Vecchia Vuelle contro Nuova Vuelle: il confronto di Pu24 con la stagione scorsa (Prima Parte)

di 

23 agosto 2021

PESARO – Ma Tyrique Jones sarà in grado di distribuire 10 assist in una partita come Tyler Cain? E Pacheco saprà infilare quelle triple da otto metri che Justin Robinson metteva quasi sempre? E Demetrio avrà le stesse statistiche di Filipovity, che sembrava non facesse mai niente di speciale e alla fine timbrava 13 punti e 7 rimbalzi senza che te ne accorgessi? E Moretti avrà la personalità di Filloy nei momenti importanti? E siamo sicuri che Sanford abbia veramente più punti nelle mani di Massenat?

Domande simili ce le facciamo ogni estate, quando finisce il mercato, e la nuova Vuelle è completata, almeno sulla carta, in attesa di vederla esprimersi sul parquet e capire se il lavoro fatto da Cioppi, Costa e Petrovic sia stato all’altezza della stagione precedente.

Giudicare è sempre difficile, specialmente quando devi farlo valutando solo qualche video, qualche partita delle stagioni precedenti, in campionati diversi da quello italiano, e in ambienti diversi da quello che troveranno in riva al Foglia, e poi, vuoi o non vuoi, in qualche modo riesci sempre ad affezionarti ai giocatori che hai visto per tanti mesi, e privartene, ti rende meno sicuro del futuro.

Ma ai cambiamenti ci siamo ormai abituati, in un campionato dove meno del 30% degli stranieri rimane nella stessa squadra per due anni consecutivi, e anche tanti italiani cambiano maglia senza grossi problemi, sia nelle grandi società che in quelle piccole, perché cambiano gli obiettivi e le strategie, oltre che le risorse economiche.

Ma ormai sono dieci anni che facciamo questo giochino, con tutte le cautele del caso, giochino che in uno sport di squadra come il basket pone ancora più problematiche, perché magari hai una guardia che ti fa 20 punti a partita, ma non la passa mai, e non infila mai il tiro decisivo, in una squadra che non vince mai, e in senso lato, quella guardia è più forte della precedente o della successiva, e vincerebbe l’80% degli uno contro uno, ma proprio perché si gioca in cinque alla volta, è più utile una guardia che sappia selezionare i tiri e segnare quelli decisivi, e potremmo fare questo esempio per ogni ruolo, perché è la somma che fa il totale.

Ma in questo giochino, non facciamo le somme, ci limitiamo a tanti uno contro uno virtuali.

CONFRONTO TRA VECCHIA E NUOVA CARPEGNA PROSCIUTTO:

Welcome Caio Pacheco

Welcome Caio Pacheco

CAIO PACHECO (2021) VS JUSTIN ROBINSON (2020): Pacheco è la vera scommessa messa sul piatto da coach Petrovic in questa stagione, e dal suo rendimento passeranno molte delle speranze di salvezza della Vuelle, il brasiliano “paga” i soli 22 anni di età e il fatto di non aver praticamente mai giocato fuori dal Sudamerica, ma se fosse arrivato un classe ’99 americano, il classico rookie uscito dal college, magari ci sarebbe qualche bocca storta in meno tra i tifosi.

Robinson invece, era arrivato a Pesaro all’età giusta, e dopo aver disputato un bel campionato, è andato a monetizzare firmando un contratto più redditizio al Bamberg, un leitmotiv che si ripete tristemente ogni anno in casa Vuelle, costretta a lasciare andare giocatori che meritavano la riconferma, per meri motivi economici.

Chi vince il confronto? Pacheco ha più centimetri e una maggiore attitudine difensiva rispetto a Robinson, che dalla sua aveva la capacità di essere un buon passatore e di non tirarsi indietro nei momenti importanti, anche se qualche passaggio a vuoto ogni tanto gli capitava, doti che il brasiliano dovrà dimostrare in riva al Foglia. (ROBINSON 2020)

 

Welcome Davide Moretti

Welcome Davide Moretti

DAVIDE MORETTI (2021) VS ARIEL FILLOY (2020): Mentre Filloy ha intrapreso la fase discendente della sua carriera, Moretti è ancora alla fase iniziale, anzi, a livello professionistico, deve ancora dimostrare tutte quelle qualità che ha fatto intravedere nella sua carriera universitaria, ma sappiamo quanto sia diverso il basket del college rispetto a quello italiano, ma Davide ha dalla sua parte tutta l’esperienza maturata nelle nostre serie inferiori.

