Alte Marche Altra Musica, il programma dal 9 al 14 agosto

di 

6 agosto 2021

Dudu1200x550

Dudu Kouaté

PESARO – Si è aperto con uno straordinario Tam Tam il programma 2021 di “Alte Marche Altra Musica” che quest’anno, in collaborazione con il comune di Pesaro, è partito dalla Città della Musica , il 3 agosto, con il concerto/laboratorio di Gennaro Scarpato, nella suggestiva cornice della Caletta tra i due porti. Un’importante anteprima che lancia il programma di questa IV edizione che si svolgerà dal 9 al 14 agosto, ma non mancheranno altre sorprese. 

«Un piccolo omaggio dal mare di Pesaro a questa rassegna, in un giusto contrappunto al panorama appenninico che ospiterà questa nuova edizione di Alte Marche. – ha commentato il vicesindaco di Pesaro Daniele Vimini – Siamo felici di partecipare all’avvio di questo festival, pensando anche a future collaborazioni, perché in questa manifestazione, che tiene saldo il rapporto tra Milano e le Marche, c’è molto dell’essenza sia di Pesaro Città della Musica Unesco, che nasce per tenere relazioni tra territori, che della candidatura di Pesaro a Capitale italiana della cultura 2024 a cui stiamo lavorando con gli artisti, ma soprattutto con tutti i comuni della nostra provincia, perché dovrà essere una opportunità per tutto il nostro territorio, per riannodare i fili della cultura, nel recupero di tante iniziative che si sono svolte in questi anni nella nostra provincia. Una corsa per tenerci tutti uniti, al di fuori della politica». 

Alte Marche Altra Musica, il festival musicale itinerante, nato nel 2018 dalla volontà dell’Unione Montana del Catria e Nerone, ideato e prodotto da Musicamorfosi, con la direzione artistica di Saul Beretta, si svolgerà nelle piazze, nei palazzi e nei chiostri dei comuni che partecipano a questo ricco e intenso progetto, Arcevia, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato e Serra Sant’Abbondio, con proposte di altissima qualità capaci di coinvolgere un variegato pubblico composto sia da residenti che da turisti, nell’avvolgente e sconfinato linguaggio della musica dal mondo.

Eva Fernàndez (Foto Juan Miguel Morales)

Eva Fernàndez (Foto Juan Miguel Morales)

«Musica che suona e fa risuonare i luoghi meravigliosi che la ospitano, echi di percussioni africane, la voce di Fellini, canzoni per rallegrare gli sfaccendati e prendersi un attimo per respirare la normalità della vita di una comunità che si ritrova negli spazi comuni e nella musica del cuore. Ecco la muova edizione di Alte Marche», spiega Saul Beretta.

Nel salutare tutti i presenti, il Presidente della Unione Montana del Catria e del Nerone, Alberto Alessandri, ha ringraziato Viviana Bucci «per aver posto questo tour musicale dedicato ai territori dell’unione montana Catria e Nerone, all’attenzione di una città come la nostra Pesaro. Al sindaco e a tutti coloro che si stanno adoperando per il raggiungimento di un traguardo importante quale il riconoscimento di capitale Italiana della cultura per il 2024, faccio i miei più sentiti e sinceri auguri di buon lavoro, ribadendo la totale disponibilità del territorio che ho l’onore di rappresentare, ad essere al servizio della città di Pesaro, pronti a dare il nostro contributo per questo progetto che ci riguarda tutti».

Enrico Donini – responsabile customer care di HeraComm Marche, ha inoltre sottolineato quanto lo spirito di questo festival sia vicino alla mission di Hera per sostenere un territorio e  una comunità intera.

IL PROGRAMMA

Si parte il 9 agosto a Frontone (ore 21,30), nel piazzale della Rocca, con una voce che incanta, quella di Camilla Barbarito, performer, attrice cantante, direttrice di coro, ormai un’icona della scena alternativa milanese, che, insieme a Fabio Marconi (chitarre), Ivo Barbieri (basso elettrico) e Alberto Pederneschi (batteria) propone “Sentimento popolare”, canzoni orgogliosamente meticce, lealmente rubate ai loro paesi d’origine. Melodie sincere: un concerto per ascoltare e festeggiare insieme la vita.

