Italservice fuori dal Pala Nino Pizza fino al 15 settembre, il Comune: “Lavori rimandati in accordo con la società”

di 

25 agosto 2021

Lorenzo-Pizza-parla-al-microfono-1024x683PESARO – A pochi giorni dall’inizio della preparazione, l’Italservice Pesaro ha ricevuto dall’amministrazione comunale la comunicazione che sino al 15 settembre il Pala Nino Pizza non sarà disponibile a causa di lavori. Per questo dall’1 settembre – data prevista per lo start degli allenamenti precampionato – i biancorossi dovranno trovarsi altri impianti.

Una notizia che di certo non ha fatto piacere al presidente Lorenzo Pizza e a tutta la società: “Anche quest’anno il Comune ci ha comunicato che nelle prime due settimane di Settembre e quindi nelle nostre prime due settimane di preparazione non avremo a disposizione il Pala Nino Pizza e dovremo traslocare altrove. Iniziare lontano da casa non è il massimo. Lo abbiamo saputo pochi giorni fa e la cosa ci ha messo in difficoltà. E’ il terzo o forse quarto anno di fila che accade la stessa cosa. Non capisco veramente come sia possibile. Ci sono dei lavori da fare, lo sapevamo da mesi. Ma davvero non era possibile eseguirli in estate, con tutto lo sport fermo? Ora comunque ci stiamo riorganizzando”.

Ovvero: sedute al Circolo Tennis Trave di Fano, in palestra e presso la pista di atletica. Ma anche a Rimini, come sottolinea Pizza, ospiti del Rimini Calcio a 5 del presidente Giorgio Mulazzani: “Stiamo aspettando l’ufficialità, ma quasi certamente saremo loro ospiti all’RDS stadium sabato 11 settembre per un allenamento congiunto e giovedì 16 per la nostra prima amichevole stagionale. Grazie davvero al presidente Mulazzani e a tutta la società per la grande disponibilità e amicizia dimostrate”.

Italservice 00020Il patron dell’Italservice approfitta anche per fare il punto sulla squadra: “Abbiamo allestito una rosa importante, mantenendo l’ossatura vincente del passato e inserendo tre calciatori forti come Espindola, De Luca e Bolo al posto dei tre che sono partiti. Crediamo e speriamo di aver alzato ulteriormente il livello della squadra, in vista di una stagione che ci vedrà giocare tante partite, speriamo tantissime, in Italia e in Europa”.

Il riferimento è anche alla rinnovata Serie A, con 16 contendenti al via e con una conseguente regular season di ben 30 gare. A questa agenda va inserito come minimo il primo turno di Champions League, ovvero il Main Round (tre partite), e la Finale di Supercoppa Italiana con la Feldi Eboli. Sommando potenzialmente altre gare europee, quelle di Final Eight di Coppa Italia e i playoff scudetto, ecco che le partite del Pesaro potrebbero essere almeno 40, se non addirittura 50 nella migliore delle ipotesi con l’Italservice Pesaro in fondo a tutte le competizioni. Come Pizza, il club e tutti i tifosi pesaresi si augurano.

La replica degli assessori comunali Enzo Belloni e Mila Della Dora

«Leggiamo con stupore le affermazioni del presidente dell’Italservice Lorenzo Pizza, sul trasloco “forzato” della sua squadra. La decisione di far slittare di un mese i lavori al Pala Nino Pizza, previsti inizialmente a giugno, è stata presa in accordo con il presidente per permettere alla squadra di disputare le finali scudetto». I lavori, iniziati i primi di luglio, prevedono il rifacimento di tutto l’impianto di illuminazione e di emergenza (led), prove di carico (per certificare la struttura per il pubblico spettacolo), impianto di diffusione sonora, UPS in caso di emergenza, certificazione di prevenzione incendi. Non solo, «In attesa del termine dei lavori, erano state proposte al presidente Pizza altre soluzioni a Pesaro, ad esempio la struttura di Villa Ceccolini».I lavori potrebbero finire a fine settimana prossima (poi devono montare di nuovo il parquet). «Solo per questi interventi il Comune investirà un costo complessivo di 140mila euro per il padiglione D. Detto ciò, ci aspettiamo una corretta collaborazione tra le parti e non periodiche polemiche».  

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>