Chi vince il confronto? Filloy, finito a Tortona, la scorsa stagione non rese come in quelle precedenti, e solo in rare occasioni fu determinante, e la Vuelle invece l’aveva ingaggiato anche per quello, per dare la zampata decisiva negli ultimi minuti, da Moretti invece, la Carpegna Prosciutto non si aspetta che sia subito una superstar, ma che dia una sostanziosa mano al reparto esterni, sia in cabina di regia che in fase realizzativa (PARITA’)

 

Vee Sanford (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

Vee Sanford (foto tratta dalla pagina Fb della Vuelle)

VEE SANFORD (2021) VS FRANTZ MASSENAT (2020) In una Vuelle dalle tante scommesse, Sanford dovrebbe essere una delle poche sicurezze, la guardia dal ventello facile, a cui consegnare anche i palloni che scottano, e la 30enne guardia americana sembra avere le necessarie capacità per ben figurare.

Massenat era una guardia capace di difendere su ogni esterno avversario, e in fase offensiva non sempre era una sentenza, specialmente dopo il rientro dall’infortunio.

Chi vince il confronto? Sanford è un realizzatore puro, un tiratore, e un difensore più che apprezzabile, doti che Massenat possedeva in maniera minore, e se ne facciamo un discorso su chi segnerà di più a fine stagione, la sfida dovrebbe essere vinta dal nuovo arrivato (SANFORD 2021)

 

Tambone al tiro

Tambone al tiro

MATTEO TAMBONE (2021) VS MATTEO TAMBONE (2020): Petrovic gli chiederà di giocare anche da playmaker, ruolo ricoperto da Tambone ad inizio carriera, e gli chiederà di continuare a dannarsi l’anima in difesa, dove gli toccheranno gli esterni più pericolosi.

Ma dovrà aumentare anche il rendimento offensivo, in quintetti dove potrà fare sia il play che la guardia, e anche l’ala piccola, magari accanto a Pacheco e Sanford.

Chi vince il confronto? L’anno scorso Repesa lo utilizzò per 22 minuti di media, e crediamo che anche Petrovic gli concederà un minutaggio simile, e simile dovrebbe essere anche il suo apporto per la nuova Carpegna Prosciutto. (Parità).

 

HENRI DRELL (2021) VS HENRI DRELL (2020): A 21 anni, o giochi un campionato da vero straniero, o la tua carriera ad alto livello potrebbe già essere conclusa precocemente, e speriamo che il ragazzo estone se ne renda conto, specialmente se ha ancora intenzione di avere qualche chance Nba, visto che dopo essersi ritirato dal draft per due volte consecutive, la prossima estate sarà quella in cui i classe 2000 saranno draftati.

Henri Drell

Henri Drell

Ma ai tifosi pesaresi, dei sogni americani di Drell interessa pochissimo, gli importa che giochi finalmente da protagonista, e che il suo rendimento sia maggiore rispetto a due stagioni dove non ha mai dimostrato di essere all’altezza del nostro campionato.

Chi vince il confronto? Repesa ci ha provato con le buone e con le cattive a farlo diventare un giocatore “vero”, ma alla fine non ci è riuscito, Petrovic tenterà, almeno all’inizio, un approccio differente, e non è casuale che sia quello con cui ha parlato di più finora, per spiegargli cosa si attende da lui, diamogli fiducia (DRELL 2021).

 

CARLOS DELFINO (2021) VS CARLOS DELFINO (2020) Il capitano ha voluto rimanere alla Vuelle, e di questo non possiamo che essere felici, perché classe e carisma non spariscono con l’età, anzi, acquisiscono un valore maggiore, e anche per il 2021 sarà il punto di riferimento per compagni vecchi e nuovi.

Carlos Delfino

Carlos Delfino

Fino al momento dell’infortunio, era stato uno dei protagonisti dell’ottimo girone d’andata della Carpegna Prosciutto, e le sue triple e i suoi assist rimangono dei pezzi pregiati in una pallacanestro sempre più monocorde come quella attuale.

Chi vince il confronto? Un anno in più, quando sei nato nel 1982 conta, e anche l’infortunio della scorsa primavera non aiuta, e per questi due motivi, non per altri, il suo rendimento potrebbe essere leggermente inferiore rispetto all’anno scorso (DELFINO 2020)

Appuntamento a domani con la seconda, ed ultima parte, del confronto tra vecchia e nuova Vuelle.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>