Martedì 10 agosto, ci si sposta nei castelli di Arcevia, per una delle novità del festival, due appuntamenti tra musica e arte: il primo sarà alle ore 17, al Castello di Caudino, per la presentazione del libro “Respira – Il comitato dell’Aria e la strategia degli alberi” (Ncf Edizioni) a cura di Casa Sponge, (Info e prenotazioni 0731.98456).

SentimentoPop1200x550Intorno alle 20 si raggiungerà invece il Castello di Avacelli: sia per la cena (su prenotazione a cura Circolo ACLI San Lorenzo) che per il secondo concerto in programma che vedrà ancora la splendida voce di Camilla Barbarito, questa volta alle prese con “A zonzo per la dolce vita (Omaggio a Nino Rota)”, accompagnata sul palco da Fabio Marconi alla chitarra e Alberto Pederneschi alle percussioni. 

Mercoledì 11 agosto, alle 21,30, l’appuntamento è in piazza Antonio Gramsci a Sassoferrato, con la straordinaria sassofonista dalla voce sensuale Eva Fernandez, già da qualche anno al centro della scena jazz catalana, sul palco con Lucia Fumero al piano e Juan Pastor al contrabbasso. 

Giovedì 12 e venerdì 13 agosto, il protagonista sarà Dudu Kouatè, griot figlio di griot, custode e erede di una tradizione millenaria che ha portato in Italia, sbarcando a Messina nel 1988. Musicista dalle doti eccezionali e membro stabile (dal 2017) dello storico Art Ensemble of Chicago, Dudu sarà prima nel Borgo Bacciardi di Piobbico, dove, alle 18,30, condurrà il pubblico alla radice dei suoni della terra, attraverso i suoi mille strumenti, suonati, raccontati, percossi e soffiati, cui seguirà una cena su prenotazione alla Slocanda. Venerdì, sempre alle 18,30, nel parco della Chiesuola della Canale di Serra Sant’Abbondio, Kouatè sarà in compagnia di un altro membro dello storico Ensemble di Chicago, Silvia Bolognesi, con canzoni e musiche che ci porteranno nel cuore dell’Africa: due intense anime fuse in una improvvisazione collettiva e individuale. Sabato 14 agosto si arriva a Cantiano con l’energia travolgente di una vera e propria “fanfara urbana” di 7 elementi in un concerto itinerante, da piazza Luceoli alle vie del centro, con Bandakadabra Delivery Music. Fiati e percussioni in una musica in bilico tra rocksteady, swing e teatro comico di strada.

La produzione del Festival è a cura di Musicamorfosi, da sempre attento collaboratore con enti e istituzioni nelle Marche. Attiva dal 2004, l’associazione, che ha base in Lombardia, realizza eventi, festival e rassegne di alta qualità artistica, con l’intento di valorizzare queste relazioni, anche con aziende del territorio, per creare un collegamento con le Marche e portare all’attenzione del suo pubblico un territorio che offre ampi margini di sviluppo delle sue potenzialità turistiche e culturali.

Il festival è promosso da Unione Montana del Catria e Nerone e dalla rete “Asili d’Appennino – Le dimore delle Creatività nelle Alte Marche”. Con il contributo dei Comuni di Arcevia, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato e Serra Sant’Abbondio, il patrocinio dell’Assemblea Legislativa della Regione Marche e con il sostegno di HeraComm Marche. 

Tutti i concerti saranno a ingresso libero, 

consigliata la prenotazione su www.altemarche.it  

All’ingresso sarà richiesta una libera donazione a sostegno del Festival

I concerti sono all’aperto, ma c’è sempre una soluzione alternativa in caso di maltempo 

Info line anche last minute 331 7804743

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>