Comune di Pesaro: Nobili presenta la Variazione al Bilancio da 3,1mln imposta dal caro-bollette

di 

22 novembre 2022

Andrea Nobili, assessore al RigorePESARO – Passa in Giunta la variazione al Bilancio da 3.150.106,90 euro che sarà discussa nel prossimo Consiglio comunale del 28 novembre e che punta, ancora una volta, «a destinare le risorse nei settori chiave della città: servizi educativi, sociale e cultura» e che «riserva un’attenzione particolare anche alle manutenzioni». Andrea Nobili, assessore al Rigore, presenta il documento che «ci permette di allineare le richieste che arrivano dai vari Servizi del Comune, inserire i contributi “risparmiati” e i nuovi finanziamenti ottenuti, colmare le voci di maggiori spesa dovute al caro-energia».

Come nel caso dei 616.200 euro a copertura degli aumenti del servizio illuminazione pubblica, «di questi 200.000 provengono dall’avanzo libero e 216.200 euro del fondo Covid del 2020 – dice Nobili -. Grazie a un attento lavoro degli uffici e alla strategia scelta dall’Amministrazione, siamo riusciti a conservare questo “tesoretto”». Tesoretto composto da 829mila euro di avanzo vincolato di trasferimenti dello Stato per il Covid; da 200mila euro dell’avanzo disponibile; da 280mila euro di ristori ministeriali per il caro-bollette (una parte dei 525mila complessivi). Somme utili per far fronte «alla nuova priorità – gli aumenti dei costi dell’energia – che avrà i suoi effetti maggiori nel prossimo Bilancio previsionale. Come accaduto nel 2022, dobbiamo trovare risorse per circa 3,5/4 milioni di euro. Un importo a cui siamo riusciti a far fronte, nella precedente annualità, utilizzando gli stanziamenti del Governo, l’avanzo di bilancio e le risorse incamerate grazie alla fedeltà fiscale dei pesaresi. Il 2023 sarà molto complesso ma cercheremo ancora una volta di prepararci con tempestività approvando il Bilancio prima del termine imposto dalla legge (dicembre, ndr) e mettendo al sicuro le voci di spesa a supporto dei più deboli e delle famiglie. Scelta che ci permetterà un margine di manovra per aggiustare, in itinere, la situazione economica dell’ente del 2023, inserendo ad esempio gli aiuti che il Governo – ci auguriamo – stanzierà per i Comuni».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>