Primo giorno di scuola a Fano con inaugurazione della nuova primaria di Cuccurano

di 

15 settembre 2021

FANO – E’ stata inaugurata questa mattina, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico, la nuova scuola primaria di Cuccurano. La nuova struttura di Via Dubcek, che comprende anche una nuova palestra, ospiterà circa 200 studenti ed è allestita con i nuovi arredi scolastici (banchi, sedie, armadietti, laboratori, tecnologie) ordinati e acquistati dal Comune di Fano per un importo di 200mila euro.

Oltre ad alunni, insegnanti e personale scolastico sono intervenuti il Sindaco Massimo Seri, la Dirigente scolastica Silvia Faggi Grigioni, SE il Vescovo Armando Trasarti e l’Assessore ai Servizi Educativi Samuele Mascarin, che hanno poi tagliato il nastro per l’inaugurazione del nuovo complesso scolastico fanese, che ha visto un investimento di circa 5 milioni di euro da parte dell’ente locale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Una bellissima giornata: non solo per Cuccurano e Carrara, ma per tutta Fano” – rivendica il Sindaco, Massimo Seri – “In un momento nel quale l’Amministrazione comunale di Fano sta perseguendo politiche di investimento, anche finanziario, per garantire la qualità, l’inclusività e la massima estensione dei servizi educativi, questo nuovo e ulteriore traguardo ci rende felici e dimostra concretamente cosa voglia dire per una città dare la priorità ai servizi per le bambine e i bambini”

“Oggi inizia una nuova avventura per bambini e insegnanti, in uno spazio che offre grandi opportunità e merita un investimento anche educativo e pedagogico” – aggiunge la Dirigente scolastica dell’Circolo Didattico “Sant’Orso”, Silvia Faggi Grigioni.

“In questi ultimi due mesi il Comune di Fano ha messo in campo uno sforzo organizzativo e logistico enorme per garantire il migliore avvio possibile per la nuova scuola primaria e per le attività didattiche che ospiterà” – conclude l’Assessore ai Servizi Educativi, Samuele Mascarin – “Sono molto felice perché non era un risultato scontato, il cui raggiungimento però dovevamo agli studenti, alle famiglie, agli insegnati e a tutta la nostra comunità. Ci siamo riusciti”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>