Carpegna Prosciutto ko contro il Cibona. E domani test contro Brindisi

di 

4 settembre 2021

Cibona-VuelleOPATIJA (Croazia) – Il Cibona Zagabria si aggiudica la Liburnia Cup battendo nettamente in finale la Carpegna Prosciutto per 80 a 51. Dopo un primo quarto ben giocato dai ragazzi di Petrovic, chiuso avanti per 19 a 12, nel secondo la Vuelle si disunisce, segnando solo 5 punti, e chiudendo il primo tempo sotto per 35 a 24.

Al contrario di quello che era avvenuto due giorni prima contro Lubiana, nella ripresa non c’è stata la reazione sperata, e Pesaro è scivolata inesorabilmente prima verso il meno 20, e poi verso il meno 29 finale, con Petrovic che decide di tenere in panchina Sanford per tutti i 20 minuti conclusivi, provando alternative, con Moretti e Pacheco contemporaneamente sul parquet, il play brasiliano è apparso più reattivo, attaccando il ferro con continuità e cercando l’intesa con Camara, che ha sfruttato gli assist del compagno per arrivare in doppia cifra.

Poco da salvare per il resto del gruppo, con Drell e Demetrio in difficoltà, soprattutto in difesa, dove hanno subito colpevolmente i tagli sulla linea di fondo dei croati, e Tambone meno presente rispetto al solito, il buon Zanotti, utilizzato da centro, ha alternato cose buone agli svarioni abituali, mentre la presenza di capitan Delfino è stata centellinata, per una Vuelle che ha tirato male dal campo (16 su 48 complessivo), e soprattutto ha forzato troppo le conclusioni dai 6.75, (28 tiri da tre, contro i soli 20 da due), e se tiri dall’arco col 21%, non hai molte possibilità di giocartela.

Senza Jones, al di là di qualche gioco a due con Camara, Pacheco sembra preferire lo scarico per i compagni sul perimetro, mettendoli in condizione di tirare piedi per terra, col piccolo problema che Pesaro ha sbagliato 20 delle ultime 22 triple tentate, anche se poi il break negativo è da attribuire ad una difesa troppo permissiva e disattenta su parecchie situazioni.

Archiviata la parentesi internazionale, la Vuelle oggi ritorna sul suolo italico, dove sarà impegnata domani pomeriggio alle 16,30 nell’amichevole contro Brindisi, che si svolgerà a Cavallino Tre Porti, vicino a Jesolo, e, salvo imprevisti, per la prima volta la Carpegna Prosciutto dovrebbe essere finalmente al completo, con Tyrique Jones che avrà appena il tempo di conoscere i suoi nuovi compagni, ma Petrovic sembra intenzionato a mandarlo sul parquet già per qualche minuto.

L’Happy Casa, come Pesaro, è già qualificata per le Final Eight di Super Coppa, che proprio ieri sera ha iniziato il percorso che designerà le quattro squadre che si qualificheranno alla manifestazione, in programma dal 18 al 21 settembre, e tutte le partite saranno visibili sia su Eurosport Player che su Discovery Plus, mentre non sappiamo se il match di domani sarà visibile da qualche parte, ma confidiamo che le due squadre si mettano d’accordo per trasmetterla sulle loro pagine Facebook.

Brindisi, che ieri sera è stata sconfitta per 92 a 72 dalla Virtus, è pronta a fare un campionato simile a quello dell’anno scorso, in cui era stata in testa fino a poche giornate dal termine, prima che il Covid la colpisse, situazione che poi si è protratta fino ai playoff, e le ha impedito di lottare per la finale scudetto, anche se come da tradizione, l’Happy Casa si è rinnovata, lasciando partire gli americani attratti da contratti più remunerativi, ma non vieni nominato casualmente miglior dirigente per due anni consecutivi, e il bravissimo Simone Giofrè anche quest’estate è riuscito ad allestire un roster di tutto rispetto, che magari non sarà al livello della Virtus o di Milano, ma che consentirà a Brindisi di lottare, con Venezia e Sassari, per il terzo posto.

Come tutte le big, l’Happy Casa ha scelto la formula del 6+6, affidando la cabina di regia al talentuoso Josh Perkins con capitan Zanelli a coprirgli le spalle, e il ritorno di Wes Clark non può che aver reso felice il pubblico brindisino, che sa di poter contare anche su delle certezze come Chappell e Nick Perkins, che si alternerà dentro l’area a Myles Carter, ma Frank Vitucci può contare anche sull’argentino Lucio Redivo, e sull’affidabilità di Gaspardo e Visconti, mentre è atteso ad una grande stagione Mattia Udom.

Come sempre, il risultato non sarà fondamentale, contro una squadra di livello superiore alla Vuelle, ma, dopo averne presa 30 dal Cibona, ci aspettiamo una Carpegna Prosciutto più presente, soprattutto in difesa, perché le triple possono entrare o no, ma se concedi 10 entrate al ferro agli avversari ogni partita senza opposizione, non porterai mai a casa i due punti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>