L’Italia celebra il 700° anniversario della morte di Dante con tre concerti diretti da Riccardo Muti. Fra i protagonisti Gurgen Baveyan, ex allievo dell’Accademia Rossiniana

di 

12 settembre 2021

Questo slideshow richiede JavaScript.

RAVENNA – Il Ravenna Festival ha organizzato un concerto straordinario nell’ambito delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, confermando di essere un’eccellenza della musica italiana.

Il concerto è in programma domenica 12 settembre, alle ore 20,30, nei giardini pubblici in Viale Santi Baldini 4, uno dei luoghi più suggestivi della bellissima Ravenna, e sarà replicato lunedì 13 a Firenze e mercoledì 15 a Verona. Gli appassionati potranno seguire il concerto di Ravenna  in streaming gratuito, ma solo su solo su ITsART.
Scrive il Ravenna Festival: “Domenica 12 settembre le celebrazioni dedicate da Ravenna al settimo centenario della morte del Poeta trovano il proprio momento culminante in una solenne giornata che vede intrecciarsi ritualità civili e religiose, con la partecipazione dei cittadini e di autorità provenienti da tutta Italia. Giusto un anno fa, con la restituzione a Ravenna e ai suoi visitatori di una Tomba splendidamente restaurata, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella diede inizio alle celebrazioni che, malgrado le difficoltà determinate dalla tragica emergenza sanitaria, hanno arricchito i dodici mesi successivi con centinaia di appuntamenti – non ultima l’apertura del nuovo Museo Dante – attraverso il coinvolgimento e l’impegno delle migliori energie creative della Città. E, nei prossimi mesi, altri importanti eventi contribuiranno a mantenere vivo quell’amore che, da settecento anni, Ravenna nutre per il “suo” Poeta. A coronare questa preziosa giornata di celebrazione è un altro straordinario evento: il concerto che il Comune di Ravenna – in collaborazione con Ravenna Festival, reduce dal successo di una XXXII edizione dedicata a Dante, e con le città di Firenze e Verona – offre al pubblico anche grazie al Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, Rai e ITsART. Il Maestro Riccardo Muti, che lo dirige, ha voluto riunire musicisti e compositori che rappresentano pienamente l’universalità del messaggio dantesco: quel messaggio di speranza, cultura e civiltà che la Città di Ravenna, insieme al suo più illustre artista, rivolge al mondo intero”.
Il programma del concerto è uguale per le tre serate:
Riccardo Muti dirige l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, i musicisti dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino (maestro del coro Lorenzo Fratini).
Il programma di sala:
Giuseppe Verdi (1813-1901):
Laudi alla Vergine Maria per coro femminile a 4 voci dai Quattro pezzi Sacri
Tigran Mansurian (1939), che sarà presente al concerto:
Purgatorio
I O sante Muse
II  O Padre
Gurgen Baveyan baritono
Giovanni Sollima violoncello
(commissione di Ravenna Festival: prima italiana)
Franz Liszt
Dante-Symphonie, da Dante Alighieri, S 109
Fra i protagonisti, il baritono Gurgen Baveyan, ex allievo dell’Accademia Rossiniana, che pu24.it intervistò nel 2017 (rileggi l’intervista qua), raccontando il grande successo ottenuto dal cantante armeno sia nel Concerto finale dell’Accademia, sia nel Viaggio a Reims.
La partecipazione di Gurgen Baveyan ai tre concerti in omaggio a Dante Alighieri è l’ennesima conferma delle qualità dell’Accademia Rossiniana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>