Al Miralfiore Karima e Colours Jazz Orchestra omaggiano Burt Bacharach

di 

22 luglio 2021

PESARO – Sabato 24 luglio alle ore 21 proseguono i concerti sotto le stelle di Interludio 2021. A salire sul palco dell’arena all’aperto del Parco Miralfiore di Pesaro sarà la volta della giovane e bravissima Karima, accompagnata dalla Colours Jazz Orchestra diretta da Massimo Morganti, con un omaggio a Burt Bacharach.

La cantante ha raccontato di aver scoperto il Maestro all’età di 15 anni ascoltando l’album Dionne Warwick Sings Bacharach & David Songbook, rimanendone estasiata. Le tracce di Bacharach la sorprendono, toccano le corde della sua anima. Dieci anni dopo ebbe l’opportunità e il privilegio di poter collaborare con Bacharach ed essere prodotta in alcune delle sue composizioni: “Non potevo non raccontare” ha dichiarato “attraverso i suoi più grandi successi, ma anche alcuni brani meno conosciuti, le mie emozioni e quello che la sua musica significa per me: uno dei regali più grandi che ho avuto, e che mai avrò nella vita”.

Il repertorio della serata, tutto incentrato sui brani del compositore, include, fra altri popolarissimi successi dell’artista americano, il brano Come in ogni ora, regalo che Burt Bacharach ha voluto fare a Karima e con il quale la cantante esordì nel 2009 al Festival di Sanremo, nella categoria Nuove proposte. Sul palco dell’Ariston, duettò proprio al fianco di Bacharach, insieme a Mario Biondi, in una esibizione che la consacrò definitivamente di fronte al grande pubblico. Da allora Karima ha interpretato anche alcuni tra i più intensi brani di Bacharach, rivisitandoli in chiave moderna e del tutto personale, con una strepitosa voce R&B.

A Pesaro il pubblico potrà apprezzare le vette altissime della tecnica vocale impeccabile della cantante livornese. Saranno riproposti i migliori brani di Bacharach divenuti emblematici per la storia della musica pop-soul – da Walk on by a I say a little prayer e I’ll never fall in love again – in un blend di pop sofisticato e raffinata vocalità dai toni gospel riattualizzato nella partitura orchestrale riveduta per la big band marchigiana. Oltre ai brani scritti dal compositore statunitense, tra cui spicca anche God give me strength nella versione cantata da Elvis Costello, sono in scaletta alcuni jazz standard ispirati alle celebri versioni di Ella Fitzgerald e Count Basie, come Polka dots and moonbeams, Shiny stockings e Let the good time roll. Completano il set, facendo da raccordo, alcuni brani, anche strumentali, che esaltano le qualità della big band e dei suoi solisti.

Le canzoni di Bacharach sono state interpretate da giganti quali Beatles, Neil Diamond, Dusty Springfield, Tom Jones, Aretha Franklin, passando per la sua musa Dionne Warwick e arrivando a numerose riletture delle sue opere firmate da grandi jazzisti. In oltre sessant’anni sulla breccia, Bacharach ha vinto sei Premi Oscar e diversi Grammy, di cui uno alla carriera.

Karima

Karima

Karima

Karima nasce a Livorno, città di mare colorata e frizzante, da cui eredita la permeabilità alle contaminazioni. Fin da bambina, sostenuta dal suo talento, si avvicina alla musica partecipando a Bravo Bravissimo e successivamente a Domenica In. Nell’ottobre del 2006 entra nel programma Amici di Maria De Filippi, dove si classifica al terzo posto e vince il premio della critica, decretato all’unanimità dalla giuria tecnica, che la ritiene la nuova voce più interessante del panorama musicale italiano. Nello stesso anno Karima firma il suo primo contratto discografico con Sony Bmg e incide il suo primo album. Se la sua voce fosse la tavolozza di un pittore, in essa vi si rintraccerebbero i colori del jazz, del soul del blues e perfino del gospel, sapientemente amalgamati con carisma e passione. Nonostante la sua giovane età, Karima ha già una lunga e ricca esperienza artistica, che la ha vista protagonista al Festival di Sanremo nel 2009 e, soprattutto, che la ha portata a collaborare con Burt Bacharach.

Bacharach ha composto dei brani espressamente per lei e con lei li ha registrati a Los Angeles, producendo il suo primo album dal titolo “Karima”. Sempre nello anno è stata scelta dalla Disney per interpretare la colonna sonora nel film di animazione “La Principessa e il ranocchio”. Ha aperto i concerti di Whitney Houston e di John Legend, partecipando inoltre a Tale e Quale Show e I migliori Anni su Rai 1. Con Umbria Jazz rappresenta l’Italia nei festival internazionali. Karima è inoltre un’artista molto amata in Cina dove ha portato per due anni consecutivi in tour il progetto “Close to you” cantando al prestigioso teatro dell’opera di Pechino, tempio sacro della musica classica. Nel 2017 nel musical “The Bodyguard” canta nella parte della protagonista Rachel, ruolo interpretato nel film da Whitney Houston. Karima ha collaborato con Dado Moroni, Riccardo Fioravanti e con Stefano Bagnoli, oltre che con la più famosa street band italiana: i Funk Off. Nei suoi concerti i brani da lei interpretati rinascono nella “versione Karima”: unici e inimitabili.

Colours Jazz Orchestra

Colours Jazz Orchestra è stata fondata venti anni fa dal trombonista e direttore Massimo Morganti. Morganti si è diplomato al Conservatorio Rossini di Pesaro e poi si è perfezionato al Berklee College di Boston grazie ad una borsa di studio vinta ai corsi estivi di Umbria Jazz. Oggi è docente del Conservatorio di Musica “Francesco Morlacchi” di Perugia. L’idea che portò alla nascita della Colours Jazz Orchestra fu di mettere insieme i migliori musicisti dell’area marchigiana per costruire un gruppo votato alle tendenze innovative del sound orchestrale e nello stesso tempo capace di esprimersi con un approccio creativo e originale. Da qui le collaborazioni con artisti come il grande trombettista/compositore canadese Kenny Wheeler, la bandleader Maria Schneider, che fu il braccio destro di Gil Evans, la compositrice Ayn Inserto, docente del Berklee College. Un altro progetto, curioso quanto interessante, è stato l’incontro con il songwriter Roberto Livraghi, autore di popolari successi pop degli anni ‘60 come “Quando m’innamoro”. A questa canzone è intitolato il disco “Quando m’innamoro… in Jazz”, pubblicato da Egea, originale rilettura della canzone in chiave jazz. L’orchestra ha inciso cinque dischi ed ha svolto una intensa attività concertistica, aprendosi anche alle nuove leve più promettenti del jazz italiano.

Biglietti posto unico: € 20,00. Vendita online su www.vivaticket.com e rivendite del circuito. Prevendite dal mercoledì al sabato con orario 17-19 presso la biglietteria del Teatro Sperimentale. Biglietteria Parco Miralfiore il giorno dello spettacolo dalle ore 20 ingresso via Respighi (334 3193717).

Informazioni Ente Concerti Pesaro (0721 32482 – info@enteconcerti.it).

Voucher abbonati: per le modalità di recupero dei concerti in abbonamento annullati visitare www.enteconcerti.it.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>