ROF e Fondazione Rossini, incontri da non perdere: il primo è la guida all’ascolto di Moïse et Pharaon

di 

5 agosto 2021

Domenica Ilaria Narici e Giacomo Sagripanti parlano di  Moïse et Pharaon (Foto Amati Bacciardi: Eleonora Buratto e Monica Bacelli)

Domenica Ilaria Narici e Giacomo Sagripanti parlano di Moïse et Pharaon (Foto Amati Bacciardi: Eleonora Buratto e Monica Bacelli)

PESARO – In un’edizione, la numero 42, segnata ancora dalla pandemia di Covid-19 che ha obbligato a tagliare i posti a disposizione per rispettare le regole contro il Coronavirus, c’è una proposta che merita attenzione, a maggiore ragione per gli appassionati che non hanno potuto acquistare un biglietto. Ricordiamo che sono duecento i posti nel Teatro Rossini, che ospiterà le quattro rappresentazioni de Il signor Bruschino (10-13-15 e 18 agosto, ore 20), le due de Il viaggio a Reims (15 e 18agosto, ore 11), il concerto Sei sonate a quattro (12 agosto, ore 15,30), i tre concerti lirico-sinfonici (13 agosto, Mariangela Sicilia; 16 agosto Maxim Mironov; 21 agosto Erwin Schrott, sempre alle ore 15,30) e i quattro concerti di Belcanto (14 agosto  Alexey Tatarintsev; 17 agosto Jack Swanson; 19 agosto  Anna Bonitatibus; 20 agosto Nino Machaidze; sempre alle ore 16). Sono 480 i posti nella Vitrifrigo Arena, teatro del Moïse et Pharaon (9-12-16-19 ore 19), di Elisabetta regina d’Inghilterra (11-14-17-21 ore 20) e dello Stabat Mater (20 agosto, ore 20,30).

Dunque, una disponibilità ridotta, per la delusione degli interessati, e fra questi chi scrive questo articolo che non ha potuto acquistare i biglietti per Il viaggio a Reims.
Così, facendo di necessità virtù, si può vivere comunque il clima che si respira dentro e attorno al ROF grazie agli incontri proposti, anche quest’anno, dalla Fondazione Rossini.
Il primo degli appuntamenti degli Incontri è in programma l’8 agosto al Cinema Astra (via Rossini 82). La conversazione introdurrà all’ascolto di Moïse et Pharaon, opera che inaugurerà domenica 9 agosto alla Vitrifrigo Arena il 42esimo Rossini Opera Festival, e sarà tenuta da Ilaria Narici, direttore dell’Edizione critica della Fondazione Rossini, e Giacomo Sagripanti, che dirigerà l’opera alla testa dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e del Coro Ventidio Basso.
A proposito di Giacomo Sagripanti: devo chiedergli umilmente scusa per avere sbagliato il suo cognome, trasformandolo in Sacripanti. Il trasferimento dalla mia pagina al messaggio di posta elettronica è stato disastroso, Evidentemente, il mio correttore è più appassionato di basket che di musica, puntando sul Sacripanti (Pino), ex allenatore della Victoria Libertas, oggi sulla panchina della neopromossa Napoli).
Confidando nella comprensione del maestro, che peraltro, come Ilaria Narici, è un grande affabulatore e merita che la sua “lezione” sia seguita, ricordo che sono in programma altri due appuntamenti, sempre al Cinema Astra: il 9 agosto Per l’ascolto di Elisabetta regina d’Inghilterra, presentato da Daniele Carnini e tenuto da Vincenzo Borghetti; l’11 agosto La dama di Rue de Vaugirard, presentato da Ilaria Narici ed Oreste Bossini e tenuto da Stefano Jacini, autore dell’omonimo libro.
Ingresso con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti, telefonando al numero 0721 30053 oppure inviando un messaggio alla Fondazione Rossini:  fondazione@fondazionerossini.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>