F.1 GP Qatar: vince Hamilton davanti a Verstappen. Torna sul podio Alonso, 7° Sainz, 8° Leclerc

di 

21 novembre 2021

HAMILTON FESTEGGIA LA VITTORIA IN QATARLOSAIL  (Qatar)-   Lewis Hamilton con una prova di forza vince il Gp del Qatar, dove la F.1  arrivava per la prima volta.  Hamilton prosegue la sua rincorsa su Max Verstappen,  vittoria  numero 103 per l’asso della Mercedes, che ora “soffia” pesantemente sul collo del rivale, che si difende come può racimolando anche il punto del giro più veloce, pur di non cedere troppo all’avversario. Verstappen partito penalizzato di 5 posizioni  per non aver rispettato ieri in qualifica la bandiera gialla, ha spremuto al massimo la sua Red Bull, ma si è avuto la sensazione che oggi la Mercedes ed Hamilton fossero imprendibili anche se l’olandese fossa partito dalla prima fila. A due gare dalla fine sono 8 i punti che dividono Verstappen da Hamilton, per un finale che dire incandescente è dir poco. Visto l’aria di polemiche tecniche, decisioni a volte discutibili da parte dei commissari  ed altro, c’è da augurarsi che sia la pista ed il grande talento di questi due campioni a decidere questo mondiale che grazie a loro è tornato ad interessare. In Qatar oggi c’è stata un’altra grande impresa o meglio un ritorno di un grande Campione sul podio, stiamo parlando di Fernando Alonso, stupendo terzo. Il due volte iridato quarantenne spagnolo, dopo aver disputato una ottima qualifica e dopo essere stato avvantaggiato in partenza dalla penalizzazione di Verstappen e Bottas, ha condotto da par suo una gara perfetta riportando l’ Alpine, dopo la vittoria in Ungheria di Ocon nei piani nobili. 

FERRARI-  Sainz settimo e Leclerc ottavo, questo il verdetto di Losail, per una Ferrari apparsa in difficoltà fin dalle qualifiche di ieri, che hanno visto Leclerc escluso dal Q3. I due piloti del Cavallino ci hanno messo ancora del loro, in pista e con strategie azzeccate per contenere il ritorno della McLaren, avversaria per il terzo posto nel Costruttori. Per loro fortuna Norris sbaglia strategia e finisce dietro le Rosse, mentre Ricciardo,ancora in una fase negativa chiude fuori dai punti. Al netto di tutte le considerazioni obbiettivamente, oggi al massimo per  Leclerc e Sainz si poteva ripetere un risultato di un paio di posizioni più avanti, come avvenuto ultimamente. Un finale di stagione nel quale i fans del Cavallino si aspettavano almeno un  lampo,un regalo di speranza per il futuro, ovviamente per un gradino del podio,escluso i primi due. Mai dire mai, ma per le due gare restanti, scommettere su quello detto sopra è difficile. 

TOP TEN- Quarto posto per Sergio Perez, il messicano dopo la deludente qualifica di ieri, supportato da una Red Bull perfetta, con una rimonta grintosa porta punti pesanti alla causa del titolo costruttori, visto anche il ritiro dell’altra Mercedes di Bottas. Quinto con l’altra Alpine Esteban Ocon, incitato via radio anche da Alonso nella lotta con Perez. Sesto posto per un positivo Lance Stroll con la Aston Martin di “papà”. La “verde” inglese fa “doppietta” nei punti con il decimo posto di Vettel. Non posto alle spalle delle Ferrari, per Lando Norris. La rivelazione inglese ci mette ancora tanto del suo per difendere la McLaren nella lotta con la Ferrari, ma il glorioso team, dopo un inizio anno sfolgorante è calata in questo finale.

Quindici giorni per un altro GP al debutto in Arabia Saudita, con Verstappen a + 8 da Hamilton e la Mercedes a +5 dalla Red Bull,  le premesse per “scaldare” ancor di più il deserto arabo ci sono tutte.

ORDINE DI ARRIVO GP DEL QATAR

L'esultanza del team Alpine per il terzo posto di Alonso

L’esultanza del team Alpine per il terzo posto di Alonso

1)-HAMILTON

2)VERSTAPPEN-RED BULL

3) ALONSO-ALPINE

4) PEREZ-RED BULL

5)OCON-ALPINE

6)STROLL-ASTON MARTIN

7)SAINZ- FERRARI

8) LECLERC-FERRARI

9)NORRIS-McLAREN

10) VETTEL-ASTON MARTIN

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>