musicale, oltre alla lunga sospensione dei concerti dal vivo, si segnalano anche le limitazioni imposte agli scambi internazionali che, sotto forma di Erasmus o altri progetti di collaborazione, da tempo vedono le istituzioni italiane impegnate con le corrispondenti istituzioni straniere. 

orchestra fiati conservatorioNel 2020 l’International Music Program Project (IMP), un progetto di formazione orchestrale per strumenti a fiato in collaborazione tra Università statunitensi e Conservatori italiani (tra cui il Conservatorio di Pesaro), è stato sospeso; nel 2021 si è dovuto ingabbiarlo nei confini geografici di ciascuna istituzione partecipante. Pur non potendo fruire dell’intenso scambio di esperienze musicali e didattiche con gli studenti e i docenti delle università americane Carroll, Marquette, UWM, Drexel e Stanford, il Conservatorio di Pesaro ha deciso di realizzare il progetto riformulandolo nel rispetto delle norme anti-COVID ma senza intaccarne l’obiettivo principale e, nel contempo, proseguire idealmente il principio guida dell’open day 2021: portare a  conoscenza di un pubblico sempre più ampio cosa accade dentro le mura di un Conservatorio. 

Con questo intento, mercoledì 21 luglio 2021 (dalle 18 alle 20), 51 studenti di strumenti a fiato del Conservatorio Rossini con 3 docenti della stessa istituzione si esibiranno in Piazza del Popolo sotto la guida del M° Michele Mangani, direttore d’orchestra e compositore. Un laboratorio musicale che va incontro a chiunque si trovi a percorrere la piazza principale di Pesaro: il turista, il passante, il curioso o l’appassionato avranno la possibilità di poter entrare nel laboratorio di formazione orchestrale, seguendo le fasi di lavoro – momento per momento – che preludono ad un concerto. 

“Sarà una sorta di flashmob”, afferma Michele Mangani, docente di Musica d’Insieme per strumenti a fiato del Conservatorio Rossini e referente dell’International Music Program Project per il Conservatorio pesarese. “Certo ‘l’assembramento’ sarà regolato, causa Covid, ma si manterrà fede alla finalità del flashmob: mettere in atto una pratica insolita, che per il nostro laboratorio consiste nel mostrare quanto normalmente accade durante la preparazione di un concerto a coloro che attraverseranno Piazza del Popolo.”  Si potranno dunque vedere studenti e docenti all’opera. 

Questo laboratorio, insolito data la modalità di partecipazione viva e continua di un pubblico eterogeneo e sempre cangiante nel corso del pomeriggio, ha determinato richieste specifiche nella definizione del programma. Come precisa il M° Mangani, “i brani dovevano rispondere a determinati requisiti: immediata ricezione, difficoltà non eccessiva dato il tempo limitato per la preparazione, ampliamento del repertorio degli allievi con brani originali per orchestra di fiati.” Il concerto si aprirà con la Grande Marcia di Giuseppe Filippa, “un brano che”, prosegue Mangani, “venne composto per il concerto di inaugurazione del Liceo Rossini (oggi Conservatorio) nel 1882 e dedicato al primo direttore del Conservatorio: Carlo Pedrotti.” A seguire, capisaldi della letteratura per orchestra di fiati quali la Suite n. 2 di Gustav Holst, un omaggio a Ennio Morricone con le colonne sonore di C’era una volta il West e Mission, una Marcia di Rossini, e, infine, l’inno mondiale dei geologi – Fanfare and Theme of the Planet Heart – composto dallo stesso Mangani nel 2008 su commissione del Dipartimento di Geologia di Urbino ed eseguito nello stesso anno dall’Orchestra giovanile di fiati del Conservatorio Rossini al Quirinale in occasione della Festa di primavera dedicata all’“Anno internazionale del Pianeta Terra”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>