F1 Gp Olanda: pole di Verstappen che infiamma il suo pubblico, poi le due Ferrari

di 

4 settembre 2022

ZANDVOORT (Olanda) – Max Verstappen infiamma con la Pole Position, la marea arancione accorsa per acclamare il suo campione. Bene le Ferrari 2° Leclerc a 21 millesimi, 3° Sainz. Questo il verdetto delle qualifiche del GP di Olanda sullo storico circuito di Zandvoort. Verstappen salutato con boati ad ogni passaggio, con l’esplosione finale dal suo pubblico, ha avuto anche un pizzico di fortuna, quando nell’ultimo tentativo dei due ferraristi sono state esposte le bandiere gialle a causa dell’uscita di pista dell’altra Red Bull di Perez. Ma episodi a parte Verstappen e la Red Bull, si sono dimostrati ancora una volta un binomio perfetto, impressionante la capacità tecnica di quel genio di Adrian Newey, nel sviluppare e modificare sempre in meglio la “sua” monoposto di gara in gara, anche quando ci sono solo sette giorni fra una e l’altra. Una nota positiva anche per la Ferrari, che fin da ieri nelle libere ha dimostrato di non essere quella “depressa” vista la scorsa domenica in Belgio, ma nemmeno quella irresistibile sul giro secco di inizio stagione quando non aveva rivali. Leclerc e Sainz dovranno impegnarsi al massimo domani, sopra tutto azzeccando la partenza e sfruttando un passo gara, che sembra ottimo, per provare a rendere difficile la vita a “Super” Verstappen e la sua Red Bull …con le ali , oltre che spinta da una marea di pubblico mai vista in un gran premio. Con l’augurio che i soliti “ imbecilli”, che ci sono ovunque, non esagerino come oggi, quando è “piovuto” un fumogeno in mezzo la pista ad inizio del Q2, fortunatamente senza auto in passaggio.

TOP TEN

Quarto tempo per Lewis Hamilton, con una Mercedes che grazie al “nuovo” regolamento, che ha imposto di alzare le monoposto di 15 millimetri, senza polemiche, ma per caso non saltella più e si è ricandidata come protagonista. Quinta piazza per Sergio Perez, oggi in ombra e “nervoso” con anche la toccata finale. Sesto George Russell, che sembra dopo i lampi d inizio stagione di iniziare a patire il ritorno del compagno Hamilton. Settimo Lando Norris, il pilota della McLaren, ormai è una certezza se poi ha una macchina decente è sempre fra i protagonisti, mettendoci del suo e a parere di tutti ne ha…tanto. Una citazione la merita Mick Schumacher per l’ottava posizione conquistata con determinazione in un momento particolarmente delicato della sua carriera. In Haas i rapporti sembrano ormai ai ferri corti, la Alpine pare orientata su Gasly per sostituire Alonso ed il futuro in F.1 per il figlio del “Kaiser” Michael, appare incerto. Si rivede in top ten Yuki Tsunoda ,nono tempo oggi, il “mini” giapponese della Alpha Tauri, alterna prestazioni maiuscole a deludenti, ma nel “totale” merita di essere un pilota di F.1. Chiude la “decina” dei migliori, Lance Stroll, con la “sua”, in tutti i sensi Aston Martin, il giovane canadese come detto per Tsunoda, a volte non sembra essere solo il figlio…del padrone, alternando le sue prestazioni da deludenti a sorprendenti come oggi.

LA GARA

Domani il GP di Olanda sarà trasmesso in diretta esclusiva SKY alle 15 e differita su TV8 alle 18. E’ palese che c’è un super favorito , del quale è superfluo ripetere il nome. Con la Ferrari che deve e proverà ad attaccare con Leclerc e Sainz , possibilmente …aiutati da un muretto box, meritevole di portare lo Scudetto del Cavallino cucito sulle maglie, pronti a cogliere ogni eventuale, anche se al momento appare improbabile, incertezza di Verstappen. Certo che fare diventare “rossi” di rabbia migliaia di “arancioni” equivarrebbe in questo momento, quasi come alla vittoria del Campionato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>