F1 in Arabia pole di Perez davanti a Leclerc e Sainz. Debacle Mercedes: Hamilton fuori in Q1. Terribile incidente per Schumacher

di 

27 marzo 2022

Sergio Perez festeggia la sua pole

Sergio Perez festeggia la sua pole

JEDDAH (Arabia Saudita)- Prima di celebrare la sensazionale pole di Sergio Perez, primo pilota messicano ad ottenere questo risultato, diamo spazio al terribile ed al momento sembra solo spettacolare , incidente che ha visto coinvolto Mick Schumacher. Il giovane figlio d’arte lanciato nel tentativo di entrare in Q3, perde il controllo della sua Haas motorizzata Ferrari e va a schiantarsi a circa 240 km /h contro le barriere dell’ insidioso toboga arabo. Dopo i primi attimi di ovvia apprensione, i medici hanno rassicurato che il giovane tedesco era cosciente e dopo essere stato estratto dai rottami della sua monoposto lo si è visto parlare con chi gli era attorno. Poi dopo essersi consultato con mamma Corinna, si è convinto a recarsi presso l’ospedale della città araba per ulteriori accertamenti. 

Leclerc sorpreso in pole, pronto al riscatto in gara

Leclerc sorpreso in pole, pronto al riscatto in gara

LA POLE-  Torniamo alla fantastica prestazione di Sergio “Ceco” Perez, il messicano trova il giro perfetto e scalza la Ferrari di Charles Leclerc, in cuor suo sicuro di ripetere la prestazione della scorsa settimana in Bahrain. 25 sono i millesimi che separano la Red Bull di Perez dalla “F.1 75” di Charles Leclerc. Terza piazza per Carlos Sainz il madrileno è parso fino alla fine l’unico antagonista del compagno di squadra ma la F.1 in particolare in questo inizio di stagione si conferma cosa mai certa. Quarto tempo per Max Verstappen, il Campione del Mondo è parso scosso  dopo il ritiro  beffa di domenica scorsa. Quando è partito per il giro finale era addirittura ottavo. Il distacco dal compagno in pole è di poco superiore ai due decimi, quindi per uno come Verstappen niente è impossibile per la gara, ma quello successo lo scorso week end alla sua Red Bull e la ritrovata , e confermata oggi competitività della Ferrari , stanno agitando il focoso olandese.

L'IMPRESSIONANTE IMMAGINE DELLA HAAS DI SCHUMACHER DOPO L'INCIDENTE

La Haas di Schumacher dopo l’incidente

TOP TEN- Proseguendo nella top ten quinto tempo per il sempre più concreto Estaban Ocon il francese porta la sua Alpine in una buona posizione, mettendosi alle spalle la Mercedes di George Russell.  L’ inglese che salva la faccia della Stella d’argento dopo la clamorosa eliminazione in Q1 di Lewis Hamilton. Il sette volte iridato partirà salvo penalizzazioni sedicesimo, confermando nonostante la prova di Russell, che la Mercedes deve ancora trovare quella competitività che l’ha resa la dominatrice di questi ultimi anni. Settimo posto per Alonso con l’altra “rosa” Alpine. L’ex Campione è battuto per l’ennesima volta dal compagno, ma ha dalla sua ancora una classe che a 42 anni gli permette di essere ancora lì fra i primi dieci.Ottavo tempo per Bottas, che si conferma con la sua Alfa Romeo- Sauber motorizzata Ferrari una piacevole e consistente sorpresa di questo inizio stagione. Nona piazza per Pierre Gasly sempre concreto, almeno in qualifica, con la Alpha Tauri made in Faenza. Chiude la top ten Kevin Magnussen, ripescato dalla Haas dopo “l’embargo” del russo Mazepin, il danese come detto per Bottas, conferma la crescita della Haas motorizzata Ferrari, dimostrato di non aver perso lo smalto dopo un anno di sosta. Ovviamente domani quella di Magnussen sarà l’unica Haas al via. 

Dopo i problemi e la ventilata possibilità di annullare il Gran Premio a causa dell’attentato missilistico dell’altro giorno, avvenuto a poca distanza dal circuito, domani la F.1 prosegue il suo cammino. Senza voler scendere in polemiche o considerazioni diciamo che la “ricca “ signora F.1, come dice un popolare detto :” ha il potere di fare andare l’acqua all’insù”. Comunque sarà ancora una gara spettacolare con il “popolo” ferrarista pronto ad un’altra notte da sogno.

Diretta esclusiva su SKY alle 19, differita in chiaro su TV8 alle 21,30

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>