La stagione della Vuelle finisce tra gli applausi dei 6mila della Vitrifrigo Arena. La Virtus passa 55-75 e col 3-0 nella serie va in semifinale

di 

20 maggio 2022

Ufficio Stampa Carpegna Prosciutto*

PESARO – Alla Vitrifrigo Arena la Virtus Segafredo Bologna vince Gara 3 dei quarti di finale playoff per 55-75 e si qualifica per le semifinali. La Carpegna Prosciutto Basket Pesaro offre un’altra prestazione fatta di tanto cuore, grinta e intensità che viene ricambiata con gli applausi a scena aperta dei 6000 della Vitrifrigo Arena.

Coach Luca Banchi manda in quintetto Moretti, Mejeris, Sanford, Delfino e Jones mentre Coach Sergio Scariolo si affida ad Hackett, Hervey, Jaiteh, Cordinier e Weems.

283001841_7397431953661908_3138917399000973004_nIl primo canestro della serata lo realizza Cordinier seguito dalle triple di Hervey e Hackett per lo 0-8 iniziale. Jones firma i primi punti biancorossi, poi Delfino subisce il fallo di Hervey sul tentativo di tiro dalla lunga distanza. Carlos fa 3/3 in lunetta mentre la bomba di Moretti vale la nuova parità a quota 10. Hackett riporta avanti la Virtus con la tripla del 10-14. Il match è molto intenso, Lamb infiamma la Vitrifrigo Arena con il break personale di 5-0 che vale il nuovo pareggio. Pajola replica al sorpasso di Jones. Belinelli dall’arco firma il 19-21 con cui si conclude il primo quarto.

Il secondo periodo si apre con la grande bomba di Tambone per il 22-21. Coach Scariolo chiama timeout dopo il canestro del +5 di Zanotti, Mejeris da sotto è una garanzia e la Carpegna Prosciutto Basket Pesaro al 15′ va sul 31-25 anche grazie a un’ottima difesa. Timeout per la panchina pesarese a 4’12” dall’intervallo sul 31-27; al 17′ gli arbitri fischiano il terzo fallo ai danni di Moretti, Jaiteh in schiacciata replica a Sanford per il 33-33. Si va alla pausa lunga sul 35-35.

Al rientro dall’intervallo il primo punto dalla lunetta è di Jaiteh. La gara è combattutissima, al 24′ i campioni d’Italia sono avanti 39-42. Coach Banchi chiama timeout dopo il tiro da tre di Hackett (39-45); Tambone riporta la Carpegna Prosciutto Basket Pesaro a -6, i due liberi di Weems valgono la doppia cifra di vantaggio ospite. Moretti realizza la tripla che riavvicina la VL, Belinelli da tre è preciso e a due minuti dalla fine del terzo quarto il punteggio è sul 45-56. Gli arbitri fischiano fallo sul tentativo dalla lunga distanza di Belinelli e subito dopo ai danni di coach Banchi per proteste. Al 30′ il tabellone è sul 45-59.

Gli ultimi dieci minuti iniziano con i due liberi di Jones e dall’altra parte l’appoggio a canestro di Alibegovic. I bianconeri allungano ancora con due punti del numero 7, Lamb non molla e al 35′ il tabellone è sul 53-66. Coach Banchi chiama timeout a 4’24” dalla fine dopo la tripla di Hervey del 53-69. Negli ultimi minuti la squadra di coach Scariolo mantiene un margine di vantaggio che le permette di chiudere la serie playoff e staccare il pass per la semifinale. Capitan Delfino esce e lascia spazio a Umberto Stazzonelli: il match termina sul 55-75, per la VL termina così una stagione ricca di entusiasmo e soddisfazioni.

Il miglior realizzatore tra i biancorossi è Doron Lamb, autore di 15 punti. Ad assistere al match anche i campioni della MotoGP™: il nove volte iridato Valentino Rossi, il vicecampione del mondo 2021 Francesco Bagnaia e Andrea Migno.

Coach Luca Banchi in sala stampa commenta Gara 3 dei quarti di finale playoff disputata contro i campioni d’Italia: “Ancora una volta abbiamo tentato di andare oltre i nostri limiti per cercare di competere contro una vera corazzata. Abbiamo giocato 20 minuti coraggiosi, poi la fisicità della Virtus ha assorbito tante energie e le nostre percentuali si sono abbassate. La valutazione della stagione, dello staff e di tutto il club è molto positiva, tutti hanno fatto un gran lavoro per invertire un’annata che stava prendendo una brutta piega. Ho chiesto ogni giorno alla squadra uno sforzo pazzesco per dar vita a qualcosa di speciale. Tutti hanno lavorato duramente per centrare questo obiettivo, il primo pensiero va alla squadra che non va in campo ma che ogni giorno ci permette di suscitare emozioni”.

“Qui a Pesaro si respira tanto amore per la pallacanestro, abbiamo costruito qualcosa di importante e restituito a Pesaro qualcosa di importante: questa è la VL che il pubblico desidera con il relativo tifo. Spero che questa possa essere una pietra angolare per le prossime stagioni. Questi playoff sono serviti al club per capire come costruire e come migliorare in futuro, posso dire con orgoglio che questa esperienza a Pesaro per me ne è valsa davvero la pena”.

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 55-75 (19-21; 35-35; 45-59)

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO: Mejeris 7, Moretti 7, Tambone 7, Stazzonelli, Lamb 15, Camara, Dia ne, Zanotti 2, Sanford 4, Demetrio ne, Delfino 5, Jones 8 Coach: Banchi

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Tessitori 4, Cordinier 6, Mannion, Belinelli 11, Pajola 3, Alibegovic 9, Hervey 7, Ruzzier, Jaiteh 15, Hackett 12, Sampson, Weems 8 Coach: Scariolo

Arbitri: Sahin, Baldini, Bongiorni

Spett.: 5859

Un commento to “La stagione della Vuelle finisce tra gli applausi dei 6mila della Vitrifrigo Arena. La Virtus passa 55-75 e col 3-0 nella serie va in semifinale”

  1. EsseGi scrive:

    “Costruire e migliorare”…
    C’è molto da fare perché non si possono sbagliare le valutazioni sugli stranieri come si è fatto quest’anno proprio perché il budget non lo permette…
    Gli italiani sono 3, Moretti Tambone Zanotti saranno confermati?
    Delfino giocherà ancora? E poi si calerà nel ruolo di primo cambio per diversi ruoli, vista la sua esperienza…
    Jones, resterà o rimarrà l’esperienza pesarese un passaggio per ben altre squadre che gli offriranno ricco contratto?
    Camara, frenato da lunga malattia e da inesperienza con pochi minuti giocati ma è la fine che fan tutti i giovani lasciati, in ogni sport, in panchina a non aver la fiducia delle società… Lo si è visto pure ieri sera Stazzonelli entrato per un minuto e niente per Dia e Demetrio (che seppur limitato) meritavano il parquet…
    Il resto degli stranieri è da dimenticare, non lasceranno tracce nella memoria dei tifosi pesaresi…
    Comunque, viste le premesse, il nostro “scudetto” lo abbiamo vinto salvandoci…
    Ci si risente al prossimo anno e sempre FORZA PESARO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>