F.1 Vittoria a sorpresa di Ocon. Ancora a podio Vettel 2°, rimonta di Hamilton 3°. Sainz 4°, Leclerc fuori nel crash del primo giro

di 

2 agosto 2021

Ocon e la sua Alpine conquistatori dell'Ungheria

Ocon e la sua Alpine conquistatori dell’Ungheria

BUDAPEST (Ungheria)- Un grande Sebastian Ocon corona il sogno di ogni  pilota, andando a vincere meritatamente il GP di Ungheria. Riportando anche se il nome è cambiato, un  “Renault” sul podio più alto dopo parecchi anni. Il giovane forte transalpino meriterebbe un articolo solo per lui, ma  la storia del gran premio è lunga.  lo avevamo anticipato ieri che la prima curva dell’ Hungaroring , è stata spesso “decisiva”, come accaduto oggi. Valtteri Bottas , partito a fianco del compagno Hamilton, sbaglia la partenza sulla pista bagnata, viene infilato da diverse monoposto, poi pensa bene di non frenare e va a colpire la McLaren di Norris, che incolpevolmente innesca uno “strike” che coinvolge gli altri incolpevoli Leclerc, Perez e Stroll , tutti costretti al ritiro insieme ovviamente allo “sbadato” Bottas. Ma non esce indenne nemmeno Verstappen che alla ripartenza si ritrova 13°, con il nemico Hamilton ovviamente primo indenne, anzi favorito  da un Bottas che ormai non sappiamo più come valutare. Si riparte con un episodio  un po’ ridicolo, che a memoria in F.1 non si è mai verificato, ovvero sulla linea di partenza c’è il solo Hamilton che come gli altri riparte con le gomme intermedie , ma dopo il giro di ricognizione , tutti i 16 in gara, prendono la via dei box e  montano le slick. Risultato Hamilton si ferma dopo un giro e riparte 14°, mentre in testa va Ocon inseguito dall’ Aston Martin di un piacevolmente ritrovato Vettel.  Verstappen è nono ma sembra non essere giornata ,forse per la botta ricevuta dalla sua Red Bull , nel crash iniziale. L’olandese sbaglia anche il tempo del pit stop, ripartendo alle spalle di un Hamilton che è in modalità rimonta impossibile. Ma ritorniamo su i primi tre detto di un grande Ocon, ritrova per la seconda volta quest’anno il secondo gradino del podio Sebastian Vettel, che quando c’è una gara dove i “predestinati” sono in difficoltà, lui è lì , a cancellare da campione tutte le negatività degli ultimi tempi.  Terzo ma non deluso, anzi sorridente Hamilton, che dopo l’episodio di Silverstone, con l’ “altra” Mercedes protagonista affonda nuovamente le speranze di Verstappen, decimo, riprendendosi la testa del campionato. 

La disperazione di Leclerc per l'incidente che incolpevolmente lo ha tolto subito dalla gara

La disperazione di Leclerc per l’incidente che incolpevolmente lo ha tolto subito dalla gara

FERRARI- Leclerc forse stasera… bucherà le gomme della macchina personale di Bottas, perchè le righe con i chiodi le hanno già fatte Perez , Stroll e Norris. Scherzi a parte , se fosse uscito indenne, la gara per il monegasco poteva essere interessante, ma con i se ed i ma anche se da incolpevole non si arriva da nessuna parte. Grande gara di Sainz ,partito dalle retrovie sfrutta al meglio  la situazione, stabilizzandosi in terza posizione . Poi è arrivato l’ uragano  Hamilton, ed anche se lo spagnolo ha provato a resistere con decisione, non c’e’ stato niente da fare. Comunque un quarto posto che come detto anche se …favorito fa morale in questa eterna rincorsa del Cavallino.

TOP TEN-  Definire splendido il quinto posto di Fernando Alonso è poco. Trovatosi anche i testa, dopo 7 anni proprio in Ungheria, per il gioco dei pit-stop, il neo quarantenne (compiuti tre giorni fa), resiste per diversi giri all’arrembaggio di Hamilton, dando una lezione di cosa vuol dire essere un campione ad un altro campione. Frase fatta, ma sarebbe stato bello che oggi avessero avuto entrambi la stessa macchina, Alpine o Mercedes indifferentemente. Comunque pensiamo di interpretare  il parere di tutti  gli sportivi , ringraziando Alonso di essere ancora lì. Sesta e settima con Gasly e Tsunoda nell’ordine la Alpha Tauri, ancora un buon risultato per la monoposto di Faenza, che forse poteva aspirare a qualcosa di più. Altra doppietta sono l’ottava e nona piazza delle due solitamente “cenerentole” Williams , che piano piano stanno risorgendo ed oggi sfruttando la situazione ma dimostrando anche un ottimo potenziale , piazza  Latifi  e Russell davanti nientemeno che a Verstappen 10°. 

La F.1 ritorna il 29 agosto a Spa, pista unica, con Hamilton che dovrà rispondere all’attacco di un Verstappen che ormai avendo…subito in negativo entrambe le Mercedes, sarà pronto alla sfida per il titolo.

Ocon, Vettel e il solito Hamilton nel podio del GP di Ungheria

Ocon, Vettel e il solito Hamilton nel podio del GP di Ungheria

CLASSIFICA GP UNGHERIA

  1. OCON -ALPINE
  2. VETTEL-ASTON MARTIN
  3. HAMILTON-MERCEDES
  4. SAINZ- FERRARI
  5. ALONSO-ALPINE
  6. GASLY-ALPHA TAURI
  7. TSUNODA-ALPHA TAURI
  8. LATIFI-WILLIAMS
  9. RUSSEL-WILLIAMS
  10. VERSTAPPEN- RED BULL

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>